NEWS

Continental: l'impianto hi-fi per auto senza casse

30 giugno 2017

Il nuovo sistema audio sperimentale Ac2ated impiega attuatori che muovono le superfici dell’abitacolo e producono i suoni.

Continental: l'impianto hi-fi per auto senza casse

SUONO DI QUALITÀ - I grossi cambiamenti a cui andranno incontro le automobili nei prossimi anni riguarderanno anche i sistemi audio, che saranno più leggeri e compatti di quelli odierni in maniera da liberare nuovo spazio nell’abitacolo. La Continental sta lavorando per esempio a una tecnologia ispirata agli strumenti musicali a corda, che prevede attuatori in luogo dei tradizionali altoparlanti: il suono viene emesso facendo vibrare determinate superfici nell’abitacolo e non generando compressioni e rarefazioni nell'aria, come avviene invece con gli altoparlanti tradizionali. La tecnologia si chiama Ac2ated Sound Continental e dovrebbe mantenere invariati gli standard musicali di uno stereo d’alta gamma, secondo la Continental, che ha sottoposto il nuovo impianto all’attenzione del noto liutaio e professore Martin Schleske: il suo giudizio è stato molto convincente, stando a quanto riportato dall’azienda tedesca.

PIÙ SPAZIO ALL’INTERNO - In questo modo l’interno del veicolo si trasforma in uno strumento ed emette un suono più avvolgente, dal momento che gli attuatori occupano una superficie molto ampia dell’abitacolo e non soltanto alcune zone periferiche. La logica di funzionamento di Ac2ated Sound Continental è analoga a quella di un violino: le onde sonore vengono prodotte da alcuni attuatori, simili al nucleo di un altoparlante tradizionale e composti da un magnete e una bobina, che muovono alcuni rivestimenti dell’abitacolo e li trasformano di fatto in sorgente sonora. Non tutte le aree dell’abitacolo si comportano allo stesso modo, perché ad esempio l’involucro dei montanti anteriori è più adatto per le alte frequenze e l’interno delle portiere si addice alle frequenze medie. Gli attuali impianti audio di alta gamma possono includere fino a 20 altoparlanti, pesare anche 20 chili e occupare fino a 30 litri, mentre Ac2ated pesa minimo 1 chilo e richiede 1 litro di volume per essere stivato. La tecnologia si può adattare per le utilitarie e le ammiraglie, montando da 3 a 12 canali audio.

VIDEO
Aggiungi un commento
30 giugno 2017 - 18:12
Tanto affascinante quanto inutile.
Ritratto di vespa50
30 giugno 2017 - 18:21
Se ricordo bene studiavano questa cosa già 10 anni fa...
Ritratto di Leonal1980
2 luglio 2017 - 01:09
3
Si la bose.. anche 20 anni fa ed è tutt'altro che inutile fr4ncesco..
Ritratto di basti73
30 giugno 2017 - 19:19
Un pò come fa il Vibe-Tribe che fa vibrare la superficie su cui è appoggiato.
Ritratto di Dirk
30 giugno 2017 - 20:06
Da ascoltare e per giudicarlo ci vuole la classica. Sembra comunque interessante.
Ritratto di studio75
1 luglio 2017 - 09:34
5
vorrei capire se le vibrazioni che determinano il suono possono, in qualche modo, provocare anche dei problemi alle parti assemblate dell'abitacolo generando col tempo fastidiosi scricchiolii. Oppure, nel caso in cui si sia coinvolti in un incidente, il sistema audio che fine fa? Cioè un impianto audio classico lo smonto/lo sostituisco ma uno così integrato potrebbe risultare definitivamente compromesso da un serio incidente.
Ritratto di Leonal1980
2 luglio 2017 - 01:11
3
Non è integrato, sono dispositivi piccoli quanto un Twitter che fanno vibrare la normale superficie dell'auto che sarà di un apposito materiale. Come le nuove casse da cellulare
Ritratto di studio75
2 luglio 2017 - 09:58
5
ok, il miio dubbio è proprio sull'apposito materiale di cui saranno fatti gli interni per rispondere alle vibrazioni dei piccoli disposititvi. Mi sembra di capire che il loro funzionamento dipenda strettamente dal materiale con cui saranno rivestite le superfici interne. se si danneggia questo materiale in un incidente devi spendere una cifra considerevole per ripristinare gli interni . Ciò sicuramente non avviene con gli attuali sistemi hifi.
2 luglio 2017 - 12:38
Credo lo stesso anche se si usura. Una cosa è cambiare un intero pannello, un'altra l'altoparlante. Poi se mi appoggio sul poggibraccia, ad esempio, il contatto non va a deformare la superficie, quindi le vibrazioni e quindi il suono?
Ritratto di AMG
1 luglio 2017 - 11:22
Pardon, ma le superfici spero allora siano apposite per adattare la tecnologia e riprodurre il suono in maniera efficace. Certamente non possono rimanere quelle solite... E allora il costo? Come tecnologia comunque è interessante, per un'auto di un futuro ovvio. Tuttavia non conosco la qualità audio ed il costo, per l'utilizzo efficiente degli spazi e dei pesi perlomeno però promette qualcosa
Pagine