NEWS

Assetto Corsa: il gioco di simulazione scelto dalla Porsche

25 novembre 2016

La Porsche utilizzerà Assetto Corsa come simulatore nei suoi Porsche Experince Center.

Assetto Corsa: il gioco di simulazione scelto dalla Porsche

ASSETTO CORSA - Assetto Corsa è uno dei giochi di simulazione racing più noti al mondo disponibile sia per Pc sia per consolle PS4 e Xbox. La casa di produzione è italiana,  Kunos Simulazioni,  con sede all'autodromo di Vallelunga. La maggior parte delle piste sono riprodotte con la tecnologia laser scan, che permette di avere un fedeltà millimetrica dell'asfalto e delle pendenze. Le auto e le piste sono aggiornate periodicamente: ora sono stati appena lanciati il primo è il secondo "Pack" contenente le Porsche, tra le quali la 919 Hybrid e la 911 Gt3 RS. I pack sono acquistabili on-line sulle piattaforme dedicate (per i Pc è Steam).

PRIMA, LA NUOVA 911 - “I primi contatti risalgono a quattro anni fa”, ci dice Marco Massarutto, executive manager di Kunos Simulazioni. E oggi la Porsche ha scelto “proprio noi come partner ufficiale per l’utilizzo dei giochi di simulazione con le loro auto nei Porsche Experience Center”. Significa che 24 Porsche totali, tra classiche e moderne, faranno parte e saranno sviluppate dal team di Assetto Corsa. Si va dalla 919 Hybrid alla Cayman GT4, dalla leggendaria 962 Rothmans alla Macan. “Ma la 911 l’abbiamo sviluppata per prima, con tutte le difficoltà fisiche che ha comportato rendere il movimento dell’asse posteriore sterzante superati con la presa di conoscenza di alcuni degli algoritmi di Porsche”.

DESIGN e FISICA - Un’auto virtuale si sviluppa in tre mosse. Si parte dai CAD che la casa d’auto fornisce. Da questi si ricavano i dati per il design di esterni e interni (“E Porsche è stata molto esigente, anche per quanto riguarda gli optional”) e quelli per le sospensioni, fondamentali per quella che tecnicamente si chiama “fisica dell’auto virtuale”. Poi c’è la parte per il sound. Della fisica in Assetto Corsa si occupa Aristotelis Vasilakos, colui che progetta e testa l’handling e che deve “avvicinarsi il più possibile a quella vera. Abbiamo mandato più volte il nostro modello a Stoccarda fino a quando i piloti Porsche, giocando, hanno dato l’ok”. Del resto, si sa, il motore fisico di Assetto Corsa è uno dei più evoluti, che permette di mischiare elemento virtuale e reale come pochi. Ed è questo uno dei motivi per cui Porsche AG ha cercato e voluto lavorare con Kunos Simulazioni. Alla fine, viene il sound.

SOUND E IBRIDO - Poi viene il lavoro sul sonoro. “In Porsche hanno un campionamento straordinario del sound delle loro auto. Noi abbiamo avuto accesso a quello”. Perché il sound è parte integrante di un’esperienza quanto più possibile reale di guida. Spesso comunque è necessario lavorare su elementi nuovi. E qui lo scambio tra casa automobilistica e software house è molto intricato. È stato così per lo sviluppo della 919 Hybrid da Le Mans. Il lavoro per finire un’auto virtuale supera spesso così le 4 settimane. “Ma Porsche è molto coinvolta in questo mondo, tanto che a Stoccarda c’è un team dedicato proprio al mondo dei simulatori. Ed è con quello che noi lavoriamo”, conclude Massarutto.

Aggiungi un commento
Ritratto di golfista97
26 novembre 2016 - 14:28
Diciamo da almeno 300 euro, senza andare a scomodare i fanatec :)
Ritratto di Siux
27 novembre 2016 - 11:28
@Dicoluc ti quoto in pieno, sono un fanatico delle simulazioni, da circa due anni lo uso su PC cucito su misura e con, ovviamente, volante e pedaliera, ne sono pienamente soddisfatto, e la prossima settimana, complice i forti sconti black farisei su amazon inghilterra, lo giocherò su Oculus Rift! ho la bava alla bocca...
Ritratto di studio75
27 novembre 2016 - 09:30
5
probabilmente in futuro (2020 con la nuova ps5) la visita virtuale sostituirà quella fisica dal concessionario e l'auto la compreremo su amazon (il black friday con sconto :).