NEWS

Assicurazione auto: l’Italia è dove si spende di più

Pubblicato 21 luglio 2020

In un raffronto con gli altri Paesi europei è emerso che, in media, gli italiani pagano 135 euro in più. Quali sono i motivi?

Assicurazione auto: l’Italia è dove si spende di più

CONFRONTO - L’IVASS, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, lo scorso giugno ha presentato la “Relazione annuale sull’attività” al cui interno è presente un raffronto dell’RC auto italiana rispetto a quella di altri grandi Paesi dell’Unione Europea come Francia, Spagna, Germania (e Regno Unito). Dal report emerge che in Italia a fine 2018 si spendevano mediamente 90 euro (esclusi gli oneri fiscali e parafiscali) in più rispetto agli altri paesi europei. 

I MOTIVI - Anche se tale differenza di prezzo si è ridotta nel corso degli anni (nel 2012 ammontava a 202 euro), stando al report dell’IVASS il maggior esborso per i consumatori italiani è dovuto essenzialmente a due voci di spesa. La prima è relativa al maggior costo dei sinistri sostenuto dalle assicurazioni (che viene quantificato in 89 euro) e dalle più alte spese di acquisizione e gestione delle polizze (19 euro). La seconda è dovuta al fatto che i consumatori italiani pagano un premio assicurativo lordo, comprensivo di imposte e oneri parafiscali (il contributo al Servizio Sanitario Nazionale), la cui somma porta ad un’aliquota complessiva del 26,2%, contro una media degli altri paesi del 18,4%. 

135 EURO IN PIÙ - Sommando insieme queste due voci di spesa, risulta che il maggior premio lordo sborsato dagli italiani per ogni mezzo assicurato è pari a circa 135 euro. Ma come si può fare per ridurre questo gap con gli altri paesi europei? Segugio.it, portale che si occupa della comparazione assicurativa in Italia, integrando le analisi svolte dall’IVASS, ha provato a rispondere a questa domanda cercando di determinare quali contromisure possano adottare i consumatori per ridurre il costo della propria polizza. 

POCO INCLINI A CAMBIARE - Un elemento che determina il maggior costo dell’RC auto è dovuto alla distribuzione assicurativa, che in Italia è concentrata per l’82% sul canale tradizionale (agenti e broker), che presenta un costo medio per il consumatore più elevato rispetto all’e-commerce, ancora poco diffuso (14,5%). Inoltre il tasso di retention, ossia la percentuale di consumatori che non cambiano compagnia di assicurazione, a fine 2019 si attesta a circa l’82%. Questo significa che buona parte dei consumatori rinuncia all’opportunità di cambiare compagnia di assicurazione o rinegoziare con la propria e ottenere un risparmio che potrebbe controbilanciare i maggiori costi assicurativi del nostro paese rispetto all’Europa.





Aggiungi un commento
Ritratto di lovedrive
21 luglio 2020 - 21:22
con l'Online paghi poco anche in italia. fiat 500x 2.0 diesel 4x4 rca : euro 179,00 all'anno alfa 159 2,4 diesel rca: euro 234,00
Ritratto di Andre_a
21 luglio 2020 - 21:41
9
Serio? Io ho una Croma con lo stesso motore della tua Alfa e ci pago molto di più. Mi puoi dire il nome della compagnia?
Ritratto di lovedrive
21 luglio 2020 - 21:42
conte assicurazioni
Ritratto di Andre_a
22 luglio 2020 - 10:02
9
@lovedrive: quella del premier? Scherzo ovviamente, quando mi scade ci do un’occhiata. Ho una scuola guida vicino a casa che si occupa anche di assicurazioni e mi ha fatto un prezzo paragonabile a quello delle assicurazioni online che ho guardato, ma se ricordo bene ConTe non era tra quelle.
Ritratto di deutsch
22 luglio 2020 - 01:03
4
Chiaro che dipende anche dalle coperture, dalla zona geografica, dalla classe di rischio e dalla cilindrata. Anch'io sono contento dei prezzi, Citroen C4 Picasso 2014 con furto ed assistenza circa 300 annui,
Ritratto di Er sentenza
22 luglio 2020 - 13:16
Un 2.0 e un 2.4 diesel non hanno tariffe così basse da nessuna parte. O i prezzi indicati sono semestrali, oppure parliamo di assicurazioni farlocche che truffano i clienti imitando i nomi di compagnie famose. In prima classe di merito, con in 1.0 benzina si paga tra i 180 e i 250 annuali. Faccio tutti i preventivi online ogni anno e non temo smentite. Zona nord Italia 7 milioni di massimale.
Ritratto di lovedrive
22 luglio 2020 - 13:20
guarda che ho qua il preventivo per il rinnovo che scade il 30.08.20. perchè dovrei scrivere cose non vere??
Ritratto di lovedrive
22 luglio 2020 - 13:22
le macchine sono il classe uno , con 5 anni senza incidenti, nessun guidatore sotto i 30 anni, nessun figlio sopra i 16 anni, 15000 km annui, zona nord. certo che prossimo anno quando mio figlio avra 16 anni aumenteranno il prezzo (si vede che hanno addiritura paura che qualche sedicenne ruba la macchina ai genitori).
Ritratto di lovedrive
22 luglio 2020 - 13:24
poi ho anche una macchina sportiva del valore di 60.000 euro che in fullkasko pago 750,00 euro.( l'anno scorso 1.200,00). non ci credevo neanch'io al preventivo. quando c'è un incidente con danno di qualche migliaio pagano rapidamente . per importi superiori hai da litigare con tutte le assicurazioni.
Ritratto di Emanuele.80
22 luglio 2020 - 14:09
Ti sfugge un piccolo particolare, i premi cambiano ENORMEMENTE in base alla provincia. Esempio Milano e Torino pagano un botto, Sondrio e Cuneo, stessa regione ma pagano pochissimo rispetto al loro capoluogo di regione, come minimo la metà.
Pagine