NEWS

Auto blu: una direttiva per risparmiare

30 marzo 2011

L’ultima direttiva del Ministro Brunetta punta il dito sulle auto blu: contenere le spese di gestione delle vetture di servizio è possibile, e si può arrivare a spendere la metà degli attuali 4 miliardi di euro.

UN SECONDO PASSO - Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta (foto qui sopra), ha emanato lo scorso 28 marzo una direttiva sulle modalità di gestione delle auto blu. Quella precedente, risalente al 2010, aveva già richiamato l’attenzione delle pubbliche amministrazioni sulla necessità di adottare modalità di gestione e utilizzo delle autovetture in dotazione in maniera più efficace, dando il via a una prima azione di monitoraggio su tutto il territorio nazionale.

4 MILIARDI DI EURO - Una prima stima della rilevazione ha coperto il 50% delle amministrazioni (esclusi i comuni con meno di 30.000 abitanti), pari al 61% dei dipendenti pubblici e al 47% delle auto immatricolate dalla pubblica amministrazione. Ne risulta che le auto blu a carico dei contribuenti sono 90.000, per un costo di oltre 4 miliardi di euro. Di questi veicoli, dai 7 ai 10mila sono le cosiddette auto blu-blu (per la rappresentanza politico istituzionale), dai 18 ai 20mila sono auto blu (con autista a disposizione dei dirigenti), e dai 60 ai 65mila sono auto grigie (senza autista, a disposizione degli uffici per attività operative). Per non parlare dei 60.000 dipendenti pubblici che portano in giro politici e burocratici.

MENO POTENTI E PIÙ SOBRIE - Il Ministro Brunetta è convinto che si possa dimezzare queste cifre arrivando a spendere circa la metà. E per raggiungere questo obiettivo l’ultima direttiva è stata ben precisa in merito: le amministrazioni pubbliche dovranno selezionare con molta attenzione i modelli di auto blu tenendo conto della cilindrata, della potenza, dei consumi, dei premi assicurativi e delle spese di manutenzione. Tutte cose da ridurre. Il Ministro ha posto poi attenzione anche sulla scelta degli allestimenti, che non devono eccedere rispetto alle esigenze di utilizzo delle vetture.

SU COSA RICHIAMARE L’ATTENZIONE - Ma non solo. Il Ministro Brunetta ha fornito ulteriori indicazioni per abbassare i costi di gestione e mantenere comunque soddisfacente il livello di servizio. Si potrebbe iniziare con il dismettere il parco auto di proprietà a favore di contratti di locazione o noleggio, con o senza conducente, ma si potrebbe coinvolgere anche le società di tassisti. Una minore spesa si avrebbe anche adottando il car sharing, l’utilizzo condiviso delle autovetture. In questo caso due o più amministrazioni potrebbero dividersi l’auto di servizio per percorsi in tutto o in parte coincidenti, a fronte di esigenze programmabili. Questo comporterebbe una conseguente riduzione del personale attualmente impiegato, che potrebbe invece rivolgersi ad altri settori, magari dopo specifici corsi formativi.

PER UNA MAGGIORE TRASPARENZA - Come lo scorso anno, è partito il monitoraggio relativo alle vetture in dotazione alle pubbliche amministrazioni che, entro il 29 aprile, riceveranno da Formez PA un questionario da compilare online. Oggetto delle domande saranno il numero delle auto blu-blu, blu e grigie in uso, il numero e la tipologia degli assegnatari delle auto di rappresentanza, di servizio e di quelle a disposizione, le unità di personale adibito alla guida o alla gestione del parco auto, il costo annuale sostenuto per il personale, la percorrenza totale dei chilometri e le spese di gestione delle autovetture, e l’eventuale adozione di misure di contenimento delle spese.



Aggiungi un commento
Ritratto di apm
30 marzo 2011 - 13:13
Io mi sono stupito letteralmente vedendo qua a roma una Mercedes Classe S AMG (non so se 63 o 65) che come minimo costa 160.000 euri, con un bel lampeggiante blu sul tetto, e pensare che quella macchina alla fine la paghiamo noi...
Ritratto di komoguri
30 marzo 2011 - 17:39
Benvenuto sulla Terra mi verrebbe da dire. Ma quel che più stupsce è la cifra: 4 miliardi di Euro. 4 MILIARDI di Euro! Per trasportare dei sederi flaccidi in giro per l'Italia e per il mondo. Ma chi sono loro??? Loro possono questo ed altro...e francamente è una vergogna parlare di cifre simili per cose così stupide quando c'è gente che muore di fame e non arriva in fondo al mese. I soldi i politici ne guadganano e anche troppi. La macchina compratela come fanno tutti. E mantienitela, autista incluso. Bastano 2 anni di mandato e vanno in pensione...poverini...da sputargli in faccia ci sarebbe, uno ad uno. E farli camminare a piedi scalzi sui chiodi...altro che auto blu faraoniche e sprecone! Tanto la benza ce la cacciamo noi che ci alziamo alle 5 del mattino. Che vergogna!
Ritratto di Becio93
30 marzo 2011 - 18:02
La penso esattamente come te...
Ritratto di Zack TS
31 marzo 2011 - 12:33
1
infatti.....che se le comprassero e se le mantenessero visto gli stipendi faraonici (per non fare un kaiser tutto il giorno)....invece no, auto blu a più non posso, accompagnano questi "mafiosi autorizzati" (non sono ne più ne meno dei mafiosi "veri") ma non solo, anche le loro mogli/amanti....che schifo e giustamente alzano le accise sulla benzina, tanto è tutto a carico nostro
Ritratto di pironman
31 marzo 2011 - 18:43
fossero solo le auto blu quello che paghiamo noi... ricordo tempo fa di avere sentito di una spesa simile, in milioni di euro all'anno, per la carta igienica.
Ritratto di mustang54
30 marzo 2011 - 14:11
2
non bastano?? Vogliamo esagerare??? Delta e Giulietta, auto italiane, fatte da italiani e poi diciamo la verità queste auto blu a benzina a cosa servono?? Non credo che i nostri politici abbiano bisogno di correre, le diesel vanno più che bene. A che li servono una BMW 330i, una Mercedes E 320 o come ha detto "apm" una AMG???
Ritratto di fogliato giancarlo
31 marzo 2011 - 01:44
Il commento è stato rimosso perché l'utente è stato disattivato per violazione della policy del sito. La redazione.
Ritratto di rebatour
31 marzo 2011 - 21:09
a strafregarsene di limiti di velocità, sensi unici ecc., tanto, chi li multa?
Ritratto di gianluca3975
30 marzo 2011 - 14:19
... ma andrà a finire con un nulla di fatto, come sempre in Italia quando qualcuno deve rinuciare a diritti acquisiti (spesso illecitamente)...............
Ritratto di 599
30 marzo 2011 - 14:42
a striscia la notizia hanno contato le auto blu nel derby capitolino ed erano ben 63!!!brunetta dice tanto sulle auto blu ma alla fine ne avrà un sacco pure lui
Pagine