NEWS

Le autostrade vanno strette agli italiani

29 aprile 2014

Uno studio della Continental denuncia che la rete autostradale italiana non cresce mentre il parco circolante non diminuisce.

Le autostrade vanno strette agli italiani
DIECI ANNI IN CALO - In Italia vi sono 1,8 km di autostrade ogni 10.000 vetture, dato riferito al 2011, che ci fa scivolare tra gli ultimi posti in Europa. Spagna, Francia e Germania fanno meglio di noi con, rispettivamente, 6,5 km, 3,6 km e 3 km. Solo il Regno Unito sta peggio con 1,2 km disponibili. E nemmeno il trend è favorevole: rispetto al 2002 il dato italiano è peggiorato del 6,2%, mentre la Spagna, nazione che ha subito la crisi anche peggio di noi, è migliorata del 25%. 
 
ANALISI CONTINENTAL - I dati sono stati estrapolati dal Centro Studi Continental che ha analizzato tutte le recenti statistiche pubblicate da Istat, Eurostat e Anfia. L'analisi si è spinta nel dettaglio delle singole regioni italiane: solo il Veneto mostra un leggero miglioramento, grazie all'inaugurazione della variate di Mestre del 2009 con 32 km di bretella, dunque nel decennio esaminato. Tutte le altre 19 regioni hanno il segno negativo, con il Molise addirittura a quota -42%.
 
MANCANO GLI INVESTIMENTI - I dati sono così negativi perché in Italia le grandi opere nelle infrastrutture scarseggiano: dal 2002 al 2011 le autostrade sono aumentate del 2,9% e il parco circolante si è, invece, gonfiato del 10,1%. In Spagna sono state inaugurate nuove tratte autostradali molto lunghe (+49%), pur a fronte di un aumento del parco circolante maggiore (18,9%). In Germania la rete delle “Autobahn” si è allungata del 6,7% con  le vetture che frenano del 3,9%. In Francia si continua a stendere nuovo asfalto (+11,6%) con un parco circolante a quota +8,6%. Solo il Regno Unito è messo peggio di noi: le autostrade avanzano a tartaruga (+2,1%) con un affollamento di auto in salita del 7,3%.
 
PREOCCUPAZIONE - Questi dati sono fonte di preoccupazione da parte degli analisti anche perché il nostro sistema dei trasporti pesanti è strada dipendente. Aumentare la nostra rete autostradale significherebbe recuperare competitività a livello europeo e, al tempo stesso, migliorare la sicurezza. I percorsi autostradali sono riconosciuti come meno soggetti a sinistri rispetto la rete viaria normale.


Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
29 aprile 2014 - 18:30
3
Ed i prezzi salgono sempre in rapporto ad una rete stradale che peggiora sempre di più si sono dimenticati di scrivere... Come sempre in Italia mancano i soldi.
Ritratto di Lo Stregone
30 aprile 2014 - 15:37
Sicuro,. e continueranno mancare in eterno.
Ritratto di Sprint105
29 aprile 2014 - 19:07
per capire che la nostra rete stradale è invecchiata e, spesso, con così tante buche che bisogna comprare un suv per circolare? Eppure le autostrade sono sempre più care e gli unici investimenti sono per aumentare gli autovelox...
Ritratto di TurboCobra11
29 aprile 2014 - 19:17
Il problema è che da noi sono pure pagate non come l'oro ma come il Platino, con la motivazione degli investimenti, che in realtà sono la normale manutenzione sta-pagata. C'è giusto qualche allargamento di corsia, e poco più. Io sostengo che si debba ridurre il traffico veicolare, a vantaggio di altri mezzi, dal treno al mare(siamo una penisola qualora ce lo fossimo dimenticato) ma credo che ci siano alcune situazioni da risolvere. Fare la Orte-Cesena-Venezia, che toglie traffico dal nodo di Bologna, la Cispadana che anch'essa toglie traffico da Bologna che è un nodo impressionante, terminare la A3 e molto altro. E' tutta una questione di efficienza, ovvero fare i collegamenti giusti fra tratti esistenti. Ma se le autostrade continueranno ad essere così care, inutile costruirle, tanto poi in autostrada c'è il semi-vuoto e sulle statali disastrate le lunghe code. Insomma manca efficienza e intelligenza progettuale, cose che in italia abbiamo ben poca idea di cosa significhino. Spreco, inefficienza, magna-magna sono cose ben più conosciute. ...Saluti
Ritratto di Moreno1999
29 aprile 2014 - 20:00
4
in Italia le autostrade non sono il massimo. Non vedo l'ora che si decidino a fare una vera e propria autostrada TIRRENICA che al posto che terminare a Livorno scenda almeno fino al G.R.A. Inoltre sarebbe utile avere un'autostrada a due corsie o ALMENO una statale a due corsie per senso di marcia che attraversi la Valtellina invece che quella stupida, lenta e trafficata statale stretta. Secondo me farebbero bene a proporre l'uso del bollino come in Svizzera e Austria. Specialmente in quest'ultimo paese la scelta della vignetta risulta molto azzeccata in quanto si può scegliere tra 10 giorni, due mesi e l'anno intero. Ai caselli si formano delle code infinite, e anche il Telepass alla fine non è che migliori di troppo: ormai lo hanno tutti e si creano le code pure li... Io ho avuto modo di vedere diverse autostrade europee: le migliori penso siano in Germania, Austria e Francia mentre in Svizzera non ho trovato nulla di eccezionale. In Spagna sono più diffuse ma sono come quelle italiane, mentre pur essendo stato a Londra non ho idea di come siano quelle inglesi (citando gli stati elencati nell'articolo)
Ritratto di Moreno1999
29 aprile 2014 - 20:01
4
sono poche e tali e quali alle nostre
Ritratto di magro99
1 maggio 2014 - 15:16
In Valtellina ci hanno messo vent'anni per fare 5/6 km nuovi di superstrada: ora che la continuano fino a Sondrio saremo ultra novantenni...
Ritratto di magro99
1 maggio 2014 - 15:16
In Valtellina ci hanno messo vent'anni per fare 5/6 km nuovi di superstrada: ora che la continuano fino a Sondrio saremo ultra novantenni...
Ritratto di Moreno1999
1 maggio 2014 - 15:20
4
Non arriva più a colico ma a Morbegno mi pare! Si ma a sondrio manca ancora mezz'ora
Ritratto di magro99
1 maggio 2014 - 15:52
Mezz'ora se va bene: mi è capitato di metterci un'ora...
Pagine