NEWS

Benzina, brutte sorprese nell’uovo di Pasqua

24 marzo 2016

I prezzi del carburante tornano a crescere: 1,407 euro per un litro di benzina e 1,243 per uno di gasolio.

Benzina, brutte sorprese nell’uovo di Pasqua
NOTIZIE NEGATIVE - Pieno più caro a Pasqua 2016. Secondo i dati ufficiali della settimana scorsa, per la benzina il prezzo medio alla pompa è salito a 1,407 euro al litro, contro 1,391 di 15 giorni fa. E il gasolio è passato da 1,230 a 1,243 euro. Lo segnala il Centro studi Promotor, secondo cui “è possibile che il rincaro sia dovuto alla previsione di un aumento della domanda legato all’esodo di Pasqua”. Il rialzo arriva dopo una lunga stagione di ribassi: grazie ai quali, nel 2015, gli italiani hanno risparmiato 7,1 miliardi di euro rispetto al 2014, nonostante un incremento dello 0,9% nei consumi. Nel periodo gennaio-febbraio 2016, la spesa alla pompa per la benzina e il gasolio è stata di 7,257 miliardi, contro gli 8,115 dello stesso periodo del 2015 (nonostante un aumento dei consumi dello 0,6%): con un risparmio ammontante a 858 milioni.
Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
24 marzo 2016 - 16:14
3
AUMENTI. Chissà perché proprio quando ci sono gli esodi verso le località turistiche...
Ritratto di Max_69_CNG
24 marzo 2016 - 16:17
Che strano ogni volta in prossimità di ferie, ponti ci sono aumenti dei carburanti. Mi piacerebbe sapere se è una usanza solo italiana o anche di altri paesi.
Ritratto di elioss
24 marzo 2016 - 16:19
4
sarà contento renzi, più soldi da spartirsi se aumentano i prezzi, figurati se coglie l'attimo per abbassare le accise e far tornare i prezzi a livello europeo, solo in italia i prezzi salgono di 35 centesimi/L in 1 mese... senza contare che i prezzi al barile sono rimasti all'incirca stabili e abbondantemente sotto la soglia media prevista... i benzinai guarda caso ultimamente non si lamentano più... sarà che potrebbero venderla a 1.15 ma la vendono a 1.40? bah...
Ritratto di Damien Gelmini
24 marzo 2016 - 16:57
4
E ma quelli che fanno la benzina 100 ottani in Slovenia a 1,15 euro e in Svizzera a 1,25 euro contro i 1,70 euro italiani sono dei poveretti. L'aumento del carburante ci sembra molto corretto, così possiamo ridere ancora di più di quelli che fanno il carburante all'estero, perchè noi a differenza loro sulle nostre C4 Picasso possiamo fare la benzina anche se costa molto di più, alla faccia loro, speriamo che aumentino ancora un po il bollo, superbollo, assicurazioni e pedaggi. Così ridiamo ancora di più di chi risparmia 40 euro a pieno facendo il carburante all'estero come in Svizzera dove la 95 costa 1,18 euro contro gli oltre 1,40 italiani e dove la 98/100 costa 1,25 contro i 1,70 italiani (cit. alcuni utenti noti su questo sito)
Ritratto di Franchigno
27 marzo 2016 - 17:51
Scusa non ho capito il tuo post,è sarcastico?.
Ritratto di gynt
24 marzo 2016 - 17:49
E' la mia impressione o la differenza tra benzina e gasolio si è ulteriormente ridotta?
Ritratto di basti73
24 marzo 2016 - 21:13
Aumenti dei carburanti sotto le festività? Veramente molto strano. Non era mai successo prima.
Ritratto di luigi sanna
25 marzo 2016 - 00:57
5
PARASSITI! E' l'unico termine conosciuto! Pagliacci, senza spina dorsale.. fate voi.
Ritratto di Barbepaolo
25 marzo 2016 - 08:25
Andrebbero seriamente boicottati.
Ritratto di pierluigite
25 marzo 2016 - 09:42
1
E' solo frutto di speculazioni e basta. Tutti i grandi Paesi estraggono ed esportano tanto petrolio, tanto è vero che ora che è stato tolto l'embargo all'Iran, tutti cercano di mantenere le proprie quote di mercato. E che le petroliere per scaricare aspettano anche settimane, tanto è vero che da quanto ce n'è vogliono mettere il petrolio perfino sui treni ! E il prezzo scende sempre molto lentamente quando c'è un eccesso di offerta, alla faccia delle teorie degli economisti, che fanno ridere. Dovrebbero impedire questi sali-scendi di mercato in borsa, perché gli speculatori comprano per poi rivendere quando il prezzo sale, su notizie che loro stessi fanno circolare per guadagnare
Pagine