NEWS

Best of Italy Race 2018: scaldate i motori

20 marzo 2018

Il 15 e 16 settembre, l’evento celebrerà il Made in Italy attraverso le eccellenze automobilistiche nel borgo medioevale di Castell'Arquato.

Best of Italy Race 2018: scaldate i motori

L’ITALIA AL CENTRO - Si scrive Best of Italy Race, si legge evento con 220 supercar, tutte italiane. Questa manifestazione che andrà in scena il 15 e 16 settembre 2018 in provincia di Piacenza, tra il borgo medioevale di Castell’Arquato e le zone limitrofe, è qualcosa di unico nel suo genere. Il perché, oltre che dalla qualità delle vetture, è presto spiegato da quelle tre anime che convivino tutte insieme. Oltre alle supercar create solo da costruttori Italiani, Best of Italy Race (Boir) porta nella sua corte anche 150 moto ed altrettante biciclette con i rispettivi guidatori e sportivi. Anche in questi due casi, il filo conduttore sono l’italianità e la qualità.

COME SI SVOLGE - Tre le cronoscalate che i partecipanti possono fare, tra il sabato e la domenica, lungo i 26 km di strada collinare che da Castell’Arquato conducono a Morfasso. L’intero tratto, anche se non si tratta di una gara, sarà chiuso al traffico per permettere le salite nella massima sicurezza possibile. Tra le supercar che sfileranno ci saranno, giusto per citare qualche marchio, gli ultimi modelli di Ferrari, Lamborghini, Maserati, Pagani, Alfa Romeo, Giannini, Bugatti, Italdesign, Mazzanti; questi ultimi due brand parteciperanno alla manifestazione in veste ufficiale. Il padrino dell’evento sarà Giacomo Agostini, come già successo l’anno scorso.

SI CELEBRANO LE RICORRENZE - Best Of Italy Race 2018 è alla terza edizione. Dopo i successi colti nelle prime due comparsate, quest’anno l’evento cresce ulteriormente sia in termini di numeri che di qualità complessiva. Tra le ricorrenze che Boir celebrerà con i suoi partecipanti ci sono i 50 anni di Lamborghini Espada e Islero, i 50 anni di Italdesign e i 25 anni del Lamborghini Club Italia. Ultimo valore aggiunto alla manifestazione: il territorio e le sue tipicità. Il borgo medievale, l'incanto delle colline piacentine, la degustazione di prodotti locali di altissima qualità, in un clima che abbina il bello in tutti i suoi aspetti, fanno da cornice perfetta ad un evento dalla qualità motoristica indiscutibile.

Aggiungi un commento
Ritratto di Racing 75
20 marzo 2018 - 13:15
1
Fossi l'organizzatore avrei vietato le ridicole auto dei crucchi che hanno ROVINATO il marchio Lamborghini con robaccia come l'Aventador e Huracan, senza contare l'inutilità di una supercar a 2 posti scomoda e senza stile per un evento del genere, oltretutto fosse almeno prestazionale, questi numeri li faceva Maserati con la MC12 15 anni fa, sveglia siamo nel 2018, vedasi Ferrari LaFerrari. Meglio venderla e comprarsi al suo posto la Giulia QV che ha le stesse prestazioni ed e pure comoda con un baule capiente. Anche se il miglior mezzo da usare tutti i giorni è la 500 Abarth perciò spero (dopo la diffida della Lamborghini al raduno) di veder partecipare la 500 Abarth 595 ad un evento prestigioso come questo.
Ritratto di GranNational87
21 marzo 2018 - 08:20
3
AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHA perchè ci godi ad umiliarti così pubblicamente, vai a cercare la F1 nella tv tedesca sùsù.. anzi 100 euro per i payperview te li do io guarda, mi fai così pena...
Ritratto di basti73
22 marzo 2018 - 17:24
Si si Racing 75 hai ragione. E quando tornerai dal mondo parallelo in cui la Giulia e la 500 Abarth sono più prestazionali di una qualsiasi Lamborghini ricordati di prendere le tue medicine da bravo.
Ritratto di GranNational87
21 marzo 2018 - 08:21
3
PS adesso ci sarà il cars & coffee....diciamo molto più "gozzo" come evento, ed internazionale e con auto da milioni di euro....spettacolo
Ritratto di impala
22 marzo 2018 - 16:32
...a una epoca c'èra la Lamborghini Italiana, ormai cè la lamborg-audi tedesca
Ritratto di impala
22 marzo 2018 - 16:33
...a una epoca c'èra la Lamborghini Italiana, ormai cè la lamborg-audi tedesca
Ritratto di basti73
22 marzo 2018 - 17:30
Ma volete rendervi conto oppure no che se non fosse stato per la VW Audi la Lamborghini avrebbe chiuso i battenti da tempo? La vogliamo finire con questo stupido e inutile patriotismo da 4 soldi? Siete ridicoli. P.S. La Lamborghini paga le tasse in Italia a differenza di altri che dopo aver incassato miliardi di fondi pubblici sono scappati all' estero.