NEWS

BMW Garmisch: un tuffo negli Anni 70

25 maggio 2019

La casa tedesca ha ricostruito il prototipo della coupé Garmisch, disegnato da Marcello Gandini ma andato perduto.

BMW Garmisch: un tuffo negli Anni 70

PERSE LE TRACCE - La BMW fa un tuffo negli Anni 70 al Concorso d’Eleganza Villa d’Este (24-26 maggio), la rassegna in programma a Cernobbio, sul Lago di Como, fra le principali al mondo per le auto d’epoca. Il costruttore tedesco espone infatti la BMW Garmisch, una elegante coupé dalla storia unica, perché quest’auto fu disegnata nel 1970 ed esposta come prototipo quell’anno al Salone dell’automobile di Ginevra, ma poi andò incredibilmente perduta e da allora ne sono state perse le tracce. La BMW ha deciso perciò di ricrearla, con l’obiettivo prima di mostrarla a Villa D’Este (dove ogni anno espone un prototipo creato per l’occasione) e poi di esporla nel suo museo a Monaco di Baviera.

DESIGN DI ROTTURA - La BMW Garmisch (deve il suo nome alla località sciistica di Garmisch, in Germania) fu disegnata per conto della Bertone da Marcello Gandini, celebre designer torinese noto per essere il papà di auto “mitiche” come le Lamborghini Miura, Countach e Lancia Stratos. Lo stile di Gandini si nota per dettagli come la copertura per il lunotto (in questo caso a nido d’ape), ma è tutta la Garmisch ad essere di rottura in confronto alle BMW del periodo. La BMW Garmisch ha linee tese e tagli netti, oltre a dettagli molto “arditi” come la mascherina anteriore anch’essa squadrata e non arrotondata come era su tutte le BMW dell’epoca.


Qui sopra Marcello Gandini e Adrian van Hooydonk, responsabile del design del gruppo BMW.

POCHI DOCUMENTI ORIGINALI - Anche l’interno della BMW Garmisch rompe con la trazione delle BMW di fine Anni 60, perché ha i comandi della consolle disposti verticalmente e un grosso specchio davanti al sedile anteriore sinistro, sotto al quale è presente un generoso cassetto. I rivestimenti in pelle color champagne hanno impegnato non poco i tecnici della BMW e del suo reparto per le auto storiche, che hanno dovuto ritrovare la giusta tonalità del cuoio basandosi sui ricordi di Gandini o sui pochi documenti originali rimasti. Lo stesso vale per la carrozzeria, ricostruita a partire da fotografie in bianco e nero e realizzata a mano da una artigiano torinese proprio come avvenne per l’auto del 1970.



Aggiungi un commento
Ritratto di remor
25 maggio 2019 - 18:01
Mi ricorda molto l'Alfetta prima serie, eventualmente declinata 3 porte
Ritratto di zero
25 maggio 2019 - 22:33
11
Oddio... Non bestemmiamo! :-)
Ritratto di Fr4ncesco
25 maggio 2019 - 18:24
2
Bei tempi, quando i designer erano artisti che creavano veri stili e c'erano maestri carrozzieri. Dall'altro lato c'erano le case che sperimentavano, ognuna che ingegnerizzava in modo differente dall'altro, talvolta con successo altre con fiaschi ma con una propria identità. Quando si correva la domenica per vendere durante la settimana, con auto pressoché identiche a quelle stradali. Ora le macchine sembrano fatte dai consigli di amministrazione.
Ritratto di okhalid
25 maggio 2019 - 19:02
Una volta i disegner italiani erano i migliore. Lo sono ancora ma per conto dei tedeschi
Ritratto di remor
26 maggio 2019 - 10:20
Senza polemica ma non mi sembra che, confrontando ognuna nel proprio segmento, 500 o Giulia o Renegade o Quattroporte sfigurino rispetto alla concorrenza per design. Anzi, penso.
Ritratto di lucios
25 maggio 2019 - 20:21
4
Gandini, un genio! Anche se questa variante di BMW non mi convince nel frontale. Il doppio rene arrotondato e i fari tondi sono d'obbligo in BMW. Questa ricorda un po' una Peugeot 604.
Ritratto di neuro
27 maggio 2019 - 12:33
assomiglia tanto alla 604.
Ritratto di zero
25 maggio 2019 - 22:57
11
Questa non la fanno elettrica??
Ritratto di 82BOB
26 maggio 2019 - 01:08
Ogni tanto sbagliano anche i geni... Per carità, molte soluzioni intriganti, particolari intetessanti e interni degni di nota, ma la linea era un po' pesante rispetto agli standard di Gandini! Confrontato con i frontali BMW attuali direi che è mooolto più intrigante questo doppio rene... Non sembra il naso di un porcellone :-)))
Ritratto di stefbule
26 maggio 2019 - 02:53
11
Se si era perso un motivo c'era e si vede...
Pagine