NEWS

L’ESP della Bosch compie 25 anni

Pubblicato 19 maggio 2020

Il sistema di controllo della stabilità è stato introdotto nel 1995 con la Mercedes S 600 Coupé ed è diventato obbligatorio in Europa dal 2011.

L’ESP della Bosch compie 25 anni

OLTRE 10 ANNI DI SVILUPPO - Nel 1995 fu introdotta sul mercato la Mercedes S 600 Coupé, variante due porte della berlina di lusso Classe S. Questo modello, all’apice per lusso e tecnologia, portò al debutto un sistema in grado di migliorare la sicurezza di guida: è l’ESP, il controllo elettronico di stabilità, sviluppato dalla Bosch, azienda tedesca leader nella componentistica. Proprio la Bosch, che lavorava alla tecnologia dagli Anni 80, ha voluto rendere omaggio all’ESP a 25 anni dalla sua introduzione. 

COME FUNZIONA - L’ESP funziona grazie ai dati raccolti dai sensori del sistema anti-bloccaggio delle ruote (l’ABS) e dal controllo di trazione, ma tiene conto anche dell’angolo di sterzata e della traiettoria del veicolo (sono effettuate 25 misurazioni al secondo). Se i dati non combaciano, dunque se l’auto non si sta muovendo nella direzione impostata dal guidatore, l’ESP interviene riducendo la coppia del motore e frenando le singole ruote, in modo da prevenire una sbandata e quindi non perdere controllo del veicolo. L’ESP si rivela particolarmente efficace lungo strade a bassa aderenza (perché bagnate o ghiacciate), in caso di repentine sterzate per evitare ostacoli imprevisti o quando il guidatore entra in curva troppo velocemente.

IL TEST DELL’ALCE - Dopo il debutto nel 1995, l’ESP sale alla ribalta due anni dopo: la piccola monovolume Mercedes Classe A si ribaltò in un test di stabilità organizzato dalla rivista svedese Teknikens Värld, che prevede l'evitamento improvviso di un ostacolo con il veicolo a pieno carico e a velocità crescenti, in modo da scoprire il limite di tenuta dell’auto. La casa tedesca, per rendere la Classe A sicura anche nelle manovre d’emergenza, rese di serie l’ESP. Da quel momento il controllo di stabilità diventa si diffuse sempre di più e venne reso obbligatorio in Europa da novembre 2011 per tutti i nuovi modelli di autovetture e veicoli commerciali, mentre dal 1 novembre 2014 è di serie per tutte le autovetture e i veicoli commerciali di nuova immatricolazione. 

SALVA VITA - Dal 1995 ad oggi, secondo la Bosch, l’ESP è stato prodotto in circa 250 milioni di unità e avrebbe contribuito ad evitare circa 500.000 incidenti in Europa, salvando circa 15.000 vite umane. In 25 anni è stato continuamente migliorato dalla Bosch, che lo ha reso disponibile anche per le moto ed oggi la base di molti sistemi di assistenza alla guida. 

VIDEO


Aggiungi un commento
Ritratto di lucaconcio
19 maggio 2020 - 20:41
Diciamo che la sua diffusione conobbe grande impulso dopo il caso della Mercedes Classe A, che lo rese di fatto "obbligatorio", o quasi, anche sulle vetture compatte
Ritratto di Giuliopedrali
20 maggio 2020 - 08:49
Mercedes è Mercedes perchè, perchè in pratica ha "inventato" ESP, ABS, e airbag, cioè Mercedes era Mercedes, strano che sia obbligatorio solo dal 2011 perchè la mia macchina è di quell'anno in pratica e mi sembrava una cosa assolutamente scontata. L 'ESP ebbe un antesignano in GM nel Selectrac o qualcosa del genere offerto nelle Buick e Cadillac già nel 1972 e pure gli airbag furono offerti però come optional a 700 dollari cioè costosissimi all'epoca su Buick e Olds del 73, l'ABS ebbe come precedente solo il poco pratico Dunlop Maxaret della spettacolare Jensen Interceptor FF del 1967.
Ritratto di servalanbis
20 maggio 2020 - 10:56
la mia golf 4 del 2002 aveva già abs
Ritratto di servalanbis
20 maggio 2020 - 11:00
rettifico,ora ho la golf 7 e cè anche il controllo di trazione
Ritratto di Rav
20 maggio 2020 - 11:01
3
Mercedes ha sempre fatto, o contribuito a fare, innovazione. Niente da dire su questo punto, la fama se la sono fatta anche per questo.
Ritratto di flavio84
20 maggio 2020 - 11:26
Sempre stati all avanguardia, c'è poco da dire
Ritratto di Giuliopedrali
20 maggio 2020 - 12:18
Si la deformazione d'urto a zone controllate ce l'avevano già negli anni 50 studiata da Bela Bareny grandissimo ingegnere austro ungarico o ungherese prima di Alfa Romeo, Volvo, SAAB e Rover, anche se c'è da dire, sembra che, non ricordo più se le Studebaker ma mi sembra di si, la addottassero in un modello già negli anni 30. Il problema è che tutta sta innovazione ora in Mercedes, la vedete?
Ritratto di 72Luca
20 maggio 2020 - 20:11
1
@redazione: ma li rileggete gli articoli prima di pubblicarli?? Non uno che non sia zeppo di errori, grossolani e/o di battitura; che vergogna!
Ritratto di Giulio Menzo
22 maggio 2020 - 12:22
2
Beh che dire, la Mercedes in generale è sempre stata all'avanguardia, e in particolare nella sicurezza