NEWS

Codice della strada: ecco cosa cambia nel 2011

28 dicembre 2010

Dalle limitazioni per i neo-automobilisti ai nuovi esami della patente, passando per il rincaro delle contravvenzioni e i nuovi standard antinquinamento. Sono soltanto alcune delle novità che ci aspettano nel nuovo anno. Vediamo le principali.

MULTE PIÙ SALATE - In base al meccanismo di adeguamento biennale all’inflazione previsto dalla legge, dal primo gennaio gli importi delle contravvenzioni cresceranno del 3,5%. Questo però vale soltanto per le multe che non sono già state inasprite negli ultimi due anni dal pacchetto sicurezza del 2009, e dalla riforma del codice della strada dell’estate scorsa. Resteranno pertanto invariate sanzioni come quelle per chi supera i limiti di velocità di più di 40km/h o per chi guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti.
 
ATTESTATO DI “LUCIDITÀ” - Dal 13 agosto, e previa emanazione di apposito decreto da parte del ministero della Sanità, per ottenere il rilascio di qualsiasi tipologia di patente o il rinnovo/revisione di quelle dei guidatori di professione, bisognerà presentare un certificato medico che dimostri il non abuso di alcol e la non assunzione di droghe. Nel frattempo, è sufficiente un semplice certificato anamnestico rilasciato dal medico di famiglia.
 
IN MICROCAR CON LA PATENTE - Da ottobre, anche chi vorrà mettersi al volante di una microcar o di un ciclomotore dovrà superare un’apposita prova pratica. Modificando l’articolo 116 del codice della strada, la legge n. 120/2010 ha stabilito tale obbligo per chi vuole conseguire il certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori, cui questi “quadricicli leggeri” sono assimilati. Tali disposizioni sarebbero dovute entrare in vigore il 19 gennaio, salvo poi essere posticipate con il decreto milleproroghe.
 
SCRITTO “A RISPOSTA UNIVOCA” - Novità anche sul fronte dei quiz per la patente: il numero delle domande sale da 30 a 40 e a ciascuna si dovrà rispondere con un vero o falso. Per non essere bocciati, non bisognerà fare più di quattro errori. Inoltre, tolleranza zero verso gli stranieri: non si potrà sostenere l’esame in una lingua diversa dall’italiano (solo in Val D’Aosta e Alto Adige si potrà scegliere di usare, rispettivamente, anche francese, tedesco e presto lo sloveno).
 
NEOPATENTATI CON LE “BRIGLIE” - Dal nove febbraio, nel corso del primo anno dal conseguimento della patente B, si potranno guidare soltanto veicoli con una potenza massima di 70 kW e un rapporto potenza/peso di non oltre 55 kW/t.
 
ESAME RACCATTA-PUNTI - Nel 2011 non basterà più frequentare un corso per recuperare i punti della patente: bisognerà sostenere anche un esame a quiz. Questo, sempre che il ministero delle Infrastrutture e Trasporti riesca a emanare il relativo decreto attuativo entro il termine previsto del nove febbraio (ma è possibile che slitti). Entro la stessa data, il ministro dell’Istruzione dovrebbe stabilire i programmi dei corsi di educazione stradale da organizzare in classe a partire dal prossimo anno scolastico.

Inoltre, il 2011 porta anche delle novità sull'immatricolazione delle vetture. Infatti, salvo deroghe, non sarà più possibile vendere auto Euro 4. Dal primo gennaio sarà possibile targare soltanto vetture omologate per gli standard europei antinquinamento Euro 5, che limitano l’emissione di polveri sottili. Oltre ai veicoli a chilometri zero (nuovi, ma già targati nel 2010), potranno essere ancora vendute le auto di fine serie che godono di una speciale autorizzazione richiesta dalla casa costruttrice per un numero limitato di esemplari.

Aggiungi un commento
Ritratto di Ninja
28 dicembre 2010 - 14:51
Chissà come saranno contenti i sardi, ai quali viene per l'ennesima volta negato il diritto di usare la loro lingua...
Ritratto di robertz
28 dicembre 2010 - 16:39
non farebbe a fare l esame in sardo perchè molte parole nn esistono e ci sono troppi tipi di dialetti, bisognerebbe tradurlo nel dialetto del luogo in base a dove sostieni l esame.
Ritratto di negus
28 dicembre 2010 - 17:38
con il massimo rispetto per la cultura sarda, ma credo ci sia una certa differenza tra francese e tedesco (lingue nazionali di grandi paesi parlate da milioni di persone) con il sardo, lingua tutt'al più locale e mancante della totalità dei termini tecnici utilizzati nei questionari per la patente.
Ritratto di pimboli84
28 dicembre 2010 - 18:43
triplo :D
Ritratto di pimboli84
28 dicembre 2010 - 18:43
Triplo :D
Ritratto di pimboli84
28 dicembre 2010 - 18:42
Forse vi è sfuggita la frase: (solo in Val D’Aosta e Alto Adige si potrà scegliere di usare, rispettivamente, anche francese, tedesco e presto lo sloveno). Qui si parla di val d'aosta e alto adige niente sardegna o altre regioni. Forse l'utente diceva già che c'erano di farle in sardo. Ma li sono regioni confinanti con stati diversi dal nostro e sono regioni poliglotte, la Sardegna non mi pare proprio confini con lembi di terra con altri stati! Ditemi se sbaglio Ciao
Ritratto di omnia
28 dicembre 2010 - 19:41
a commentare le nuove disposizioni, evitando di fare polemiche ironiche, sui dialetti locali. Quello che ancora una volta, salta all'occhio è l'inasprimento del costo delle sanzioni dirette, e indirette, ovvero quelle che ci obbligano a pagare per ottenere un diritto. Attestato di lucidità, neopatentati con obbligo di guida entro i 70 Kw, patentino per microcar. Tutti nuovi balzelli per far cassa e non per aumentare la sicurezza stradale. Attenzione, questo non vuol dire che sono contrario a certe decisioni, ma se curassimo un pò di più la segnaletica stradale e il manto delle nostre strade, non sarebbe un bel passo avanti?
Ritratto di archiserpico
28 dicembre 2010 - 20:20
Per cortesia, aiutatemi a capire una cosa: mio figlio si è patentato il 15 novembre 2010. Dal 9 febbraio 2011 potrà guidare la mini one diesel 1400 cc (la versione precedente che ha meno cavalli)? Grazie. Per favore indirizzate la risposta anche alla mia mail: archiseroico@libero.it
Ritratto di trap
28 dicembre 2010 - 20:47
Nessuna limitazione per chi è già patentato. Solo per chi da febbraio prenderà la patente
Ritratto di archiserpico
28 dicembre 2010 - 20:21
Rettifico: archiserpico@libero.it. Scusatemi
Pagine