NEWS

Dacia Spring: eccola senza veli

Pubblicato 16 luglio 2020

Le immagini trapelate dei brevetti confermano per la Dacia Spring un aspetto simile alla concept presentata lo scorso marzo. Arriverà nel 2021.

Dacia Spring: eccola senza veli

DIMENSIONI DA CITYCAR - La Dacia Spring è la prima auto elettrica della casa romena presentata sotto forma di prototipo lo scorso marzo (qui per saperne di più). In attesa dell’uscita della versione di serie, attesa nel 2021, sono trapelati i brevetti che mostrano l'aspetto definitivo dell’auto low cost che sarà del tutto simile al concept. Essendo basata sulla city car elettrica Renault City K-ZE per il mercato cinese, le dimensioni sono ridotte: lunghezza 375 cm, larghezza 158 e altezza 148, con passo di 242. Il peso è inferiore a 1.000 kg e la capacità di carico di circa 300 litri.

ISPIRATA ALLE SUV - I brevetti confermano per la Dacia Spring uno stile ispirato alle suv: cofano e fiancate alti e i bombati passaruota la fanno apparire muscolosa. Il carattere da suv è accentuato anche dalle protezioni antigraffio in plastica, presenti su passaruota e portiere, e dalle piastre paracolpi nei fascioni. I fari sono a led e i cerchi presentano un disegno a forma di petalo.

ALMENO 200 KM - Le caratteristiche tecniche complete non sono state ancora svelate, ma sappiamo che la Dacia Spring sarà in grado di percorrere 200 km con una carica completa della batteria  (misurati secondo il ciclo Wltp), che dovrebbe essere da 26,8 kWh.

SARÀ LOW COST - Il punto di forza della Dacia Spring sarà comunque il prezzo, che dovrebbe essere piuttosto basso. Partendo dal presupposto che la cinese Renault K-ZE City parte da circa 8.000 euro (arrivando nelle versioni più accessoriate a 10.000), pur tenendo in considerazione l’incremento di prezzo in Europa, il diverso regime fiscale e, soprattutto, gli standard di sicurezza più elevati (che necessariamente dovranno essere accompagnati da investimenti), il listino dovrebbe rimanere comunque basso, in linea con il target di clienti a cui si rivolge la casa romena.





Aggiungi un commento
Ritratto di fran_lfc
16 luglio 2020 - 21:35
Nooo ragga! qua esiste da due anni minimo, si chiama Renault Kwid... e una scatola che non vale due soldi. Costa tra i €8.000 e €9.000 in 4 varianti, la prima essendo uno schiaffo e l'ultima top di gamma... uno schifo più caro.
Ritratto di mirko.10
16 luglio 2020 - 21:48
3
Tra la clio precedente, un po di duster con risultato orribile.
Ritratto di Giuliopedrali
17 luglio 2020 - 18:20
A parte i 200 km di autonomia, non tantissimi, come utilitaria elettrica, ovviamente sviluppata in Cina, tutto sommato ci siamo per caratteristiche e prezzo, anche costasse 15 invece che 10.000 Euro non lo vedo un prezzo elevato, tutto sommato è un'auto vera utilizzabile anche fuori città e con gli incentivi il prezzo sarebbe simile alle utilitarie a benzina.
Ritratto di Xadren
16 luglio 2020 - 22:05
1
Un'auto che non ha nulla di pregevole, se non (forse) il prezzo in rapporto alla motricità elettrica. Mi aspetto un rispolvero del vecchio adagio: "...ma noi vogliamo spendere molto di più!".
Ritratto di vincenzo77
16 luglio 2020 - 23:27
Un cesso
Ritratto di NITRO75
17 luglio 2020 - 08:59
Se costerà davvero quella cifra, con gli incentivi anche meno, vuol dire che Toyota può andare a fare altro invece di venderci una ibrida a 18000 euro.
Ritratto di desmo3
17 luglio 2020 - 09:54
6
il prototipo aveva davvero l'aspetto di un suvvettino sportivo, forse anche troppo per Dacia, ma questa invece mi pare troppo una baracca... ok forse il prezzo sarà anche attrattivo, ma 200 km di autonomia teorici (in condizioni ottimali) significa non poter mai andare fuori provincia... e forse neanche fuori città in piena estate (clima a manetta) o pieno inverno (riscaldamento a manetta)
Ritratto di Giulk
17 luglio 2020 - 10:07
Questa è un auto dai tanti se, dipenderà dal prezzo in Europa al netto degli incentivi, chiaro che è un auto da usare come seconda auto, visto che non ci fai quasi nemmeno una gita fuori porta con quella autonomia, ma in città potrebbe avere il suo perchè
Ritratto di puccipaolo
17 luglio 2020 - 12:55
6
concordo pienamente. A parte l’ aspetto che ad un prezzo di 12-15k euro passa in secondo piano credo che avere 4 posti sia un must se paragonata alla citycar a lei più vicina... la smart che sebbene più leziosa costa il DOPPIO ... e se permettete oer andare alle poste in ufficio o al suoermercato... who cares! Se aumenteranno i vincoli anche in provincia dove abito ci faró un pensierino... mafari di un bel marrone che ben rende lo spirito del suo design
Ritratto di lordpba
17 luglio 2020 - 10:09
8
lo stile è quello di una lavatrice anni 70...
Pagine