NEWS

David Brown Speedback, il passato in chiave moderna

28 marzo 2014

Realizzata in Gran Bretagna con tecniche artigianali, la Speedback è una moderna granturismo ispirata alle sportive del passato.

David Brown Speedback, il passato in chiave moderna
BASE JAGUAR - La premessa è d’obbligo: il fondatore della David Brown Automotive non ha nulla a che vedere con il David Brown che fece grande l’Aston Martin acquistandola nel 1947 (ancora oggi si utilizzano le iniziali DB). Detto questo, la piccola casa inglese ha presentato il suo primo modello progettato, ingegnerizzato e realizzato artigianalmente in Gran Bretagna. Si chiama Speedback, un nome che riflette la tradizione delle sportive del passato abbinata a meccanica e affidabilità moderne. Frutto di 18 mesi di lavoro, nasce sulla base della Jaguar XKR ed è spinta dal V8 5.0 sovralimentato della casa di Coventry. 
 

La linea della Speedback ricorda quella dell'Aston Martin DB6 degli Anni 60.
 
DIVERSE MUSE ISPIRATRICI - David Brown si è fatto le ossa al timone dell’azienda fondata dal padre che produceva trattori. “L’idea di realizzare una granturismo ispirata al passato mi è venuta un paio di anni fa ad un raduno di auto d’epoca in Spagna. Possiedo diverse auto storiche ma ad un certo punto ero così frustrato per la loro natura capricciosa che ho pensato alla commistione con motori moderni”, ha riferito David Brown in un’intervista rilasciata a Classic Driver. Da un punto di vista stilistico, continua Brown, ci siamo ispirati a diverse vetture: dalle Aston Martin alle Ferrari, dalle Lamborghini alle Maserati, fondendo linee classiche con tecnologie moderne (i fari anteriori sono allo xeno, quelli posteriori a Led). 
 
 
IN NUMERO LIMITATO - Il debutto in pubblico della Speedback è fissato per il 17 aprile al Top Marques, l’evento di Monaco dedicato alla supercar. Il prezzo non è ancora stato riferito ma basti sapere che sarà prodotta in numero limitato per garantirne l’esclusività.


Aggiungi un commento
Ritratto di baccio
28 marzo 2014 - 13:24
l' ANTERIORE NN E' male, anche se risulta tutto fuorche' originale.. ma il posteriore un si po' guardare!
Ritratto di mustang54
28 marzo 2014 - 14:01
2
ma migliorerei parecchie cose...
Ritratto di PariTheBest93
28 marzo 2014 - 15:41
3
Beh nomen omen, Brown sembra un cognome molto diffuso, comunque anche l'originale db5 è insuperabile, questa pure sembra fantastica!
Ritratto di M93
28 marzo 2014 - 16:08
Non male nel complesso, anche se anteriormente mi ricorda alcune ferrari anni '50 e '60. Trovo veramente malriuscita gli specchietti: sono "bozzi" è poco integrati nella fiancata. Comunque l'idea di costruire macchine con meccanica contemporanea e linee ispirate a vetture passate non è certo una novità, anzi, si tratta di una formula nota e già applicata da molto tempo.
Ritratto di EasterRuben
28 marzo 2014 - 17:32
è orrenda. Perché devono fare queste cose?
Ritratto di MAXTONE
28 marzo 2014 - 19:56
Che per essere delle esotiche costosissime, hanno linee da manuale dell'anonimato.
Ritratto di PariTheBest93
29 marzo 2014 - 09:43
3
Tranquillo che se una Aston passa tutti si girano ad ammirarla!!! Poi te hai il coraggio di denigrare il design delle Aston che fanno della bellezza la loro ragione di vita e poi elogi quei cessi che fa Toyota è proprio da ridere :))))
Ritratto di marian123
30 marzo 2014 - 21:19
ti ha pure risposto dimenticando di essere entrato con l'altro account :D
Ritratto di PariTheBest93
31 marzo 2014 - 09:26
3
Ahahah non ha risposto a me, ma a se stesso! Che soggetto!!! :D
Ritratto di Arcadia
30 marzo 2014 - 14:05
grigio topo, non se la filava nessuno. Anzi puzzava di Ford lontano un km sebbene non saprei spiegare il perche' ma lo faceva...se ci fosse stata una LFA si sarebbe formato un capannello di curiosi intorno. Toyota in questo discorso c'entra come i cavoli a merenda...sono auto popolari e poco c'entrano con le Aston che sono esotiche e hanno prezzi da capogiro e devono essere fascinose,prima ancora che belle,a tutti i costi, e le attuali non lo sono. Una Toyota sarà sempre piu'attraente di una VW come una Ferrari sarà sempre un altro mondo rispetto alle attuali Aston Martin.
Pagine