DS 3 Crossback: è piccola, ma sciccosa

13 settembre 2018

In arrivo a maggio 2019 la nuova crossover DS 3 Crossback è un modello ricco di personalità con dotazioni da categoria superiore.

DS 3 Crossback: è piccola, ma sciccosa

STILE DECISO - Fra i quattro marchi del gruppo PSA, la DS è quello che più degli altri (Citroën, Opel, Peugeot) punta sullo stile e sulla cura per i dettagli. Queste caratteristiche si ritrovano nella DS 3 Crossback, una crossover compatta lunga 412 cm. Il look ricercato e interni rifiniti con grande attenzione la pongono come alternativa anche ad Audi Q2 e Mini Countryman. La DS 3 Crossback insomma non “tradisce” lo spirito della casa francese, che da quando è diventata un marchio indipendente (nel 2014) ha voluto dare un'impronta forte ai suoi modelli. L'ultima nata spicca per la grande mascherina anteriore, le maniglie nascoste nelle portiere (fuoriescono avvicinandosi all'auto) e sull'originale pinna nella fiancata, un dettaglio che ha una giustificazione tecnica oltre a essere un inconfondibile tratto di stile: fa infatti da supporto ai tweeter posteriori dell'impianto stereo . Ed è una caratteristica che già contraddistingue pure la DS 3, la prima auto del marchio francese, che però non avrà un erede.

TANTA QUALITÀ - L'interno della DS 3 Crossback 2019 non è meno curato, perché si trovano dotazioni rare su un modello di questa categoria: si potranno avere il cruscotto digitale, lo schermo nella consolle di 10,3” ed i sedili riscaldabili. Non mancherà neppure l'head-up display, un pannello trasparente alla base del parabrezza dove sono riportate informazioni essenziali come la velocità o le indicazioni del navigatore satellitare. Dalla più grande e costosa DS 7 Crossback arrivano gli interruttori a forma di diamante e gli ambienti interni, personalizzazioni ispirate ad alcuni quartieri di Parigi (Montmartre, Bastille, Rivoli, Opera) che servono a dare un tono più o meno elegante all'auto, disponibile inoltre con dieci diversi tipi di cerchi (fino a 18”), dieci vernici per la carrozzeria e tre colori per il tetto. Quest'ultimo, grazie ai montanti neri, dà l'impressione di essere sospeso. Alla DS dicono inoltre di aver curato molto l'isolamento acustico, servendosi di vetri laterali più spessi e di un parabrezza in grado di schermare i rumori esterni.

ANCHE ELETTRICA - La DS 3 Crossback è ricca di contenuti anche a livello meccanico, perché si avvale della nuova piattaforma destinata alle future crossover della PSA: si chiama CMP, ha la trazione sulle ruote davanti ed è più leggera di 40 kg rispetto alla vecchia. Fra le particolarità c'è quella di ospitare sotto il pavimento le batterie di una versione con motore elettrico, che nel caso della DS 3 Crossback si chiama E-Tense e promette un'autonomia di 300 chilometri (misurati secondo il ciclo WLTP). Le pile possono immagazzinare 50 kWh di energia e alimentano un motore da 136 CV, stando alla DS, che sebbene non abbia ancora omologato l'auto (i valori dichiarati sono provvisori) dichiara uno 0-100 km/h in 8,7 secondi e una velocità massima di 150 km/h. La DS 3 Crossback E-Tense arriverà sul mercato solo nella seconda parte del 2019, probabilmente a ottobre. Gli altri motori, disponibili prima dell'estate, sono il 1.2 turbo a benzina da 100, 130 o 155 CV e il diesel 1.5 da 100 CV o 130 CV, abbinati al cambio manuale a 6 marce o all'automatico a 8 (per il benzina da 155 CV). Il baule inoltre è nella media per una vettura di queste dimensioni: 352 litri.

FRENA DA SOLA - Fra i punti di forza della DS 3 Crossback c'è anche l'equipaggiamento in materia di sicurezza e assistenza alla guida, molto completo per una vettura in questa fascia di prezzo (dovrebbe partire da circa 24.000 euro): si potranno avere il sistema di parcheggio semi-automatico, il regolatore di velocità adattivo (funziona sino a 180 km/h), la frenata automatica d'emergenza fino a 140 km/h ed i fari anteriori a matrice led, dotati di un software che spegne automaticamente i singoli punti luce per modulare il fascio e non abbagliare chi guida in direzione contraria.

DS 3 Crossback
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
17
8
11
8
28
VOTO MEDIO
2,7
2.694445
72


Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
13 settembre 2018 - 18:40
Molto carica di dettagli, ad esempio nella forma dei fanali o i rombi nella plancia; se vogliono distinguersi da questo punto di vista ci riescono benissimo. Pare che si siano concentrati anche sul comfort e va bene così. A mio giudizio piacevole, anche se secondo me la Ds dovrebbe fare un'auto come l'Audi A7, un po' più curvilinea, o A5. Ps, ma le rivali non sono X1, Q3...?
Ritratto di Magnificus
13 settembre 2018 - 19:01
Originale non c’è che dire...ora vediamo il prezzo ma fosse alto i potenziali clienti si dirigono in terra tedesca
Ritratto di Giuliopedrali
13 settembre 2018 - 19:25
Si ma per fare un auto come l'A7 allora davvero dovrebbero rispolverare marchi come Delage o almeno il più plebeo però fascinoso Darracq, DS non basta...
Ritratto di Giuliopedrali
13 settembre 2018 - 19:29
In ogni caso piacevole e molto molto premium, dividerà molto, incredibili e strani gli interni. Molto bella alle estremità, meno al centro e particolarmente riuscita in grigio/argento non in blu. I nomi Rivoli e Opera sono molto indovinati per una futura auto...
Ritratto di Fr4ncesco
13 settembre 2018 - 19:48
Perché, la mitica Ds, la Sm, vetture di alta gamma di segmento E o addirittura F.
Ritratto di Giuliopedrali
13 settembre 2018 - 21:18
Si ma DS si lega molto a Citroën (quindi auto medie, le DS attuali sono solo più premium ma non di categorie molto superiori), mentre Delage o altri mitici marchi francesi del passato se la vedevano con Rolls-Royce... Cioè l'A7 per loro sarebbe il modello di accesso...
Ritratto di Fr4ncesco
13 settembre 2018 - 21:35
La Citroën ha fatto dalle citycar alle berlinone premium, Ds è uno spin off e una berlina rastremata intorno i 495cm sarebbe la Pallas o una CX moderna, che non era una Rolls.
Ritratto di Giuliopedrali
13 settembre 2018 - 21:43
Ma allora meglio il marchio Citroën se vuoi ricordare davvero nelle forme una Citroën del passato la CX per esempio, DS per queste auto premium alla moda, medie circa come dimensioni. Il lusso vero senza nessun riferimento a PSA e facendo sembrare la triade tedesca auto per chi va in giro in sandali coi calzini, Delage...
Ritratto di Fr4ncesco
13 settembre 2018 - 22:18
Infatti era meglio Citroën come marchio, ma visto che si chiama Ds, quale modello migliore di una Ds moderna, queste avrebbero fatto da contorno. La Ds più riuscita sicuramente la 5 e prendere restyling.
Ritratto di dottorstrange
13 settembre 2018 - 20:57
Troppo carica di dettagli da originaloni a tutti i costi... poi vai a vedere la cavalleria e la trazione ed è un SUV come tutti: non ci fai neanche la salita del garage.... ma in compenso hai i rombi e la pinna, manco nuotasse.
Pagine