NEWS

FCA alleata con PSA? No grazie

31 marzo 2016

Marchionne guarda ad alleanze al di fuori del settore automobilistico per eventuali nuovi accordi di collaborazione.

FCA alleata con PSA? No grazie
NO GRAZIE - Alleanza tra FCA e il gruppo PSA? No grazie, stando alle dichiarazioni dell’amministratore delegato Sergio Marchionne. Il manager italo-canadese si è espresso ieri su un’eventualità che in molti hanno paventato, e che l’omologo di Marchionne, Carlos Tavares, sembrava avere esplicitamente proposto: “Non è un’operazione fattibile: i vantaggi sono troppo pochi in relazione ai futuri vincoli”, ha dichiarato Marchionne alla CNBC.
 
PARTITA MONDIALE - Una questione strategica, quindi: “Rafforzeremmo la posizione in Europa senza risolvere il problema fondamentale dell'industria”. Un problema che, comunque, non pone ostacoli a eventuali alleanze globali: non è un mistero che Marchionne ammicchi alla General Motors, che tuttavia non si è mai dimostrata entusiasta di una simile eventualità. L’analisi di Marchionne con la CNBC si focalizza sulla globalità: “Il grande vantaggio di FCA come potenziale partner in un processo di consolidamento è che riesce a coprire il Nord America, l'Europa e l'America Latina. Vero che in questo momento il Sud America è debole, ma guardate quanto le cose stanno cambiando in Argentina con Mauricio Macri”. Altro nodo dolente per il manager, il Brasile, dove a tenere banco è il caso di corruzione che ha travolto tanto la presidente Dilma Rousseff, quanto il predecessore Luiz Inacio Lula da Silva: la speranza del manager è quella di una maggiore stabilità politica, che si possa tradurre in un miglioramento dell’economia.
 
VERSO LA GUIDA AUTONOMA - Per adesso, l’obiettivo della FCA sembra essere l’Europa, dove “un quinto delle vendite di suv deve essere nostro. Per questo spingeremo molto Jeep, anche se mi rendo che sarà difficile perché ora siamo lontanissimi da quell'obiettivo mentre ci siamo arrivati molto vicini qui in Nord America”. In futuro, l’interesse è per la guida autonoma: Marchionne, poco tempo fa, aveva auspicato una collaborazione tra costruttori tradizionali e le realtà, Google in testa, che hanno tecnologia informatica senza background automobilistico. “Abbiamo in piedi, aveva dichiarato Marchionne, varie conversazioni con aziende che attualmente non sono nel settore automobilistico”.
Aggiungi un commento
Ritratto di pastrellandrea
31 marzo 2016 - 11:36
Intanto stanno uscendo altre news dove Tavares dice di essere pronto a trattare con Marchionne per un alleanza. Ma informarsi prima, no? Continua a fare auto Francese, stai perdendo il tuo tempo. Intanto in Italia si vola verso l'elettrica e la guida autonoma. Bravo!
Ritratto di fiattaro
31 marzo 2016 - 13:26
si vola?
Ritratto di VEIIDS
31 marzo 2016 - 13:43
Ma perché la concorrenza sull'elettrico e sulla guida autonoma com'è messa? Di elettriche non se ne vende una, di auto a guida autonoma non ce n'è ancora una in commercio. Quando i tempi saranno maturi anche FCA proporrà queste tecnologie, ora come ora sono acerbe e non le propone neanche la concorrenza: i diretti concorrenti americani ed europei sono allo stesso punto di FCA, cioè agli albori.
Ritratto di pastrellandrea
31 marzo 2016 - 15:17
Vabbè la guida autonoma non c'è e le elettriche sono meno di 1% delle macchine prodotte, ma comunque il passo avanti lo devi fare prima che diventa standardizzato. Come fai a diventare un leader del mercato se non prendi rischi per primo???
Ritratto di VEIIDS
31 marzo 2016 - 16:09
Gli investimenti stanno procedendo, anche se anticipare troppo tecnologie che non sono mature porta solo a far precipitare i conti. Vi ricordo che negli anni 90 Fiat lanciò la 600 e la Panda totalmente elettriche e non se le filò nessuno. Dopo 20 anni è successo lo stesso con la gamma elettrica della Renault (Zoe, Fluence, Twizy), non le ha comprate nessuno.
Ritratto di herm52
31 marzo 2016 - 18:44
Vorrei vedere le vetture a guida autonoma con le strade sia di città che a lunga percorrenza piene di buche.
Ritratto di VEIIDS
31 marzo 2016 - 11:53
Sarebbe un'assurdità perché in Europa FCA è comunque forte (nell'Europa immatricola circa 1 milione di auto all'anno), mentre in America il vantaggio ci sarebbe solo per PSA. Senza contare che in Europa si avrebbe una sovrapposizione eccessiva di motori e trasmissioni, che esporranno i gruppi a unificazioni dei powertrain. Con eventuali chiusure degli stabilimenti in eccesso. Meglio fare joint venture sui modelli meno redditizi del segmento B.
Ritratto di lorenzo.forte
31 marzo 2016 - 12:55
Hai ragione, non ha molto senso per FCA, infatti Marchionne non ha dato alcun segnale a favore di un unione con PSA. A questo punto molto meglio secondo me provare un'alleanza con GM per aumentare la pressione sul mercato americano.
Ritratto di VEIIDS
31 marzo 2016 - 12:46
Per GM è più una questione finanziaria che di prodotto, perché in Europa avrebbe proprio bisogno di una collaborazione visto che Opel non macina utili da almeno 10 anni e visto che hanno soppresso Chevrolet, Cadillac e Saab, a riprova delle loro difficoltà europee. Non dimentichiamoci che GM negli anni pre-crisi vendeva il 30% in più di Fiat, mentre ora addirittura di meno: GM nel 2007 era a 1.6 milioni di auto, Fiat Group Automobiles a 1.2 milioni. Ora stanno entrambe a circa 900.000. I numeri spiegano come GM abbia molta più necessità di FCA di allearsi in Europa.
Ritratto di impala
31 marzo 2016 - 12:55
.... e dire che la FCA aveva fatto un proposta di alleanza alla PSA che è stata rifiutata con disprezzo, tutti a ridere dell acquisizione della Chrysler della parte della Fiat. Ormai le cose sono cambiate, la Dongfeng e entrata nell capitale della Peugeot, lo stato Francese a dovuto dare una barca di soldi per salvare la Peugeot, e sopratutto la Fiat a riuscito la scomessa Chrysler. .... ormai la Peugeot non guarda piu la Fiat nello stesso modo
Pagine