FCA: ora si cerca un partner

13 gennaio 2015

Al salone di Detroit l'ad Marchionne ha parlato di nuove partnership, definendo l’eventualità praticamente inevitabile.

FCA: ora si cerca un partner
PRIMA O POI, MA INESORABILE - “Fra 6 mesi, 12, o magari 10 anni, ma è un passaggio obbligato”. Sono le parole con cui Sergio Marchionne ha risposto a Detroit a chi gli chiedeva se il gruppo FCA da lui diretto poteva intraprendere altre alleanze o collaborazioni con altri costruttori. Marchionne (nella foto durante la conferenza stampa tenutasi al Salone) non si è tirato indietro e ha ammesso che la cosa non è neanche un’eventualità, ma appunto un percorso inevitabile. 
 
SOLDI PER CRESCERE - Alla base di questa prospettiva ci sono i grandi costi da sostenere per lo sviluppo dei nuovi prodotti. In proposito, per dare un’idea delle dimensioni delle necessità sotto questo aspetto, Marchionne ha citato il caso dello stabilimento di Melfi, dove è stata annunciata la fine della cassa integrazione e la creazione di 1.500 nuovi posti di lavoro. “A Melfi abbiano sostenuto un investimento di un miliardo di euro”. E di fronte a queste dimensioni, che sono proprie del settore di attività, è indispensabile “associarsi per condividere i progetti industriali”. 
 
OBIETTIVO 2015: 5 MILIONI DI AUTO - Marchionne ha parlando precisando “senza fare nomi” (sono le sue parole) ma è stato molto chiaro sul dire che altri rapporti dovranno essere tessuti al fine di affrontare i passaggi per lo sviluppo futuro. In proposito a Detroit si è parlato di un obiettivo di 5 milioni di auto prodotte già per il 2015. Per poi crescere ancora evidentemente. 
 
CIRCOLA IL NOME VOLKSWAGEN - Da notare che il Corriere della Sera di oggi fa anch’esso riferimento agli scenari delineati da Marchionne. Solo che il quotidiano milanese non tiene conto della chiosa di Marchionne sul “senza far nomi” e afferma che con il consolidamento dell’industria dell’auto “anche una mega fusione Fiat-Volkswagen non dovrebbe più esser considerata improbabile”. Dunque due ipotesi-bomba assieme: non si tratterebbe di partnership industriali per lo sviluppo dei prodotti ma di fusione, e la controparte già ci sarebbe; appunto il gruppo Volkswagen.


Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
13 gennaio 2015 - 20:01
Così da mettere fine all'eterna rivalità tra fiattari e filo-vw (?). Scherzi a parte, mi sembrano ipotesi infondate. Perchè VW e non un altro qualsiasi gruppo? Come futuro partner di FCA ci vedo più Mazda.
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 20:11
4
...non vedo come si potrebbe sfruttare l'accordo con Fiat. Mazda non vuole motori turbo benzina, ha già i suoi bei pianali e la sua bella identità e produce nelle sue belle fabbriche in Giappone (che penso sia la cosa migliore per un marchio giapponese). Inoltre preferirei vederla proseguire da sola....non per egoismo ma perché la preferisco così. Anche senza Ford, con la quale comunque ha prodotto vetture molto valide come la mia eh eh. Davvero se fossi il "top" della Mazda, non diventerei partner di nessuno. Apparte che l'Europa non è un mercato di riferimento per quel marchio (nonostante le buone vendite dell'ultimo periodo, con gli ultimi anni in verde e anche di molto). Mazda è Mazda, FCA è FCA, anche se il lavoro che hanno fatto con Jeep è stato molto buono secondo me, perché la meccanica Fiat è valida indubbiamente. Chi critica la meccanica Fiat, o addirittura ho visto critiche alla meccanica Mazda perché non fa motori turbo benzina, dovrebbe veramente nascondersi e non farsi mai più vedere. Spero in una grande ripresa del marchio Fiat e del marchio Jeep in Italia, mi aspetto molto con la Giulia (ma sono incazzàto nero per la morte di Lancia!!!). Mazda deve continuare così, da sola, seguendo i suoi criteri. Come partner di Fiat ci vedrei benissimo Suzuki, alla quale passa i motori. Oppure anche GM, sempre per lo stesso motivo.
Ritratto di Fr4ncesco
13 gennaio 2015 - 21:13
Mazda è una casa indipendente a cui farebbe comodo il sostegno di un grande gruppo. Condividerebbero le spese di sviluppo, i pianali (ad esempio quello della 2 per la futura Punto), i motori (alla 2 sarebbe utile il 1.3 Multijet) e gli stabilimenti (le Mazda potrebbero essere anche prodotte negli stabilmenti FCA, così da soddisfare meglio la richiesta sul mercato americano).
Ritratto di PariTheBest93
13 gennaio 2015 - 21:37
3
Quoto in toto Fr4ncesco e aggiungo, che nuovi modelli fondamentali (della famiglia "non 500") su base Mazda sarebbero eccellenti: affidabilità giapponese, stile e motori italiani. Ad essempio la già citata punto (non darle un erede sarebbe stupido) ma anche una bravo (su base 3) una nuova croma (su base 6), il tutto con tempi e costi ragionevoli (rispetto a partire da un foglio bianco). Mazda sta andando bene semplicemente perché ha azzeccato tutti i modelli da quando non è più della Ford, tuttavia un "riparo" (FCA) è una sicurezza un più, al tal punto che si possa seriamente pensare all'erede della rx-8. In più visto che Mazda attualmente non ha stabilimenti europei (le nuove vengono prodotte a Hofu, Giappone), per questo mercato potrebbero essere realizzate negli stabilimenti di casa, italiani in primis cosi da offrire nuovi posti di lavoro. Insomma secondo me l'alleanza con Mazda è la quadratura del cerchio. Single ad un generalista, non conviene, oggi stai in salute ma se torni con i conti in rosso chiudi bottega, senza un grande gruppo alle spalle...
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 21:52
4
Mazda NON è disposta a cedere le proprie nuove creazioni (skyactive) a nessuno. Figurati se da tutti i suoi telai per far ricreare una nuova gamma da zero. Ha già detto esplicitamente di non voler seguire la moda del turbo, quindi i twinair sono esclusi. Diesel ne ha già, il 1.5 sarà declinato in un paio di step di potenza (90 e 115 a quanto ho capito) e montato sui modelli medio-piccoli della casa, sulla 6 un 1.5 non penso venderebbe molto perché il 2.2 è il più adatto. Fiat ha già mandato in rovina Lancia e deve recuperare con Alfa, a Mazda dell'Europa interessa poco e niente (solo Germania e UK, per il resto interessano molto Russia, USA, Oceania e medio oriente) quindi delle fabbriche italiane (e qui aggiungerei un purtroppo perché darebbe lavoro agli italiani) non se ne farebbe molto. Massimo la Mazda verrà considerata come alleata solo per creare la spyder. Sinceramente rimarrei più sconcertato nel vedere delle Mazda fatte su Fiat piuttosto che viceversa proprio per questa "soddisfazione personale" che mazda ha dei propri prodotti. Nei prossimi piani una erede di RX-7 ed RX-8 non è prevista. Sicuramente al termine dei modelli kodo inventeranno qualcos'altro, spero di altrettanto stupefacente, comunque di tempo ne ha. La frase riassuntiva di questo tema è: Fiat da Mazda prenderebbe molto mentre Mazda da Fiat vorrebbe poco e niente. Stile italiano? I giapponesi vogliono stile giapponese, anche perché Mazda crea world car. Mi dispiace, ma spero di no. Spero anche che non venga presa ancora da gruppi come Ford. A me piacerebbe vederla collaborare con altri marchi nipponici. Anche Honda è single...
Ritratto di PariTheBest93
13 gennaio 2015 - 22:21
3
Per chi pensi siano destinate auto come la 2 o la 3, agli africani? Certo che Mazda (come pure agli altri jap) è interessata all'europa il motore 1.5 diesel è specificato per questo mercato! Honda pure sarebbe un partner ottimo, tuttavia non ci vedo molto affinità, al contrario di Mazda il cui lavoro è già iniziato con la 124/miata, difficilmente sarà un "mordi e fuggi" tra le due case, più probabile sia l'inizio di una collaborazione ben più "intensa". Se così non fosse ci perderebbero entrambe cosi come sono ora, per i motivi prima descritti... al massimo una Mazda fatta su Fiat potrebbe essere solo una seg. A su base 500. Stile italiano? Io direi proprio di si, ma riferito a una fittizia nuova Fiat. Il punto è vero che ci guadagna molto di più Fiat (e quale partner bisogna scegliere, uno che ti fa rimettere?), ma è anche vero che Mazda guadagna un colosso alle sue spalle (mica poco). Attualmente le case giapponesi collaborano tutte per l'elettrico e la sua diffusione (in giappone) se la cosa ti può interessare...
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 22:29
4
La 2 e la 3 viene venduta in tutto il mondo. Ma in Europa vende Golf!! Invece in Israele, usa e Oceania sono tra le leader del segmento! Il 1.5 è specificato per la 2, cosa le metti il 2.2 da 150 cavalli?! E poi ti sei risposto da solo, a quale partner bisogna scegliere, a quello che ti fa rimettere? IL COLMO proprio. Lo dici pure tu che mazda non ci guadagna. Contraddiciti di meno...poi io devo passare per scēmo...
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 22:31
4
*VENGONO
Ritratto di Moreno1999
13 gennaio 2015 - 22:32
4
*VENGONO
Ritratto di Fr4ncesco
13 gennaio 2015 - 22:29
Honda è un colosso industriale, non solo nell'automotive, quindi è si indipendente come produttore di automobili, ma non è paragonabile a Mazda. Poi non si parla di acquisizione, ma potrebbe essere "socia", quindi con la sua voce in capitolo.
Pagine