NEWS

FCA: ok al prestito di 6,3 miliardi

Pubblicato 26 maggio 2020

Il Cda della banca Intesa Sanpaolo dà il via libera al prestito a favore della FCA Italy con garanzia statale pari all’80% della somma.

FCA: ok al prestito di 6,3 miliardi

VIA LIBERA - Con il deciso rialzo in Borsa dove ha guadagnato in poche ore oltre il 3%, il mercato sembra gradire l’accordo tra Intesa Sanpaolo e il gruppo FCA. Accordo avallato proprio oggi dal consiglio di amministrazione della banca riunitosi questa mattina e che ha per l’appunto approvato la delibera relativa al finanziamento in favore di FCA Italy per una somma di 6,3 miliardi di euro. Un importo consistente, ma giustificato dal ruolo fondamentale di FCA per la filiera italiana dell'automotive. Secondo regolamento, l'efficacia della delibera diverrà effettiva all'ottenimento della garanzia pubblica da parte di Sace (in pratica la Cassa Depositi e Prestiti dello Stato) pari all'80% della somma. A seguire la delibera sarà oggetto di decreto del Mef ed essere pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale previa approvazione da parte della Corte dei Conti, così come prevede il decreto Liquidità dell'8 aprile scorso.

PRESTITI ALLA RETE - Il finanziamento di Intesa Sanpaolo potrebbe portare importanti benefici anche alla rete dei concessionari e a tutte le aziende legate all’indotto ai quali viene erogato denaro attraverso finanziamenti della controllata FCA Bank con interessi che vanno dal 5% al 6%. E il presidente di Unimpresa (Unione Nazionale di Imprese), Paolo Longobardi, si augura che alla luce di questa nuova situazione finanziaria, i tassi di interesse possano scendere ed essere perciò più favorevoli. Unimpresa si augura insomma che questa nuova potente iniezione di liquidità si ripercuota favorevolmente in tutta la “galassia” di quell realtà piccole e grandi che ruotano intorno a FCA. 



Aggiungi un commento
Ritratto di Elix69
26 maggio 2020 - 20:08
In pratica si fanno prestare soldi per poi prestarli a loro volta....e come diceva un famoso allenatore: "è straordinerio"
Ritratto di giancarlo 1
26 maggio 2020 - 20:39
Esatto! Proprio così.... Straordinerio!
Ritratto di treassi
27 maggio 2020 - 09:06
Purtroppo li useranno per pagare 5 miliardi di dividendi, altrimenti gli investitori le azioni se le vendono, con quel listino da rigattiere....
Ritratto di bear666
27 maggio 2020 - 09:11
i dividendi li pagano a se stessi ( insieme alle banche) visto che sono i maggiori azionisti
Ritratto di treassi
27 maggio 2020 - 09:19
Quindi anche peggio AHAHAHAH AHAHAHAH AHAHAHAH
Ritratto di 82BOB
26 maggio 2020 - 21:12
Ora niente scherzi! Fusione o non fusione coi francesi i posti di lavoro devono rimanere in Italia!!!
Ritratto di No doubt
26 maggio 2020 - 21:17
Che Paese di emme!!!
Ritratto di Scatnpuz
26 maggio 2020 - 22:24
80% garantiti dallo stato??? Noi garantiamo e loro si intascano i dividendi!!! Dovrebbero requisire tutti i denari per tutti i prox anni. E andare a far tirare fuori ai proprietari tutti quelli intascati negli ultimi ..... secoli....
Ritratto di Alfiere
27 maggio 2020 - 10:54
1
Stiamo garantendo, non erogando.
Ritratto di Scatnpuz
27 maggio 2020 - 13:40
Tu garantiresti Mai un progetto fallimentare???
Pagine