NEWS

FCA: risultati record nel primo trimestre 2018

26 aprile 2018

Le vendite stabili non rallentano l’azienda, che vede aumentare i guadagni del 59% e dimezza il debito.

FCA: risultati record nel primo trimestre 2018

INIZIO POSITIVO - I primi tre mesi dell’anno sono stati un periodo di grande crescita a livello finanziario per la FCA, che ha messo a segno risultati invidiabili sotto il profilo dei guadagni e della riduzione del debito: il costruttore italo-americano ha dichiarato un utile netto pari a 1,021 miliardi di euro (+59%) e quasi dimezzato l’indebitamento, sceso dai 2,39 miliardi di fine 2017 ai 1,313 miliardi di marzo 2018. I dati fanno parte del bilancio del primo trimestre 2018 pubblicato oggi dall’azienda, che sta vivendo una fase molto importante della sua storia, visto che il numero uno Sergio Marchionne abbandonerà il “ponte” di comando nel 2019 e ha promesso di voler azzerare per quella data l’esposizione con le banche maturata negli anni scorsi. 

MALE LA MASERATI - L’incremento dei guadagni è stato ottenuto dalla FCA a parità di entrate, visto che il giro d’affari è passato dai 27,719 miliardi del primo trimestre 2017 ai 27,027 miliardi di quest’anno (-2%). Questo nonostante le consegne siano passate da 1.145.000 a 1.204.000 unità (+5%). L’America del Nord è rimasta l’area geografica in cui la FCA ha guadagnato più denaro, stando ai numeri pubblicati nella trimestrale: ciascuna delle 646.000 vetture consegnate nel primo trimestre (+6%) ha reso in media il 7,4%. In Europa invece il dato si è attestato al 3,2% Nel primo trimestre sono andate molto bene le vendite della Jeep (+37%). Ha frenato invece la Maserati, il cui trimestre è stato molto negativo: le vendite sono passate dagli 11.900 esemplari del 2017 ai 9.400 di quest’anno.

ZERO DEBITO - I risultati deludenti della Maserati non fanno cambiare le stime della FCA per tutto il 2018, invariate rispetto a quelle di gennaio, quando si stimava un giro d’affari pari a 125 miliardi di euro, un utile netto di 5 miliardi e 4 miliardi disponibili in cassa: ciò significa non soltanto che l’azienda è sicura di poter azzerare il debito, ma confida di “mettere da parte” 4 miliardi per utilizzarli senza doverseli far prestare dalle banche.



Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
26 aprile 2018 - 18:14
4
sono utili che derivano quasi totalmente dal mercato NAFTA dove da alcuni anni hanno puntato esclusivamente sui marchi Jeep e RAM che gli consentono margini di guadagno maggiori...almeno questo è quello che dichiarano...hanno bruciato i mobili per riscaldarsi questo inverno, sti furbacchioni...
Ritratto di Automotive_Jeep
26 aprile 2018 - 20:40
AHHHHHHHH fantastico DR l'economo ahhhhhh Azzera i debiti migliori i guadagni e dipende dal mercatoNAFTA. Somaro guarda i risultati in borsa !!!!Sai quanto capitalizza FCA ???? Ti sei mai chiesto perché ??????
Ritratto di IloveDR
27 aprile 2018 - 09:11
4
fai bene maparu a scialarti adesso, perché coi castelli di carta è un attimo andare giù...sei talmente ciuccio che non tieni in considerazione questa probabile fatalità, e poi ti tocca di nuovo rinchiuderti nella tua caverna per mesi e mesi dalla vergogna...FCA è un bluff, non scordarlo mai, sai!
Ritratto di Utente_1976
27 aprile 2018 - 13:55
"FCA è un bluff, non scordarlo mai, sai!". Ma questo non si è ancora stancato di essere continuamente deriso dai fatti???Si vede che è abituato.
Ritratto di mariofiore
27 aprile 2018 - 17:05
I Love dr. Cosa vuole dire con Fca è un bluff? I bilanci e i risultati sono ufficiali. Mentre viceversa in altri gruppi leggo di indebitamenti di molti superiori, per cui se ha informazioni maggiori ce le comunichi, in caso contrario capiremo che lei disinformato.
Ritratto di IloveDR
27 aprile 2018 - 17:21
4
Il cosiddetto bluff (dall'inglese to bluff, ingannare; in italiano simulazione, dissimulazione) è un atteggiamento tenuto da un giocatore durante una partita, un gioco o una competizione di qualunque altro tipo che lo veda contrapposto ad uno o più avversari, tendente ad indurre in errore un avversario, impedendogli di capire quale sia la propria situazione di gioco, per esempio facendo credere di essere in una situazione migliore di quella reale, o viceversa.(fonte: Wikipedia) mariofiore ma proprio sanosano sei...
Ritratto di mariofiore
27 aprile 2018 - 17:40
I love dr, grazie sono sanissimo. Proprio per questo affermo che facendo i realisti Fca ha presentando un'ottima trimestrale. Ovviamente quando partirà con il nuovo piano industriale dovrà chiarire, se i 20 miliardi di euro di liquidità servono per comprare altro competitor, oppure se servono per Investire in nuovi prodotti o tecnologie. Non esistono bluff nei bilanci, non è una partita a poker. Sono numeri certificati da aziende di revisione ed effettivamente i risultati sono molto positivi. Poi se lei suppone che ci siano trucchi contabili di spieghi quali sono così apprendiamo qualcosa di nuovo.
Ritratto di Mbutu
26 aprile 2018 - 18:39
In realtà sembra che non abbiano aumentato neppure i prezzi visto che oltre alle vendite è stabile anche il fatturato (se quel "giro d'affari" è stato usato come sinonimo). Questo significa inoltre che non è che vendano meno panda e più giulia, altrimenti sarebbero aumentati anche gli incassi. Quindi per ottenerlo hanno diminuito i costi. Per sapere cosa effettivamente abbiano fatto bisognerebbe prendere in mano il bilancio. Continuare a "spremere" modelli obsoleti di sicuro aiuta i margini. Potrebbero aver ottimizzato alcuni processi e magari spostato la produzione in aree a minor costo del lavoro. Di sicuro hanno meno interessi sul debito e meno tasse.
Ritratto di Luzo
27 aprile 2018 - 08:20
nei dati forniti in effetti si dice che , a parità di cambi con il 2017 ( è un confronto col trimestre dello scorso anno del resto) i ricavi sarebbero stati +9% anzichè -2% btw è un bilancio, e se sto trimestre non hanno speso è normale che l'utile cresca
Ritratto di lucios
27 aprile 2018 - 08:32
4
Dimezzare il debito già porta, in termini di costi, un dimezzamento degli oneri finanziari da pagare. Sicuramente, come dici tu, la presenza di modelli ormai ammortizzati sul piano progettuale e industriale come Panda, Punto, 500, Ypsilon, Giulietta, Grand Cherooke, Mito, Maserati Ghibili e Quattroporte, Doblo', a tanti altri modelli americani che non ricordo nemmeno, ha sicuramente ridotto i costi. Se a questo aggiungiamo: la CIG (che è a spese dello stato con la relativa mancata produzione per maestranze a casa coperta con rimanenze in magazzino); una riorganizzazione del sistema assistenziale e distributivo (nella mia provincia una concessionaria Fiat manca da 5 anni) ecco spiegati questi risultati a parità di fatturato. Bisogna riconoscere che Marchionne è un grande esperto di finanza e costi! Sul prodotto auto, però, forse qualche incertezza c'è!!!!
Pagine