NEWS

Ferrari J50: solo per 10 (fortunati) giapponesi

13 dicembre 2016

Per celebrare i 50 anni della propria presenza in Giappone, la Ferrari ha realizzato la J50: 10 soli esemplari, tutti riservati al mercato del Sol Levante.

Ferrari J50: solo per 10 (fortunati) giapponesi

ONE-OFF? NON PROPRIO - In Giappone gli appassionati della Ferrari non mancano. E neppure i clienti… Tra loro c’è chi, a partire dalla fine del 2017, potrà mettere le mani sulla esclusiva Ferrari J50, presentata proprio oggi in un evento che celebra il mezzo secolo di presenza commerciale ferrarista nel paese del Sol Levante. Il nome non è scelto a caso: “J” sta per Japan, mentre la cifra “50” ricorda la ricorrenza. Non si tratta di una vettura one-off, cioè di una fuoriserie realizzata in un unico esemplare per un facoltoso cliente, ma si parla comunque di una vettura altamente esclusiva: oltre che per il prezzo (attorno ai 2,5-3 milioni di euro), per il numero di esemplari, limitato a dieci, tutti destinati al paese nipponico (e tutti, ovviamente, già venduti).

SOTTO SOTTO, LA 488 SPIDER - La Ferrari J50 è una roadster con motore posteriore centrale e tetto asportabile, anziché ripiegabile come nella vettura da cui deriva (la 488 Spider): una soluzione che riprende un concetto in voga per alcune vetture stradali del Cavallino negli anni 70 e 80. La carrozzeria, disegnata dal reparto Progetti Speciali del Centro stile di Maranello, è però parecchio diversa da quella del modello di partenza: le superfici vetrate ricordano la visiera di un casco, mentre un inserto nero si estende dal penetrante frontale alle fiancate in omaggio a storici modelli come la GTO, la F40 e la F50. Originale anche la zona posteriore, che si raccorda con il profilo dei finestrini. 

AERODINAMICA SPINTA - Le forme filanti della Ferrari J50 sono arricchite da una serie di dettagli “nascosti”, che aiutano a migliorarne l’aerodinamica. Per esempio, i radiatori anteriori sono stati posizionati il più vicino possibile tra loro, consentendo un disegno del frontale inedito, con un cofano basso al centro e i passaruota in rilievo per esaltare i “muscoli” di questa fuoriserie. Sempre nel “muso” sono state posizionate due prese d’aria in fibra di carbonio che danno ancora più grinta. Inediti i fari a led, come pure il profilo del parabrezza, abbassato per fendere meglio l’aria. 

V8 IN VETRINA - Il “cuore” della Ferrari J50 è il V8 turbo di Maranello, portato per l’occasione a 690 cavalli (21 più che nella 488 GTB e Spider), visibile attraverso la copertura trasparente, “abbracciata” da un profilo alare che si collega visivamente ai due roll-bar e che fa apparire questa sportiva ancora più larga. Proprio dietro ai sedili del lussuoso abitacolo, con rivestimenti in pelle e Alcantara (ma ciascun cliente l’ha personalizzata a piacere), possono essere riposte le due metà dell’hard-top. Ovviamente, in leggerissimo carbonio…

Aggiungi un commento
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
13 dicembre 2016 - 14:03
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di nicktwo
13 dicembre 2016 - 14:05
certo che il centro stile ferrari è decisamente inarrivabile... frontale e fiancate del tutto inediti e completamente fuori dai suoi attuali canoni eppure sempre al top... il fatto, probabilmente, e' che ha un infinita' di modelli e soluzioni stilistiche del passato da cui attingere che puo' del tutto stravolgersi e risultare comunque un'eccellenza... saluti
Ritratto di Fdkk
15 dicembre 2016 - 17:49
2
ma frontale inedito che cosa che è uguale a una lamborghini,....
Ritratto di Luc_1957
13 dicembre 2016 - 14:21
La linea frontale sotto i fari e troppo alta... ha un effetto bocca di manta... quindi... poco dinamica... resta però un oggetto godibile, per chi può!!....
Ritratto di giuggio
13 dicembre 2016 - 16:14
godibile... boh, per me un'automobile è godibile se la usi, invece secondo me queste ferrari finiranno tutte in un garage e buona notte. Mi piacerebbe sapere se qualcuno guida davvero questi giocattoli (belli, per carità) dal prezzo da fuori di testa. Dal mio punto di vista hanno lo stesso significato e lo stesso fascino degli orologi da centomila euro: cioé, zero.
13 dicembre 2016 - 14:35
In effetti ha un che di orientale.
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
13 dicembre 2016 - 15:39
Commento rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di Xadren
13 dicembre 2016 - 15:17
1
Non capisco, forse è colpa mia che non ne so abbastanza: il modello è destinato al Giappone, non dovrebbe avere il volante a destra?
Ritratto di C200
13 dicembre 2016 - 15:31
Non ne sono sicurissimo ma mi sa che le Ferrari piu recenti e forse anche le lambo non vengono prodotte con la guida a destra. Mi è capitato di vedere video di ferrari in Giappone ed erano con la guida a sx.
Ritratto di NeroneLanzi
13 dicembre 2016 - 17:37
Esistono anche con guida a destra. Può essere una scelta dovuta alla natura del mezzo. Un po' come avviene in Italia tra gli appassionati di auto giapponesi e inglesi che apprezzano gli esemplari di importazione con guida a destra, in Giappone molti appassionati di auto italiane apprezzano il fatto di avere la guida a sinistra. Anche solo sulle normali Abarth 595 accade lo stesso. Attraverso i canali ufficiali in Giappone vengono vendute vetture con guida a destra ma le 595 importate parallelamente con guida a sinistra sono a volte più ricercate.
Pagine