NEWS

Geometry: il nuovo brand della Geely per le elettriche

12 aprile 2019

Entro il 2025 arriveranno dieci modelli elettrici marchiati Geometry, che lancia come primo modello la berlina A.

Geometry: il nuovo brand della Geely per le elettriche

ANCHE IN EUROPA - L’acquisto di Lotus e Volvo ha accreditato il gruppo cinese Geely come uno fra i più ambiziosi nel panorama automobilistico: il suo obiettivo è diventare uno dei primi dieci al mondo. La casa di Hangzhou però non intende fermarsi qui e ha annunciato la nascita del marchio Geometry, specializzato in auto elettriche premium, che ha in programma di lanciare entro il 2025, in vari mercati mondiali, fra cui alcuni europei, dieci fra suv, crossover e monovolume. La prima auto della Geometry è la berlina Geometry A (nelle foto), un’auto dal look piuttosto classico che punta sull’efficienza aerodinamica per migliorare le percorrenze: il coefficiente Cx di 0,2375 è ottimo per una berlina lunga circa 470 cm.

RICCA DOTAZIONE - Anche l’interno della Geometry A è piuttosto essenziale, anche se la mancanza di una “palpebra” regala un tocco di originalità al cruscotto: lo schermo della strumentazione e quello del sistema multimediale sono a sbalzo. Spicca inoltre l’alto tunnel centrale, che integra dettagli come i comandi a sfioramento e il pomello per la trasmissione. L’equipaggiamento è completo, perché la Geometry A può essere dotata della frenata automatica con riconoscimento dei pedoni, del regolatore di velocità adattativo, del mantenimento in corsia, del monitoraggio degli angoli ciechi negli specchietti e del sistemi di parcheggio automatizzato, oltre a piccole “finezze” come la chiusura tramite password del cassettino davanti al sedile del passeggero e alla possibilità di limitare la velocità massima quando si presta l’auto ad una persona (come il figlio neo-patentato).

DUE BATTERIE - La Geometry A sarà ordinabile con due batterie, dotate della ricarica veloce per recuperare fino all’80% della carica in 30 minuti: la meno costosa ha accumulatori da 51,9 kWh, che promettono 410 chilometri di autonomia secondo il ciclo di consumo NEDC, ma è disponibile un “pacco” batterie da 61,9 kWh per portare l’autonomia dichiarata a 500 chilometri. Il motore da 163 CV assicura uno ‘0-100’ in 8,8 secondi. Il prezzo della versione base in Cina è equivalente a 27.750 euro.



Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
13 aprile 2019 - 09:28
Geely con Volvo, Polestar, Lynk & Co, Proton e Lotus, e ora anche Geometry (strano nome) è una vera corazzata, guardate anche i numeri in Cina e non solo, e proprio Volvo a me sembra un pò l'anello debole, cioè non si distingue più di tanto in mezzo a tutte ste tecnologie avanzate, il design di questa prima berlina modello A è solo in apparenza banale, essendo elettrica e molto moderna nel cockpit può diventare un piccolo must anche in Europa.
Ritratto di Rav
13 aprile 2019 - 12:22
3
Nella foto in piccolo della home page mi ricordava molto la Peugeot 406 Coupè disegnata da Pininfarina. Una volta aperta e vista in grande le proporzioni mi sono invece parse meno aggraziate con quegli sbalzi davvero lunghi. Bello l'interno anche senza chissà quale novità. Certo che se si arrivasse ad elettriche da 400km di autonomia con prezzi sui 30/35 mila euro, magari con dimensioni da utilitaria e non sempre e solo suv e berline, certamente se ne vedrebbero in giro di più, soprattutto in città. C'è tanta gente che usa l'auto solo nei dintorni e soprattutto in città che sarebbe pure interessata, ma non se ne fa nulla di queste auto che comunque non sono piccole.
Ritratto di moris_com
14 aprile 2019 - 17:41
Veramente belli gli interni; prezzo moderato, esterni un po anonimi...
Ritratto di Giuliopedrali
16 aprile 2019 - 09:11
Alla fine, estetica a parte, la trovo più interessante di una BMW serie 1 o una Mercedes A auto da apericena, cioè come tutte queste auto esotiche se arrivassero qua ti compri una fetta di futuro.