Come ti incattivisco la Gumpert Apollo

11 marzo 2013

La piccola casa tedesca presenta a Ginevra due versioni speciali della supercar Apollo. Una è omologata per la circolazione in strada, l’altra è riservata all’utilizzo in pista.

Come ti incattivisco la Gumpert Apollo

PER I TRACK DAY - La tedesca Gumpert ha esposto al Salone di Ginevra due versioni speciali, ancor più estreme, della supercar Apollo: la R e la Enraged. La prima, non omologata per la strada, è pensata soprattutto per il mercato asiatico dove la Gumpert ha registrato un forte aumento della domanda legato soprattutto all’utilizzo in pista. Il V8 4.2, ampiamente modificato (pressione della sovralimentazione, ottimizzazione dei canali di aspirazione, sistema di scarico racing), raggiunge la ragguardevole potenza di 860 CV mentre il peso della vettura si ferma a quota 1.100 kg a secco. 

IL GRIFONE ARRABIATO - La Gumpert Apollo Enraged, che, tanto per chiarire significa “infuriata”, è un’edizione limitata a soli tre esemplari omologati per la circolazione su strada. Il suo V8 4.2 eroga 780 CV a fronte di un peso a secco dichiarato di 1.175 kg. Ancor più cattiva la livrea, grazie alla vernice nera opaca e alla striscia in nero lucido contornata da due bordini in rosso e oro che attraversa cofano motore e tetto. Le scenografiche porte ad apertura ad ali di gabbiano sono arricchite dal grifone stilizzato simbolo dell’azienda. “È un po’ folle estremizzare una supercar già estrema”, ha dichiarato Roland Gumper ma, “la Enraged incarna la nostra filosofia con assoluta coerenza” ha proseguito il padre della Apollo. Obiettivo dichiarato, polverizzare il tempo sul giro al Nürburgring come accaduto nel 2009. 
Aggiungi un commento
Ritratto di MatteFonta92
11 marzo 2013 - 12:57
3
Mh... non mi convince, per essere una supercar devo dire che ha una linea abbastanza anonima. I contenuti tecnici non si discutono, però l'auto ha un design abbastanza tradizionale, per un "mostro" del genere sarebbe stato meglio osare qualcosa di più.
Ritratto di carmelo.sc
11 marzo 2013 - 16:32
a me invece sembra troppo "estremo" se paragonato ad esempio alla r8 o alla 458..però sono gusti
Ritratto di MatteFonta92
11 marzo 2013 - 18:22
3
Certo, ovviamente de gustibus... eccetera. Del resto, se tutti avessimo gli stessi gusti, compreremmo tutti la stessa auto, e sarebbe monotono. Saluti.
Ritratto di SMario73
12 marzo 2013 - 13:05
4
Ma io non giudicherei la linea. Quà c'è una ricerca aerodinamica non un esercizio di design. Un auto del genere deve essere funzionale non bella o brutta! Quindi al massimo (secondo me) si può solo dire a me piace o a me non piace.
Ritratto di Mattiaaq
11 marzo 2013 - 13:23
Questa è una superar come la noble che i ricchi collezionisti non comprano perché non riuscirebbero guidare in quanto il controllo di trazione ha 2 o 3 regolazioni acceso mezza via e spento, la noble non ha neanche l'abs.
Ritratto di Chromeo
11 marzo 2013 - 14:51
chissà se metteranno in vendita la Tornante, comunque molto belli questi bolidi
Ritratto di kimi69
12 marzo 2013 - 10:06
Ma non era fallita la Gumpert? o mi confondo con altri? Comunque è una bella bestia.
Ritratto di monodrone
12 marzo 2013 - 11:30
già vista. Comunque queste automobili sono, come ho già scritto in altri post su questa tipologia di auto tipo Zonda e show car similari, belle emozionanti da sogno e vada via così. Però se sotto il cofano di un vecchio 126 ci sbatto il bimotore del Mangusta ho lo stesso prodotto,con il triplo della potenza, faticando la metà. perplesso.
Ritratto di monodrone
12 marzo 2013 - 11:57
già vista. Come ho scritto precedentemente in altri post su queste show car tipo Zonda e similari è che sono si belle da sogno emozionanti e vada via così. Però se sotto il cofano di una vecchia 126 ci sbatto il bimotore del Mangusta ho lo stesso prodotto, con il triplo della potenza, faticando la metà. Perplesso.
Ritratto di SMario73
12 marzo 2013 - 13:00
4
Vedo troppi commenti che sembrano la parodia della volpe e dell'uva. E' meravigliosa, semplicemente splendida! Un concentrato di avanguardia tecnologica. Adesso aspettiamo il tempo al Nurburgring!
Pagine