Honda E-Prototype: presto sarà realtà

05 marzo 2019

L’utilitaria a 5 porte E-Prototype anticipa concretamente la prima auto elettrica della Honda, che sarà curata e tecnologica.

Honda E-Prototype: presto sarà realtà

NON LE MANCA LA PERSONALITÀ - Linee pulite, dettagli curati e una vaga ispirazione retrò. Questa è la “ricetta” per la Honda E Prototype, un’utilitaria esposta in anteprima qui al Salone di Ginevra 2019 che anticipa molto da vicino la prima automobile elettrica della casa giapponese: la Honda E Prototype è definitiva quasi al 100%, ad eccezione di alcuni dettagli minori e del nome,  e sarà nelle concessionarie dal 2020.

CURATI ANCHE I PARTICOLARI - Questa utilitaria lunga circa 400 cm rappresenta un’evoluzione della proposta di stile Urban EV del 2017, a sua volta ispirata ad alcune citycar della Honda degli Anni 60. Lo stile è caratterizzato da fari anteriori a led di forma circolare, da superfici della carrozzeria molto levigate e dal montante posteriore arcuato, che rende la silhouette davvero personale, complice la mancanza del terzo vetro laterale tipico delle utilitarie. A cambiare rispetto alla Urban EV è il numero delle portiere: la Honda E Prototype ne ha cinque e non tre, per migliorare l’accesso al divano posteriore. Le portiere sono prive delle cornici dei vetri, un dettaglio che fa capire la cura dedicata anche ai particolari, come lo sportello sul cofano anteriore in nero laccato che nasconde la presa per ricaricare le batterie.

ALL’INTERNO BEN 6 SCHERMI - L’interno della Honda E Prototype è molto curato, come dimostra l’attenzione per i materiali e la ricca dotazione in fatto di schermi. A bordo infatti si ha l’impressione di trovarsi su un’auto di categoria superiore: i progettisti della Honda hanno scelto rivestimenti in finto legno per la plancia, sedili ben sagomati e un pavimento piatto per non sottrarre spazio per i piedi. La E Prototype è dotata di un'ampia strumentazione digitale con due schermi a sfioramento che si estendono per tutta la lunghezza della plancia. Questa innovativa soluzione non migliora soltanto il colpo d’occhio, ma anche la funzionalità, perché il sistema multimediale può essere facilmente raggiunto anche dal passeggero, oltre che dal guidatore. Non mancano nemmeno lo specchietto retrovisore digitale, che proietta le immagini di una telecamera nel lunotto posteriore, e due schermi ai lati della plancia per visualizzare le immagini delle telecamere che sostituiscono i classici specchietti retrovisori (saranno così anche sulla versione di serie).

AUTONOMIA CIRCA 200 KM - La casa non ha fornito informazioni di natura tecnica sulla Honda E Prototype, basata su una piattaforma specifica e dotata di un motore elettrico con almeno 100 CV di potenza e 300 Nm di coppia, alimentato da batterie in grado di assicurare almeno 200 km di autonomia. L’utilitaria dovrebbe rivelarsi piacevole da guidare fra le curve, complice il baricentro basso (le batterie sono al di sotto del pavimento) e la cura per la meccanica, che ha portato gli uomini della Honda ad utilizzare sospensioni a ruote indipendenti per l’asse posteriore, che consentono di assorbire meglio le asperità e rendere più piacevole la guida dell’auto. Le sospensioni a ruote indipendenti però sono più ingombranti, tanto è vero che il baule della Honda E Prototype non stupisce per spazio interno.

VIDEO
Honda e
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
167
79
33
16
39
VOTO MEDIO
4,0
3.95509
334




Aggiungi un commento
Ritratto di francesco.87
5 marzo 2019 - 13:50
da quello che so, questa è la versione definitiva
Ritratto di Santhiago
5 marzo 2019 - 14:05
Personalmente la trovo veramente brutta. Ma tanto tanto
Ritratto di Fra977
5 marzo 2019 - 13:56
A me piace quest'auto! Poteva essere benissimo (visti i richiami) una fiat 127 ma fiat forse non ha avuto il coraggio che ha avuto Honda nel presentare quest'auto. Peccato.
Ritratto di Santhiago
5 marzo 2019 - 14:56
I richiami o rimandi storici li ritengo tali su modelli diversi della stessa casa, come sulle mini e 500 moderne rispetto a quelle storiche. Qui direi più un risultato finto retrò, come una Daihatsu Trevis. Ma basta che abbia un tablet e la propulsione elettrica x far sì che il nuovismo esultante di molta gente non solo digerisca, ma addirittura apprezzi un'estetica scadente come questa.
Ritratto di Alfiere
5 marzo 2019 - 15:04
1
Entrambi, guardate che questa EV si rifà alla N360 del 1967. Ovviamente sempre Honda. altro che 127
Ritratto di Santhiago
5 marzo 2019 - 15:42
Ok, allora se così è, non è finto retrò.. anche se non ricordavo assolutamente la n360, e credo che qui non sia rimasta nel cuore di molti.. Magari in giappone sì. . Per me cmq rimane brutta imho, anche se riconosco una vena di cambiamento in honda, che apprezzo
Ritratto di Wilson97
5 marzo 2019 - 14:07
Bella! Sia fuori che dentro, nonostante non ami quegli schermi che ricordano quelli delle Mercedes, qui danno una sensazione più "solida". Honda sta dando sempre meglio!
Ritratto di Hondista99
6 marzo 2019 - 02:36
Davvero da capire il gusto dell'europeo medio… La tipica Honda non piace perché troppo originale e diversa dal resto del mercato, ora che propongono un auto con linee pulite e filanti fa schifo comunque. Ma la colpa è loro che si dedicano ancora all'Europa, visto che per fortuna il nostro mercato conta meno di zero.
Ritratto di AlphAtomix
6 marzo 2019 - 10:01
A me piace un sacco, assieme alla nuova 208 è l'unica elettrica che prenderei. Non capisco però perché farcire le elettriche di schermi, specchietti e retrovisori con videocamere...Tutta roba che comunque assorbe corrente. Meglio 15km in più e specchietti classici.
Ritratto di Livio1952
22 marzo 2019 - 19:19
Siete giovani, a me pare la vecchia fiat 850.