NEWS

La Hyundai Kona Electric si aggiorna

Pubblicato 21 marzo 2020

Per l'edizione 2020 migliorano la capacità del caricatore delle batterie della Kona elettrica e arriva il nuovo sistema multimediale Bluelink.

La Hyundai Kona Electric si aggiorna

EDIZIONE 2020 - È ordinabile in Italia la versione aggiornata della Hyundai Kona Electric annunciata la scorsa estate. I prezzi partono da 38.300 euro per la versione Xprime con batteria da 39,2 kWh (43.300 euro quella da 64 kWh), fino ad arrivare a 49.100 euro per la Excellence disponibile esclusivamente con accumulatore da 64 kWh.

RICARICA PIÙ VELOCE - Gli aggiornamenti della Hyundai Kona Electric interessano il caricatore di bordo, sostituito con uno più potente trifase da 10,5 kW (il precedente era da 7.2 kW), che rende più veloce il “pieno” da casa (secondo la Hyundai i tempi si riducono del 23 %), e l’implementazione di un nuovo sistema multimediale. Gli aggiornamenti non riguardano invece il powertrain elettrico; la Kona viene infatti sempre proposta con il duplice taglio di batteria, una da 39,2 kWh, che assicura un’autonomia di 289 km, oppure da 64 kWh, che garantisce una percorrenza di 449 km. La versione con accumulatore da 39,2 kWh è associata a un motore da 136 CV, quella da 64 kWh a uno che ne eroga 204.

PIÙ TECH - L’aggiornamento della Hyundai Kona Electric segna il debutto del nuovo sistema multimediale BlueLink che può contare su uno schermo di tipo touch da 10,25 pollici (di serie nella versione Excellence). Il sistema BlueLink, consente, attraverso l’app per smartphone dedicata, di gestire da remoto l’impianto di condizionamento per riscaldare e rinfrescare l’abitacolo, l’accensione e spegnimento del veicolo, l'apertura e la chiusura centralizzata, la funzione di localizzazione dell’auto e la verifica dello stato di ricarica della batteria. Con l’aggiornamento migliora anche la sicurezza, grazie al debutto dell’eCall, il sistema di chiamata di emergenza automatica che si attiva in caso di scoppio degli airbag, oppure premendo il tasto posizionato sopra lo specchietto retrovisore.

GIÀ COMPLETE - Due le versioni della Hyundai Kona Electric disponibili: XPrime ed Exellence. La versione d’ingresso, disponibile sia con batteria da 39,2 kWh che da 64 kWh, include cerchi in lega da 17", sistema multimediale con schermo touchscreen da 7" (compatibile con Android Auto e Apple CarPlay), sensori di parcheggio posteriori, climatizzatore automatico con pompa di calore, vetri posteriori oscurati e luci diurne a LED. I dispositivi di assistenza alla guida disponibili sono quello di mantenimento attivo della corsia e il rilevamento della stanchezza del conducente. La frenata automatica con rilevamento di veicoli e pedoni, il cruise control adattivo con funzione stop&go e il monitoraggio degli angoli ciechi con avviso di possibili urti posteriori sono invece optional.

LA PIÙ RICCA - La ricca Hyundai Kona Electric Exellence, offerta in combinazione al pacco batteria da 64 kWh, aggiunge i fari anteriori full led, i sedili rivestiti in pelle (quelli anteriori riscaldabili e regolabili elettricamente), l’head-up display, i sensori di parcheggio anteriori, il sistema multimediale con schermo da 10,25” con i servizi Bluelink, il caricatore wireless per smartphone e l’impianto audio Krell Premium Sound System a 8 canali. Di serie tutti i più recenti sistemi di guida assistita della casa a cui si aggiunge il mantenimento al centro della carreggiata con il riconoscimento dei limiti di velocità.

PRODOTTA IN EUROPA - Con l’obiettivo di migliorare la disponibilità della suv elettrica anche in Europa, la Hyundai ha annunciato l’avvio della produzione della Kona Electric nel suo impianto in Repubblica Ceca, che si va quindi ad affiancare alla già esistente fornitura proveniente dallo stabilimento di Ulsan, in Corea del Sud. 

Hyundai Kona
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
128
87
40
37
66
VOTO MEDIO
3,5
3.486035
358


Aggiungi un commento
Ritratto di ste74
21 marzo 2020 - 11:29
Il vizio di sparare castronerie sull'autonomia delle elettriche non si affievolisce. L'autonomia media di tutte le elettriche è di 5.5km/kWh, comprendendo quasi tutti i modelli fra i 5 e i 6 km/kWh, quindi anche questa Kona con la batteria da 39.2kWh farà tra i 196 e i 235km (non 289), quella col pacco batterie da 64kWh tra 320 e 384km (non 449). Poi se uno vuole girare a 90 in autostrada, affaracci suoi (e di chi lo incontra).
Ritratto di Andrea Zorzan
21 marzo 2020 - 12:10
No, puoi spingere i frullini Cvt Lexus, Toyota e simili ben oltre i 150! Poi consumano come carri armati rispetto a qualsiasi diesel, ma se lo scrivi, poi, certi signori si offendono.
Ritratto di nsx
21 marzo 2020 - 16:33
Che è il ritrovo degli amanti delle camere a gas. Guardano stupefatti ai Tedeschi che sono sicuramente i più esperti in matreria.
Ritratto di nsx
21 marzo 2020 - 16:50
Lo so che siete dispiaciuti per il fatto che, d'ora in poi, se volete guidare un veicolo diesel dovete recarvi per forza in campagna, lì potete divertirvi a condurre ogni sorta di mezzo meccanico in specie (trattori, Motozappa, camion ecc)
Ritratto di supermax63
21 marzo 2020 - 12:59
Pasquale Ametrano & Co. colpisce ancora alla guida della sua rombante RS5 dalla Svizzera a Gallarate con Furore nei suoi comodi mocassini Prada e Jeans Armani.
Ritratto di 82BOB
21 marzo 2020 - 12:32
L'elettrica è più bella delle altre versioni, senza l'enorme mascherina che la rende troppo "imponente" nel frontale. Peccato abbia quei fari "alla Citroen" che senza il double chevron hanno poco senso col family-feeling! Le autonomie non sono eccezionali ma tra sconti, incentivi, risparmi di gestione, ecc. anche la meno "capiente" può risultare conveniente per il suo cliente tipo!
Ritratto di Mbutu
21 marzo 2020 - 13:20
In realtà per essere l'auto che è i consumi di questa Kona sono molto buoni. In termini di efficienza credo che i coreani siano secondi solo a tesla.
Ritratto di 82BOB
21 marzo 2020 - 14:23
Hanno imbastito collaborazioni con diversi esperti del settore, tra cui Rimac... mica scemi in Hyundai-KIA! ;-)
Ritratto di Road Runner Superbird
21 marzo 2020 - 12:58
Ormai col coronavirus l'elettrico non è più una priorità, servono veicoli pratici ed economici e i bonus statali meglio destinarli alla sanità. Inoltre la guerra del petrolio in corso tra Russia e Arabia Saudita ha abbassato molto il costo del barile, gli Stati Uniti per la prima volta si sono resi indipendenti, grazie a nuovi metodi di trivellazione e in tutto il mondo lo sfruttamento del sottosuolo resta fondamentale. I motori a combustione poi sono diventati estremamente efficienti in termini di consumi ed emissioni. Si è vista poi la differenza tra i blocchi del traffico, che non abbassavano la quantità di polveri sottili e ora con tutte le attività chiuse.
Ritratto di treassi
21 marzo 2020 - 14:29
Io lo dico da un paio di anni che l'elettrico è una follia... Posso capire Tesla che rimane sempre un prodotto di lusso e che è riuscito ad andare avanti perché ha creato una propria rete di ricarica, ma poi chi si può permettere un'auto da 75.000 mila euro non crederete mica che abbia solo quella???? Avrà anche una berlina 5 porte premium diesel (A3 per la moglie??) e una seg. B benzina premium (Mini per il figlio??)........
Pagine