NEWS

In Italia l’auto rimane il mezzo di trasporto più popolare

30 giugno 2016

A Roma e Napoli la usano ogni giorno, rispettivamente, il 57% ed il 51% delle persone, contro il 17% di Berlino. In Italia l’utilizzo dei mezzi pubblici è sotto media.

In Italia l’auto rimane il mezzo di trasporto più popolare

ITALIA LONTANA - L’Italia è uno fra i paesi in Europa in cui vengono utilizzati più spesso i mezzi di trasporto privati, a differenza di quanto accade nelle altre principali città del continente: a Roma il 57% delle persone utilizza quotidianamente l’automobile, percentuale che scende al 29% di Madrid e al 17% di Berlino. Lo rileva uno studio condotto da Il Sole 24 Ore, realizzato sulla base dei numeri forniti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che forniscono in tal modo uno spaccato sulle abitudini dei pendolari di alcune fra le principali città europee: l’indagine ha coinvolto Berlino, Madrid, Londra, Parigi e Roma, oltre a Milano e Napoli. Dalla ricerca emerge in maniera evidente l’affezione degli italiani nei confronti della loro quattro ruote, nonostante la diffusione di sistemi intermodali o di iniziative legate alla condivisioni.

POCA BICICLETTA - A Roma il 57% delle persone sceglie quotidianamente l’automobile, rispetto al 51% di Napoli e al 47% di Napoli. Le percentuali crollano quando si varcano le Alpi: a Londra solo una persona su 4 sceglie l’auto, rispetto al 31% di Berlino, al 29% di Madrid e al 17% di Parigi. Le abitudini degli italiani sono fuori dalla media anche quando l’analisi è limitata ai mezzi pubblici: i madrileni sono i più virtuosi (42%), davanti ai londinesi (37%) ed ai parigini (33%). A Roma e Milano si utilizzano tram, bus e metro con la stessa frequenza (27%), superiore di poco a Madrid (26%). Napoli chiude la classifica (18%). Sotto il Vesuvio però è abitudine camminare (30%), ad un tasso inferiore solo a quello di Parigi (47%) e pari a quello di Berlino (30%). A Madrid cammina quasi una persona su tre (29%), rispetto al 20% di Londra, al 22% di Milano e al 16% di Roma. La bicicletta rappresenta un mezzo di trasporto popolare solo a Berlino (13%), mentre negli altri Paesi il suo tasso d’utilizzo è quasi trascurabile: a Madrid e Roma la percentuale si attesta allo 0, a Napoli all’1, a Parigi e Londra al 3 ed a Milano al 4.



Aggiungi un commento
Ritratto di Ragerino
30 giugno 2016 - 12:09
Se abiti nell'area urbana spesso puoi anche permetterti di usare i mezzi pubblici per andare a lavorare nella stessa area urbana. Altrimenti non c'è paragone. Passare 2-3h al giorno sui mezzi pubblici non è fattibile se hai la possibilità di dimezzare il tragitto usando l'auto.
Ritratto di AlexTurbo90
30 giugno 2016 - 17:30
Guarda che almeno qui a Napoli, anche la gente che risiede più o meno in centro, perché i bus passano mediamente ogni 20 minuti, e la frequenza delle corse della metropolitana pricipale è ogni 10-15 minuti. Sfido che anche la gente che risiede in centro utilizzi l'auto per spostarsi! Quanto al car-sharing, quantomeno a Roma vi è qualche iniziativa, ma qui niente di niente.
Ritratto di AlexTurbo90
30 giugno 2016 - 17:32
Ho mancato di scrivere "usa l'auto" al terzo rigo.
Ritratto di F4ust
30 giugno 2016 - 13:26
Parlare solo di percentuali è inutile, almeno una media dei km percorsi al giorno/fruibilità e affidabilità del mezzo publico poteva essere inserita nell'articolo ( non trovo lo studio sul sito del sole24ore ). Come si fa poi a chiedere alla gente l'utilizzo del mezzo publico visto che si sa quando si parte ma non quando si arriva? Smettiamola dai, la bicicletta viene utilizzata da molti e si va espandendo questo è anche un segnale.
Ritratto di capobutozzi
30 giugno 2016 - 13:46
Se a Roma avessimo una rete di metropolitana come Madrid, Parigi e Londra nessuno o quasi andrebbe con l auto
Ritratto di DavideVR46
1 luglio 2016 - 10:26
Vero. Considera che un mio collega ( lavoriamo a ponte milvio ) viene da spinaceto ( eur ) in solo 2 ore e passa a tratta.
Ritratto di Max_69_CNG
30 giugno 2016 - 13:48
Per forza l'auto è il mezzo più usato, i mezzi pubblici funzionano male, sono sporchi e affollati, per le biciclette non ci sono vere piste ciclabili come ad Amsterdam, le poche che abbiamo spesso sono pericolose. Però se a pensar male a volte ci si azzecca mi vien da pensare che alla classe politica le cose vadano bene così visto che le auto sono limoni da spremere per il gettito fiscale
Ritratto di Fr4ncesco
30 giugno 2016 - 13:51
Ma non è meglio l'auto? Ti sposti quando vuoi, sei più comodo, non hai a che fare con sgradevoli incontri... Lo stress c'è tra traffico e parcheggio, ma anche spostarsi con i mezzi pubblici diventa stressante. Le biciclette invece sono un mezzo insicuro per se e per gli altri. Sarò in controtendenza, ma preferisco di gran lunga l'auto.
Ritratto di Veloce
30 giugno 2016 - 14:15
Le biciclette sono un mezzo pericoloso per sé stessi e per gli altri? Non più dell'auto. La bicicletta dovrebbe essere il mezzo di trasporto urbano principale in una città prevalentemente pianeggiante come può essere Milano (ma anche Roma).
Ritratto di nicktwo
30 giugno 2016 - 14:33
confermo in merito alla pericolosita' per se stessi e per gli altri... purtroppo la gente in bici, e ripeto purtroppo, qui da noi in italia e' spesso ancora meno disciplinata di chi va in auto pur sapendo di essere l'elemento con meno protezione del mezzo su cui si muove... purtroppo manca proprio quella cultura di base in materia... e non mi riferisco al semplice ciclista della domenica, ma anche e sopra tutto agli amatori che ritrovi il mercoledi' alle 6.30 sulla statale, quindi lo capisci da giorno e orario che sono veri e propri appassionati, ci sono veramente tipi assurdi che per esempio anche in soli 2 riescono, affiancandosi, a far formare la colonna di macchine a 30-40 km/h o che vista la buca all'ultimo momento la scansano buttandosi a centro corsia invece che verso il bordo... io quando li vedo raddoppio immediatamente lo stato di allerta al volante... saluti
Pagine