NEWS

Kia EV6: la crossover che vuol fare la supercar

Pubblicato 30 marzo 2021

La nuova crossover Kia EV6 è una elettrica disponibile in vari tagli di potenza, con trazione anteriore o integrale. E la versione GT dà filo da torcere alle sportive blasonate.

Kia EV6: la crossover che vuol fare la supercar

CROSSOVER ANABOLIZZATO - La nuova Kia EV6 è una crossover-coupé elettrica che nasce sulla nuova piattaforma E-GMP (Electric-Global Modular Platform) sulla quale è stata creata anche la Hyundai Ioniq 5 (qui per saperne di più). La versione GT a trazione integrale può sviluppare 585 CV e sullo scatto breve può competere con le più blasonate sportive. Nel video più in basso (al minuto 12:00) si vede la EV6 GT impegnata in una gara sui 400 metri, nella quale scatta davanti a Lamborghini, AMG, Porsche, Ferrari e McLaren e rimane in testa fin quasi al traguardo. Ulteriore conferma che i veicoli elettrici sono un vero e proprio cambio di paradigma anche nel settore delle prestazioni pure. La Kia EV6, secondo la casa, arriva infatti fino a 260 km/ora, una velocità alta in assoluto e stratosferica per un’elettrica (chissà con quali conseguenze per l’autonomia).

SPAZIO DENTRO E FUORI - La Kia EV6 vuole abbattere i confini dei segmenti tradizionali e permetterà di sviluppare il pieno potenziale della nuova piattaforma E-GMP. La EV6, con la sua lunghezza di 468 cm (469 per le versioni GT e GT-line), è di taglia medio-grande. La larghezza è di 188 cm mentre l’altezza di 155 cm. Il passo di 290 cm è paragonabile a quello di una berlina di grandi dimensioni e denota la presenza di un pianale dedicato che può ospitare, fra gli assali, estese batterie piatte. In effetti il pavimento interno è piatto e questo, secondo il designer, lascia molta libertà di movimento ai passeggeri. I sedili hanno una struttura sottile, all’insegna della contemporaneità, e sono rivestiti con tessuto realizzato con plastica riciclata. La Kia EV6 ha un abitacolo flessibile, con molti vani portaoggetti, e un bagagliaio da 520 litri in configurazione cinque posti. Abbassando gli schienali dei sedili posteriori si arriva a un volume di circa 1.300 litri. La nuova Kia ha anche un bagagliaio anteriore di 52 litri per i modelli a trazione anteriore e 20 litri per quelli a trazione integrale.

SI PUÒ ANDARE LONTANO - Le varie versioni nascono dalla combinazione di due tagli della batteria, la trazione posteriore o integrale e vari livelli di potenza. La Kia EV6 e la EV6 GT-line Standard Range con batteria da 58 kWh si possono avere in versione 2WD (170 CV/350 Nm) o integrale (235 CV/605 Nm). La batteria delle versioni Long Range sale a 77,4 kWh così come potenza e coppia: 228 CV/350 Nm per la 2WD e 325 CV/605 Nm per la AWD. La EV6 GT, disponibile con la sola batteria grande, fa storia a sé: i 585 CV, combinati con 740 Nm di coppia, la fanno scattare da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi contro i 5,2 delle Long Range AWD e i 6,2 delle Standard Range. Si ha quindi una certa libertà di scelta nel combinare batterie e schemi di trazione. L’autonomia dichiarata è di 510 km nel ciclo WLTP per la Long Range 2WD mentre per le altre versioni non si hanno dati. La sportiva GT dispone anche di un differenziale a slittamento limitato con controllo elettronico, utile per contrastare i pattinamenti delle ruote in accelerazione. La Kia  EV6 condivide con la “cugina” Hyundai Ioniq 5 l’architettura a 800 volt e questo permette di dichiarare un tempo per ricaricare dal 10  all'80% della capacità in 18 minuti, con 4,5 minuti per recuperare 100 km di autonomia. Per massimizzare le percorrenze c’è una sofisticata pompa di calore, che climatizza l’abitacolo in modo efficiente anche con climi rigidi. La Kia dichiara che con una temperatura di -7° C l'auto perde soltanto il 20% dell’autonomia rispetto alla temperatura ideale di 25° C.

I-PEDAL E SICUREZZA - In comune con la Ioniq 5 è poi la  funzione Vehicle-to-Load (V2L), che trasferisce l'energia dalla batteria della Kia EV6 ad un altro veicolo o a dispositivi alimentati a 220 volt. La potenza massima è di 3,6 kW e permette quindi di energizzare anche utenze pesanti come un condizionatore. La capacità di traino, poi, è notevole, arrivando a 1.600 kg se la batteria è carica a più del 35%. Sulla EV6 troviamo il sistema di frenata rigenerativa intelligente "i-PEDAL", attivabile con comodi paddle dietro al volante. Modulando il recupero dell’energia sarà quindi possibile muoversi con il solo pedale dell’acceleratore, arrivando anche all’arresto completo della vettura. La modernità del progetto si riflette sull’abbondante dotazione di sistemi di assistenza alla guida (ADAS), quali il Safe Exit Assist, che usa i sensori dell’angolo cieco per allertare chi scende dall’auto sull’arrivo di un veicolo. Abbiamo poi il Lane Following Assist e l’Highway Driving Assist 2, che mantiene la distanza corretta dal veicolo che precede e può cambiare la corsia di marcia quando si agisce sulla leva degli indicatori di direzione. Il Remote Smart Parking Assist fa posteggiare da sola la EV6 tramite il telecomando e rimanendo fuori del veicolo.

INFORMAZIONI SOTT’OCCHIO - Le linee moderne e pulite degli esterni (con la sola fanaleria posteriore, inglobata in un secondo spoiler, a essere un po’ vistosa) si ritrovano all’interno della Kia EV6. Nell'abitacolo spicca il display curvo che unifica il display da 12 pollici della strumentazione digitale e quello per l'infotainment, con la stessa diagonale. La EV6 ha anche un sistema head-up display con realtà aumentata che visualizza le informazioni di guida sul parabrezza. L’ergonomia è pensata per non fornire troppe informazioni, possibili fonti di distrazione, e anche per chi non è un “nativo digitale”. L’impianto audio è studiato dalla Meridian. Dispone di 14 altoparlanti e un raffinato processore sonoro digitale DSP, che modella il suono perché sia naturale e realistico. L’impianto diffonde anche l’Active Sound Design per richiamare il sound della potenza e della velocità nell’altrimenti silenzioso abitacolo; questo aiuta a rendersi conto della velocità effettiva di marcia perché la fluidità delle elettriche porta a sottovalutarla. La connettività è di serie e conta sull’ultima versione del Kia Connect, conosciuto anche come UVO. Fra i servizi offerti troviamo anche gli aggiornamenti via internet. Kia Connect permette di visualizzare la carica della batteria e la posizione e i prezzi dei punti di ricarica. Sul display vederemo anche la distanza raggiungibile con l’autonomia residua dell’automobile e potremo pianificare le ricariche necessarie ad arrivare a destinazione. 

I PREZZI - I prezzi in Italia (l’auto è già prenotabile, con consegne a settembre 2021; la GT arriverà nel 2022 inoltrato) partono da 49.500 euro; la EV6 GT-line ha listini da 61.000 euro e la GT è più impegnativa, con un listino da 69.500 euro in su.

Kia EV6
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
39
26
18
21
38
VOTO MEDIO
3,0
3.049295
142




Aggiungi un commento
Ritratto di Quello la
30 marzo 2021 - 19:40
Se avessi un cappello, me lo leverei
Ritratto di AndyCapitan
3 aprile 2021 - 19:19
1
al di la' delle prestazioni questa kia non si guarda....e' brutta e sproporzionata da tutte le angolazioni....l'avranno fatto apposta???....preferisco di molto la ioniq 5!!!!
Ritratto di Quello la
3 aprile 2021 - 19:48
Molto bene, la 5, caro Andy. Ma questa altrettanto bene. Dal terzo montante forse è un pelo pesante, lo ammetto, ma secondo me ci sta. A me le coreane piacciono, ma hanno un difetto importante: manca la storia. Paradossalmente hanno più storia le Tesla che loro.
Ritratto di RubenC
30 marzo 2021 - 20:08
1
Mamma mia! Una scheda tecnica di tutto rispetto! Ho seguito il livestream stamattina ed ero rimasto piacevolmente stupito.
Ritratto di Pierre Cortese
30 marzo 2021 - 20:21
1
Loro invece dovrebbero seguire dei corsi di stile: Ai miei occhi appare come un accozzaglia di linee scoordinate come se volutamente avessero voluto farla inguardabile. E capisco anche il perché: Con le perdite che registrano nella vendita di modelli elettrici sperano di venderne il meno possibile. Stranamente il concept della Lexus è incredibilmente bello ma il fatto è che in Lexus non sono capaci neanche volendo di disegnare auto brutte. Ai coreani a oggi e da qualche anno a questa parte sta riuscendo in modo del tutto spontaneo (diciamo che sono tornati alle origini del loro design). Naturalmente IMHO e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Volpe bianca
30 marzo 2021 - 21:35
.....perdona l'ignoranza...ma cosa vuol dire imho? Mi tormenta non sapere sta cosa....
Ritratto di UNO45
30 marzo 2021 - 21:50
In My Humble Opinion. "a mio modesto parere"
Ritratto di Volpe bianca
30 marzo 2021 - 22:07
Grazie...
Ritratto di Llegoelfin
30 marzo 2021 - 23:10
In Lexus non sono in grado di fare auto brutte. Sto in fiducia ma per i miei gusti l'ultima Lexus appena passabile è stata la prima is, il resto lo trovo buono per fumetti manga di bassa lega.
Ritratto di Pintun
31 marzo 2021 - 09:52
Di solito quasi tutto quello che arriva dal Giappone ha delle linee oscene, con certo delle eccezioni. Ad oggi l'unica auto di quelle lande che trovo bella esteticamente è la Corolla. I coreani un po' meglio, ma hanno un centro stile in Europa.
Pagine