NEWS

Kia Stinger: appena nata è già più “cattiva”

2 novembre 2017

La casa coreana sfrutta il SEMA 2017 per presentare i kit di modifiche per la berlina sportiva Stinger.

Kia Stinger: appena nata è già più “cattiva”

UNA VERA GRANTURISMO - La Kia non si nasconde e affronta di petto il SEMA 2017 con due vistose versioni della berlina sportiva Stinger. Disponibile anche in Italia da febbraio 2018, la Kia Stinger è l’arma del costruttore di Seoul per conquistare un pubblico americano giovane mettendo in risalto la duttilità dei propri modelli e offrendo in maniera ufficiale le modifiche delle terze parti presenti sulle vetture esposte nel proprio stand alla fiera del tuning in corso a Las Vegas. La Stinger GT Federation (qui sopra) adotta esteriormente tutte le personalizzazioni disponibili nel catalogo di Air Design USA, con spoiler, diffusori e prese d’aria a renderla ancor di più una vera GT dall’animo sportivo. Ulteriori modifiche ne migliorano le prestazioni (l’auto è ribassata e monta cerchi TSW da 20 pollici) a complemento dell’aggiunta di 15 cavalli ottenuta grazie alle prese d’aria K&N e agli scarichi Borla che portano la potenza totale del motore 3,3 litri a 380 cavalli.

  

DAI GARAGE DI HOLLYWOOD - La Kia Stinger GT Wide Body (qui sopra) è il frutto della collaborazione con West Coast Customs. Il ragazzi del garage di Los Angeles, famoso per la serie tv Pimp My Ride, hanno preso ispirazione dalle GT degli anni settanta per dare alla Stinger GT Wide Body un look retrò e muscoloso. Come suggerisce il nome, la stazza della berlina è piuttosto imponente grazie ad una carrozzeria che però rimane leggera causa esteso uso di parti in carbonio, e con l’altezza da terra ai minimi i cerchi da 21 pollici aiutano a sottolineare il look “american muscle” della vettura.

Kia Stinger
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
62
37
16
10
10
VOTO MEDIO
4,0
3.97037
135
Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
2 novembre 2017 - 19:01
Il wide body sta tornando di moda in USA infatti c'è una nuova versione della Challenger tale. Molto bella quella arancione. Due allestimenti molto americani, hanno un ché di Dodge.
Ritratto di Claus90
2 novembre 2017 - 20:12
Questa kia piace per motivi di immagine l'avrei venduta col marchio genesis a patto di avere una meccanica più raffinata.
Ritratto di Fr4ncesco
2 novembre 2017 - 20:25
E' raffinatissima la Stinger e ha un'omologa Genesis che punta all'eleganza mentre la Stinger alla sportività.
Ritratto di AMG
3 novembre 2017 - 09:51
Sì e io poi sostengo la commercializzazione con il marchio Kia. Così migliora ulteriormente l'immagine del brand! Poi da noi Genesis è un marchio sconosciuto e sa di "straniero" Kia è già un nome consolidato e di pubblica diffusione insomma. In Italia è sicuramente più valorizzata così
Ritratto di Claus90
3 novembre 2017 - 11:03
per me kia è un brand low cost come hyundai se non fosse per i prezzi di super saldo che praticano non le comprerebbe quasi nessuno.
Ritratto di Fr4ncesco
3 novembre 2017 - 13:47
Dov'è low cost? È allineato se non migliore alle altre generaliste e premium.
Ritratto di alex_rm
3 novembre 2017 - 14:18
Altro che low cost il gruppo Hyunday-kia e nei primi 5 produttori di auto al mondo ed il gruppo Hyunday corporation è una potenza industriale che opera negli ambiti più disparati(acciaierie,impianti industriali,elettronica,cantieri navali,costruzione di piattaforme ed impianti petroliferi e raffinerie offshore ed onshore per estrazione e raffinazione petrolio e gas ed LNG ECC ,Più grande del gruppo Samsung.
Ritratto di Claus90
3 novembre 2017 - 21:16
La casa indiana TATA è anche fra i marchi che vende più al mondo ma cosa centra ? il groppo kia ribadisco vende ma perchè svendono le auto con extra sconti
Ritratto di emergency
6 novembre 2017 - 08:22
Buongiorno Le ricordo che sono i prezzi scontati per le New entry come fanno le chiaramente tutte le case automobilistiche.
Ritratto di GiO1975
5 dicembre 2017 - 15:57
sono d'accordo con Claus, anche se questa considerazione è da farsi solo in italia, nel resto del mondo no, nemmeno nel resto d'europa.
Pagine