NEWS

Land Rover Defender: si avvia sul viale del tramonto

09 gennaio 2015

Entro quest'anno cesserà la produzione della Defender, fuoristrada simbolo della Land Rover. Ma la casa è al lavoro sulla prossima generazione.

Land Rover Defender: si avvia sul viale del tramonto
COMMIATO ROMANTICO - Sembra impossibile, ma nelle cose dell’automobile c’è anche o ancora spazio per il sentimentalismo. Viene da pensarlo leggendo ciò che ha organizzato la Land Rover per salutare l’uscita di scena del suo modello icona: la Defender, inequivocabilmente erede del modello originario della casa. Il profilo della leggendaria vettura è stato tracciato sulla sabbia, e non in scala ridotta, e neanche 1:1, bensì su una base di oltre un chilometro. In pratica il profilo della Defender si è fatto ammirare e salutare dal cielo. Ma perché in quel posto e perché il disegno sulla spiaggia?
 
L’INIZIO DELLA STORIA - Tutto è collegato alla storia della casa, a quando nel 1947 Maurice e Spencer Wilks in una giornata di riposo sulla spiaggia discussero della possibilità che la Rover, presso cui lavoravano, producesse appunto una 4x4 molto versatile. Quel giorno, Maurice Wilks per far comprendere meglio il suo progetto tracciò sulla sabbia il profilo della vettura che aveva in testa. A distanza di quasi 68 anni, la Land Rover ha voluto rendere omaggio a quella storia proprio nel momento in cui della Defender viene annunciata l’uscita di scena per la fine dell’anno. E proprio sulla sabbia della spiaggia creata dalla marea nella stessa baia di Red Wharf sull’isola di Anglesey, sulla costa gallese che si affaccia sul mare d’Irlanda, dove i fratelli Wilks concepirono il progetto Defender (guarda il video qui sotto).
 
 
OPERA D’ARTISTA - Sotto la direzione dell’artista della sabbia Jamie Wardley, sei Defender a cui erano state attaccate quelle sorti di catene impiegate in agricoltura per lavorare i campi si sono mosse sulla superficie sabbiosa resa liscia dalla marea. Le catene trainate dalle vetture hanno lasciato ovviamente una traccia molto vistosa con le loro punte abituate a solcare la terra. Il disegno era stato calcolato al centimetro, e al termine del lavoro dall’alto la silhouette della Defender si è potuta riconoscere fino a quando la marea non ha cancellato tutto. Proprio come succede con le scritte degli innamorati, in questo caso innamorati di un’automobile.
 
TUTTE LE STAGIONI DEFENDER - Le sei Defender erano di altrettante edizioni diverse: una 1ª Serie del 1951, con motore a benzina 2.0; una 2ª Serie del 1956, con motore 2.2 a benzina; una Serie 3 del 1980, station wagon, con motore 2.3 a benzina; una Ninety Truck del 1984 anch’essa 2.3 a benzina; una 110 Station Wagon del 2011, 2.4 diesel; una 90 Hard Top del 2014, 2.2 diesel. La Defender della seconda serie era appartenuta alla famiglia Wilks ed è stata guidata da Mick e Stephen Wilks, rispettivamente figli di Maurice e Spencer. Sentimenti e omaggi a parte, il disegno sulla sabbia è stato l’evento di apertura delle manifestazioni volute dalla Land Rover per salutare la Defender, in pratica un autentico “giro d’onore” che durerà tutto l’anno. 
 
LIMITED EDITION - Tra le iniziative messe in cantiere anche tre proposte di Defender in allestimenti “limited edition”: Heritage, Adventure e Autobiography, tutte tre con motore 2.2. I primi due saranno disponibili con le configurazione delle Defender 90 e 110, anche Station Wagon, mentre la Autobiography sarà solo sulla base della 90 Station Wagon. Le prime due saranno in vendita ad agosto mentre la Defender Autobiography da aprile. I prezzi sono 39.900 euro per la Defender Heritage, 45.600 euro per la Defender Adventure e 64.000 euro per la Defender Autobiography.
Land Rover Defender
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
96
38
32
17
19
VOTO MEDIO
3,9
3.866335
202


Aggiungi un commento
Ritratto di cris25
9 gennaio 2015 - 15:28
1
credo che sia quasi impossibile per la futura nuova generazione riuscire a bissare tale successo...
Ritratto di Mattia Bertero
9 gennaio 2015 - 15:58
3
La nuova generazione non sarà mai al livello della storica Defender per svariate ragioni quali principalmente: un mercato globale dove le fuoristrada nude e crude si stanno estinguendo, per le norme di sicurezza odierne che costringono le case automobilistiche a produrre auto con una determinata forma (per lo più ingombranti in certi casi). Ormai tutte le vecchie fuoristrada stanno diventando sempre più dei SUV (guarda la Vitara nuova completamente stravolta oppure il Pajero che sta diventando sempre di più una "asflatista") per via della forte richiesta di mercato di questa tipologia di macchine. Forse ci sono solo più il Wrangler e la Classe G, più la Lada in Russia, gli unici fuoristrada veri rimasti in commercio (non me ne vengono in mente altri mentre ti scrivo).
Ritratto di PongoII
9 gennaio 2015 - 16:31
7
Non saprei aggiungere altro se non che è stato un vero piacere guidarne su sterrato uno "aziendale"...
Ritratto di M93
9 gennaio 2015 - 17:30
Concordo pienamente, Mattia. Speriamo che la nuova generazione mantenga inalterato lo spirito e le doti da vera fuoristrada della Defender attuale. Quest'ultima, insieme alla Classe G, la Pajero e la Niva cui accennavi (a cui aggiungo la Toyota Land Cruiser) sono tra le ultime fuoristrada "pure", in un mercato sempre più affollato di suv. Un saluto. Marco.
Ritratto di Fr4ncesco
9 gennaio 2015 - 22:18
2
Penso che le fuoristrada "vere" non cesseranno mai di esistere, per il semplice motivo che in molte condizioni servono mezzi specifici dove la moda conta nulla. Ad esempio la Wrangler attuale è totalmente nuova rispetto al modello precedente e a quello originale, ma ha comunque conservato le stesse doti con ovviamente la tecnologia di oggi . Penso che succederà lo stesso in Land Rover, dove di 4X4 alla moda già ce ne sono e quindi rimpiazzeranno l'attuale con un degno erede. Poi è normale, per quello in pensionamento un po' di dispiacere resta.
Ritratto di M93
9 gennaio 2015 - 15:33
Un mito, nonché una delle poche fuoristrada "dure e pure" rimaste sul mercato. Le tre edizioni celebrative sono, a loro modo, tutte belle e particolari ma la mia preferita è senz'altro la Heritage: nella sua semplicità estetica (molto vintage e retrò) è personale e ha forti richiami con passato di questo storico modello. Purtroppo, è il canto del cigno per la Defender...
Ritratto di hulk74
9 gennaio 2015 - 15:54
Goodbye defender!!!
Ritratto di Mattia Bertero
9 gennaio 2015 - 16:00
3
Peccato, un altro pezzo di storia se ne va in onore dell'odierno capitalismo. Magari verrà sostituita dal classico SUV del cavolo, speriamo di no. Che almeno la nuova generazione mantenga una decente dote sul fuoristrada.
Ritratto di lucios
9 gennaio 2015 - 16:09
4
......resterà nei cuori di tutti.
Ritratto di IloveDR
9 gennaio 2015 - 16:37
4
automobilistica mondiale termina la produzione...sicuramente fra qualche mese la LandRover proporrà un veicolo al passo coi tempi, più leggero, più comodo, meno robusto...mi piace particolarmente nella configurazione Heritage
Pagine