NEWS

Landi Renzo HERS, per rendere “ibrida” qualsiasi auto

25 maggio 2015

La conversione si attua montando due motori elettrici sulle ruote posteriori, più le relative batterie.

Landi Renzo HERS, per rendere “ibrida” qualsiasi auto
MODIFICA “RETROATTIVA” - In occasione dell’Ecorally, la gara di regolarità per vetture a basso impatto ambientale che si è dipanata tra San Marino e Roma il 16 e 17 maggio, è stata presentata dalla Landi Renzo un’Alfa Romeo MiTo 1.4 con la nuovissima tecnologia HERS (Hybrid Electric Retrofit System), che consente di trasformare in ibrida qualsiasi vettura. Il dispositivo, in fase di sperimentazione presso il Ministero dei Trasporti, prevede l’installazione di due motori elettrici nei cerchi delle ruote posteriori, il che permette di trasformare un’auto a benzina o diesel in una ibrida senza intervenire sugli elementi della trasmissione (la modifica è stata pensata per le vetture a trazione anteriore, la grande maggioranza di quelle prodotte oggi) né modificarne componenti strutturali o “periferici”, quali (appunto) i freni o le sospensioni posteriori. 
 
COME FUNZIONA - I motori elettrici si attivano nelle fasi di spunto e di marcia stabilizzata a bassa velocità (sotto i 60 km/h), fornendo un ausilio al motore termico nei momenti in cui è meno efficiente e il consumo e il livello di emissioni nocive sono più elevati. La potenza elettrica complessiva installata ha un picco di 24 kW e una coppia massima di 700 Nm. Il sistema HERS, efficiente soprattutto nei percorsi urbani, riduce consumi e CO2, offrendo anche il vantaggio di poter disporre di una trazione integrale temporanea per situazioni di emergenza in condizioni di bassa aderenza (neve, ghiaccio, fango), migliorando il controllo della vettura.




Aggiungi un commento
Ritratto di PongoII
25 maggio 2015 - 13:43
7
E' di oggi l'articolo sullo studio che alcune grandi città stanno portando avanti per vietare la circolazione dei veicoli diesel, attuali (finti) capri espiatori dell'inquinamento. La proposta della famosa Ditta leader nel settore delle alimentazioni alternative mi sembra molto interessante sia in ottica dei consumi che in quella della motricità. Peccato che non si accenni minimamente al costo di tale trasformazione (ancora al vaglio del competente Ministero)...
Ritratto di jodel_ricola_rulez
27 maggio 2015 - 01:22
Come si dice in sloveno-ticinese cambia pusher? LoooooooooooL
Ritratto di Andrea Ford
25 maggio 2015 - 14:05
Niente, per la mia IS non va bene. Ma chi ce li ha 40.000 euro per la 300h? Io no di certo.
Ritratto di as.crni
25 maggio 2015 - 14:51
Sono andato a provarla, e per ben due volte.cosa che non mi è mai successa pur avendo provato tante auto.che dire.beh molto bella affascinante e futuristica.mi è piaciuta moltissimo.
Ritratto di Andrea Ford
26 maggio 2015 - 16:33
Io ho una prima serie full full del 2002, dotata di impianto GPL della Landi Renzo a iniezione gassosa, oltre 400 km con 24 euro! Valore suscettibile ovviamente di lievi oscillazioni tra estate e inverno e dal prezzo alla p0mpa ma rimane un affare enorme girare con un auto simile spendendo meno di una piccola diesel.
Ritratto di william_riker
25 maggio 2015 - 14:34
Finalmente un pò di vera innovazione anche in italia, basta fare da schiavi agli altri paesi europei! Cominciamo a credere nelle nostre idee (che in italia la storia ci insegna, non sono MAI mancate) in maniera seria, senza dover mandare i nostri cervelli a progettare per aziende estere
Ritratto di IloveDR
25 maggio 2015 - 17:57
4
non so i dati tecnici precisi delle due soluzioni, mi sembrano contigui
Ritratto di Franck Dì
26 maggio 2015 - 09:13
in ke senso??? il gruppo psa ha problemi finanziari per studiare l'ibrido ad aria mi pare...
Ritratto di probus78
25 maggio 2015 - 20:19
Spero proprio che i costi per la conversione in ibrido non siano proibitivi... peraltro parlano di benzina e diesel entrambi convertibili. A naso però non credo costino pochisdimo ben due motori elettrici puazzati nelle ruote pisteriori...
Ritratto di jackdaniel90
26 maggio 2015 - 00:45
sono semplicemente dei motori direttamente collegati alle ruote, a parte un collegamento con l'acceleratore che serve per "capire" la quantità di potenza. Non c'è proprio nessun elemento che vada a toccare la meccanica preesistente. Mi sembra molto interessante anche perchè è un concetto molto più semplice delle ibride che conosciamo
Pagine