NEWS

Con la CV9 ritorna la Landwind

12 maggio 2010

La casa cinese, che anni fa aveva ritirato dal mercato una suv dopo aver fallito un crash test, ritorna in Europa con una monovolume. Sarà in vendita anche in Italia dall'autunno da circa 15.000 euro.

UN RITORNO - Un primo assalto all'Europa la cinese Landwind l'aveva tentato nel 2005 con una suv. Una "invasione” che, però, si era conclusa con una “ritirata”: a seguito dei pessimi risultati ottenuti nei crash test effettuati dall'Adac, l'automobil club tedesco, l'importatore europeo aveva deciso di sospendere le vendite dell'auto cinese. Adesso, a distanza di cinque anni, la Landwind ci riprova con la CV9, una monovolume di medie dimensioni a sei posti. Dall'estate l'auto sarà venduta in Olanda per raggiungere l'Italia e il Belgio in autunno e il resto di principali mercati europei entro i prossimi due anni. Il prezzo stimato è di circa 15.000 euro e la casa cinese prevede di vendere 1.500 unità l'anno.

landwind_cv9__04_rit.jpg
La Landwind CV9 è una monovolume a sei posti di medie dimensioni. È stata disegnata dall'italiana I.DE.A Institute.

C' È TANTA GERMANIA - Per non inguaiarsi come cinque anni fa, episodio che evidenzio pubblicamente i limiti circa la sicurezza delle auto cinesi, alla Landwind assicurano di aver progettato la CV9 secondo standard europei, avvalendosi della collaborazione del Tüv, l'ente indipendente di certificatore tedesco. Inoltre, per avvicinarsi ai nostri gusti, la CV9 è stata disegnata dall'I.DE.A Institute di Torino. Lunga 441 cm, la CV9 utilizzerà due motori a benzina 1.6 e 2.0 realizzati in collaborazione con la F.E.V., un'azienda tedesca che collabora anche con altri costruttori europei, abbinati a un cambio manuale a cinque marce della Getrag.

NIENTE ESP - Per quanto riguarda le dotazioni, dal punto di vista della sicurezza, la CV9 avrà airbag, servosterzo e Abs ma non l'Esp. Alla voce comfort, invece, non mancheranno climatizzatore semiautomatico, alzacristalli elettrici e sensori di parcheggio.

Landwind CV9
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
0
0
1
12
VOTO MEDIO
1,1
1.076925
13
Aggiungi un commento
Ritratto di ayrton
12 maggio 2010 - 20:18
Visto il prezzo, a questo punto preferirei la Dacia Duster... Almeno dietro c'è il gruppo Renault-Nissan ed in più si può contare anche su una vasta rete di rivenditori che in caso di problemi (e sulle cinesi ce ne sono vari) si arriva più facilmente ad una soluzione. e a proposito di macchine cinesi...Cercatevi il modello BYD T6, avrete una bella sorpresa... se poi visitate il sito della BYD vedrete che l'attività preferita è il copia e incolla...
Ritratto di Al86
12 maggio 2010 - 22:48
Quando copieranno anche la sicurezza e l'affidabilità? E non soltanto BYD ma tutte le case cinesi fanno copia e incolla dei modelli venduti in altre parti del mondo, però se si cercano quei pochi risultati di crash test si vede dove risparmiano, la peggiore auto venduta in occidente (intendo Europa, USA e Australia, dove si fanno i crash test più severi) e infinitamente molto più sicura degli attuali modelli cinesi, speriamo che questa monovolume raggiunga almeno le tre stelle (e nessuna barrata, stella barrata = ferita mortale) e che almeno abbiano aumentato l'affidabilità (altro punto critico dei modelli cinesi)
Ritratto di fusco8
13 maggio 2010 - 02:59
in giro si trova ancora auto al livello delle cinesi,per fare un esempio la fiat 600.o la niva del marchio russo lada e altre ancora ke non mi vengono in mente.quindi non è vero ke la peggiore autovenduto prima di questa cinesse è molto piu sicura(figuriamoci "infinitivamente").insomma informiamoci prima di dire scemenze.
Ritratto di Al86
13 maggio 2010 - 09:45
Ok forse ho esagerato, diciamo che la peggiore auto europea moderna è molto meglio di una cinese in fatto di sicurezza, dopotutto la Lada Niva risale al lontano 1976 praticamente immutata da allora, così come la Fiat 600 è basata sul pianale della Fiat 500 del 1991 (quindi di 19 anni fa), e le auto europee che hanno i risultati peggiori sono in genere auto di almeno dieci anni fa (ad eccezione del Nissan Navara, del Chrysler Voyager e della Chevrolet Aveo a tre volumi del 2006), questo significa che in fatto di sicurezza sono al livello delle europee di una decade fa, o delle peggiori attuali, e non mi pare un gran risultato
Ritratto di vincenzo67
13 maggio 2010 - 08:46
per me non è ne bella ne brutta basta che sarà di qualità!
Ritratto di giovanni76bo
13 maggio 2010 - 09:09
...avete delle prove per dire che le auto cinesi sono inaffidabili? lo chiedo senza polemica, giusto per curiosita'. Comunque riguardo questa puo' anche essere ottima ma io continuo a dire che i tempi non sono maturi per le cinesi made in china: c'è ancora un dedalo di marche e marchette che non si sa quali siano affidabili e quali no. I cinesi faranno forse bene le apparecchiature elettroniche ma le automobili lasciamole fare a chi le sa fare cioè europei, jap e kor.
Ritratto di giovanni76bo
13 maggio 2010 - 10:50
facciamo il confronto con le prime coreane? io non mi ricordo ma all'inizio tipo 10 anni fa c'era diffidenza anche per loro? a me non pare non fosse altro perchè comunque non copiavano le linee e seppur economiche la qualita' e l'affidabilita' erano discrete.
Ritratto di 19miki90
13 maggio 2010 - 18:44
2
Ed ho detto tutto! Concordo con chi dice che il livello di sicurezza delle cinesi é si e no uguale a quello delle auto di 10 anni fa... e forse il dato é ancora ottimistico...
Ritratto di Nicolino94
13 maggio 2010 - 21:34
no aspettate ragazzi sapete dove è gia in commercio che vado subito a ordinarla!! qualcuno viene con me?! ahahah a questo prezzo o poco di più c'è qualcosina di meglio. se vai alla ford con 15000 euro, ora che è a fine serie ti prendi una bella c-max diesel! basta cercare, altro che cinesi! io sono favorevole alla loro commercializazzione per il solo fatto che così le case europee e affermate sono spinte a vendere al più buon prezzo possibile! poi non so voi...
Ritratto di Al86
13 maggio 2010 - 22:44
Se veramente riescono a far abbassare i prezzi anche alle europee, ben vengano
Pagine