NEWS

Un canadese realizza le ruote che si muovono a 360°

03 luglio 2016

William Liddiard ha mostrato il prototipo delle Liddiard Wheels, ruote capaci di muoversi in tutte le direzioni.

Un canadese realizza le ruote che si muovono a 360°

PARCHEGGI PIÙ FACILI - Da tempo si parla di vetture capaci di muoversi a 360°, lungo i quattro assi, in maniera da risultare più maneggevoli e facilmente guidabili negli spazi angusti. La Goodyear ha fornito una visione in tal senso, studiando dei pneumatici dalla forma sferica (qui per saperne di più): le coperture si chiamano Eagle-360 e vanno considerate una proposta di stile, che difficilmente vedremo in commercio. Una soluzione di natura più amatoriale è stata elaborata da un progettista canadese, William Liddiard, che ha montato su una Toyota Echo quelle che definisce Liddiard Wheels: sono ruote del tipo omnidirezionale, che permettono all’auto di muoversi anche in senso trasversale e favoriscono ad esempio i parcheggi in parallelo, grazie alla capacità dell’auto di muoversi anche a sinistra o destra.

EFFICCACIA TUTTA DA VERIFICARE - Le ruote omnidirezionali esistono da quasi 100 anni e da allora hanno equipaggiato soprattutto piccoli robot, destinati all’ambito della ricerca in quanto facilmente manovrabili. Sulle Liddiard Wheels però il battistrada è realizzato in pezzo unico e non rappresenta la somma di vari segmenti, come accaduto finora. Lillard non chiarisce nel dettaglio quale sorgente muova il battistrada, parlando genericamente di un elevatissimo valore di coppia applicato direttamente a ciascuna ruota. Le Liddiard Wheels non richiedono modifiche strutturali all’automobile, utilizzano gli stessi materiali dei pneumatici tradizionali e possono venir utilizzate in qualunque condizione stradale o atmosferica, senza l’obbligo di rispettare determinati limiti di velocità. L’inventore spera di vendere il progetto ad una grossa casa, ma è tutta da verificare l'efficacia di una simile soluzione.





Aggiungi un commento
Ritratto di FedericoBentyaga
3 luglio 2016 - 18:21
Questa è un'ottima idea, adatta però solo a citycar secondo me. Poi però bisogna vedere se dei professionisti riusciranno a fare le gomme a 360 gradi.
Ritratto di puccipaolo
3 luglio 2016 - 18:47
6
ottima idea ..e credo che la vettura in oggetto possa arrivare anche ad 1-1,2 G di tenuta laterale...anche sul bagnato! E poi vuoi mettere con le gomme piene che confort!
Ritratto di FedericoBentyaga
4 luglio 2016 - 17:10
Non so se ti serviranno 2 G di tenuta con una citycar da 160 km/h.
Ritratto di Claus90
3 luglio 2016 - 19:37
Le ruote omnidirezionali esistono da quasi 100 anni se non si sono mai utilizzate su veicoli stradali di serie è perchè nessuna casa automobilistica ci ha visto qualcosa di positivo sennò si sarebbero utilizzate da decenni sui veicoli stradali.
Ritratto di LOL25
3 luglio 2016 - 21:05
Non so, credo che se fosse stata una buona idea le case automobilistiche la userebbero già da decenni. La sua unica utilità credo che sarebbe quella di fare in un attimo i parcheggi paralleli, per il resto non vedo nulla di straordinario
Ritratto di Alfa85
4 luglio 2016 - 16:03
Una piccola osservazione, essendo le city-car sono scatoline facili da parcheggiare non credo abbia senso questa innovazione, magari su auto da 5 metri ed oltre avrebbe molta più utilità visto che i parcheggi non abbandano poi cosi tanto.
Ritratto di MAXTONE
3 luglio 2016 - 21:27
Ma sono troppo sporgenti le ruote pare abbia messo i distanziali!
Ritratto di Sepp0
4 luglio 2016 - 10:18
MI sembra una buona idea... per i parcheggi automatici e stop.
Ritratto di orsogol
4 luglio 2016 - 11:52
1
Le prestazioni tradizionali di questi pneumatici (trazione, tenuta in curva, frenata, indeformabilità, comfort ecc.) sarebbero pessime. Roba utilizzabile per vetturette da città con velocità massima di 45 all'ora perché a 50 faresti fatica ad andare dritto. Inoltre aumenterebbe il peso non sospeso, per non parlare del costo. Idea bocciata!
Ritratto di dodox
4 luglio 2016 - 13:14
Il filmato sembra anche essere molto accelerato (vedi bandiera sullo sfondo) quindi il tempo richiesto per un posteggio quale sarebbe?
Pagine