La Lincoln lancia la MKC concept

13 gennaio 2013

Esordio del marchio di lusso tra le suv di ridotte dimensioni con la concept Lincoln MKC, molto vicina al modello definitivo.

La Lincoln lancia la MKC concept

PRODOTTO MIRATO - Non sono lontani i tempi i cui i marchi "secondari" americani sparivano uno dopo l'altro. Per chi resiste è necessario reinventarsi; la strategia della Lincoln è crescere con quattro nuovi veicoli destinati alle fasce di mercato con maggior crescita nei prossimi quattro anni. Tra questi le vendite de suv di lusso con dimensioni ridotte (secondo gli standard Usa, infatti la MKC è lunga 455 cm), sono aumentate del 60 per cento nel 2012 e oltre il 200 per cento negli ultimi quattro anni, oscurando qualsiasi altro settore di auto di lusso, dimostrandosi un'occasione fondamentale per la Lincoln

 
STILE ESTERNO - Il modello che verrà presentato a Detroit domani come concept (ma molto vicina alla versione destinata alla produzione), la Lincoln MKC, è basato su un nuovo corso di design, definito dal costruttore "caldo, aperto e invitante", seguendo un elemento centrale del patrimonio del marchio. "La MKC concept ha un assetto meraviglioso e poggia splendidamente sulle ruote" - ha detto il designer Murat Gueler - "ha un design slanciato, corpo scolpito con passaruota e spalle eleganti. Le linee del veicolo appaiono relativamente semplici al primo sguardo, ma al secondo rivelano una dinamica tridimensionalità".  Enfatizzata dai cristalli laterali privi di cornici, come la calandra divisa in due parti "alata" fino a comprendere le luci, con effetto di slancio. L'imponenza sfuma in azione verso le fiancate, alleggerendo il frontale, con la zona inferiore che ne sottolinea la larghezza complessiva. Il prototipo è verniciato in bianco metallizzato a tre strati, e poggia su cerchi - un po' massicci nel design con cromature lucide - a sette razze triple da 20 pollici. Luminosità interna dal tetto in cristallo panoramico. 
 
 
ASPETTO INNOVATIVO - Se agli occhi europei la Lincoln MKC richiama la Ford Kuga e il prototipo Seat IBx, e certi tagli (come il portellone) ricordano l'Audi Q5, gli americani la ritengono innovativa. Entusiasmandosi per il design ininterrotto delle luci posteriori (e qui siamo molto vicini a Porsche Panamera Sport Turismo, che potrebbero essere anche sulla suv Macan), come rimarcando il lavoro di progettazione per rendere elegante l'aspetto e consentire la massima capacità di carico. Curioso: quasi come scoprissero adesso un settore che, in molti sensi, hanno inventato proprio in America. 
 
 
INTERNI CURATI E MOLTA PELLE - Mentre non si accenna ai contenuti della meccanica, prelevabile da altri modelli del Gruppo Ford, principalmente la Kuga che ora è pensata in versione "globale" e non più differenziata per i singoli mercati continentali, gli interni della Lincoln MKC propongono progettazione su misura con soli quattro posti, materiali affinati e finiture di qualità.  "C'è un aggiornamento significativo nei materiali e un elegante orientamento verso la moda", ha detto Soo Kang, responsabile interior design della Lincoln. La grande consolle centrale "alata", con particolari rivettati, nasce dal tunnel e si estende sul cruscotto, mentre gli strumenti si raccolgono attorno al guidatore. 
 
 
NUOVI RICCHI E NON - "Stiamo reinventando la Lincoln concentrandoci sui segmenti più in più rapida crescita del mercato del lusso, offrendo ai clienti qualcosa di diverso" ribadisce Jim Farley riconoscendo come molti nuovi clienti stiano arrivando ad acquistare il loro primo veicolo di lusso. Altri stanno invece passando da veicoli di grandi dimensioni a più piccoli per semplificare la loro vita. Inoltre la Lincoln inizierà a vendere in Cina nella seconda metà del 2014. 
Aggiungi un commento
Ritratto di lada-niva22
13 gennaio 2013 - 18:57
...di soffermarmi sull'inutilità del segmanto a cui appartiene...mi sembra una sorta di restyling della Infinity. Niente di nuovo sotto al Sole dunque...
Ritratto di juvefc87
13 gennaio 2013 - 19:49
io spaevo che il marchio lincoln è stato soppresso, cmq 3/4 posteriore e cofano posteriore uguale alla q5! salvo i fari, dentro solito lusso, avanti anche ok
Ritratto di EasterRuben
13 gennaio 2013 - 21:11
Con gli stessi interni per ogni macchina. Tralasciando il fatto che una volta erano i cinesi a copiare.
13 gennaio 2013 - 22:40
Non è GM, ma Ford
Ritratto di flavio84
13 gennaio 2013 - 21:36
bel restyling della q5...apparte il posteriore un po scopiazzato, il resto sembra armonico.da vedere se piacerà.
Ritratto di TurboCobra11
13 gennaio 2013 - 22:31
Davanti non bellissima, però visti i carri funebri quali sono le solite Lincoln almeno questa non da quella solita impressione. Comunque Lincoln è viva in Usa, ed è l'unico marchio che si è tenuto Ford dopo la crisi, oltre al marchio Ford stesso, e rappresenta il marchio di lusso, come per Gm la Chevrolet e il marchio Cadillac. Come segmento siamo nel DSuv premium, ovvero quello di Q5 e X3, se non sbaglio. Per Gm l'occasione sarebbe fare come Ford e lincoln per questa, ovvero il fare la nuova Kuga, Gm dovrebbe fare uguale con la Captiva/equinox e Antara derivata. Saluti
13 gennaio 2013 - 22:44
GM però ha anche la Buick con cui espande i propri modelli di lusso (anche se il marchio è un semi-premium)
Ritratto di TurboCobra11
14 gennaio 2013 - 15:47
Ciao, io direi che comunque la Buick negli ultimi anni è in america ciò che Opel è in europa, generalista di qualità, sulla scia di volkswagen, cadillac è lusso come Audi e Chevrolet è generalista come skoda e Seat, naturalmente con stile e immagine del marchio magari non uguali, ma più o meno è quella la differenza. Dovrebbero fare un lavoro come con la Mokka, però coinvolgendo anche Cadillac, così cadillac avrebbe la sua concorrenza a questa e X3 Q5, Buick Opel la sua concorrenza al Tiguan ecc e Chevrolet la sua nuova Captiva/equinox auto adesso diverse(alla faccia della condivisione all'interno del marchio, che poi vanno a cercare con altri(Fiat prima, peugeot ora) facendolo diventare un prodotto globale. Proprio con questa condivisione che permette volumi da 500.000 auto l'anno permetterebbe comunque di supportare le differenziazioni fra marchi, ottenendo un bel margine di guadagno per lo spalmamento dei costi su un enorme quantità di vetture. Il problema è sempre uno, che in Gm non capiscono una beata mazza, al contrario di Vw che ti fanno fruttare tutto al massimo, ultimamente sopratutto, con progetto Golf A3 Leon e le sorelline citycar. ...Ciao!
14 gennaio 2013 - 16:55
Capito, in pratica ci vorrebbe una Antara anche per Buick e una Captiva per Cadillac, in modo da coprire quel segmento in tutte e tre le fasce di prezzo. L'unica cosa che farei è mantenere distinte le linee di Opel e Buick, semplicemente con frontali e retro diversi che pur se sono la stessa auto, sembrano modelli diversi che meglio si adattano ai gusti locali, come accade già per la versione Buick dell'Astra, ma non per Insigna e Mokka che restano identiche macherina a parte
Ritratto di TurboCobra11
15 gennaio 2013 - 12:59
Esatto e con volumi così alti di vendita perchè ne vengono fuori 4 auto da un progetto, la differenziazione non avrebbe costi eccessivi, proprio per i volumi alti, oltre che per il plus valore con Cadillac che venderebbe con i più alti margini di guadagno come Audi in Vag, che con A3 fa molto più margine che con Leon. Poi dipende se non riescono a fare un lavoro come ford che vende bene modelli globali uguali, però questa è una valutazione da fare marchio per marchio e modello per modello, e niente di problematico, il più è che non penso ci arrivino quelli di Gm. ...Ciao!
Pagine