NEWS

Abitare con lo stile di Mini: in mostra a Milano

16 aprile 2018

Alla Design Week, la Mini invita i visitatori a creare la propria soluzione abitativa, in un ambiente compatto come le vetture della casa.

Abitare con lo stile di Mini: in mostra a Milano

PRESENZA IMMAGINARIA - Per la terza volta consecutiva, Mini presenta alla Milano Design Week (che si svolge in contemporanea al Salone del Mobile) soluzioni abitative  ispirate alla compattezza e all’ottimale sfruttamento dello spazio: come la minuscola e iconica citycar del 1959, dalla quale derivano, con simile filosofia, i modelli Mini di oggi. In "Mini Living - Built by all", visionabile sino al 22 aprile in via Tortona 32, le grandi assenti sono proprio le macchine: la loro è una presenza "immaginaria", che si percepisce nello spirito degli ambienti, e che fa da contraltare ai modelli del passato e ai concetti di mobilità del futuro esposti invece alla Triennale, sempre di Milano (leggi qui). Qui, invece, viene proposto uno stile di vita “realizzato in stretta collaborazione tra cittadini e architetti". All'interno di realtà domestiche di pochi metri quadrati (dai 15 ai 20) vengono proposte soluzioni di arredo che devono essere "assemblate" dagli stessi visitatori della mostra; i progetti saranno poi esposti nell'apposita parete "wall of fame". Realizzata in collaborazione i designer londinesi di Studiorama, secondo i responsabili della Mini "l’installazione dimostra che anche l’interno di un edificio vuoto può essere riconvertito per arricchire il futuro dell’architettura urbana. Sottolinea anche come magazzini non utilizzati, centri commerciali e uffici abbandonati possono essere trasformati in potenziali spazi abitativi". Il progetto non è fine a se stesso, perché, come chiarisce Esther Bahne, responsabile di Mini Brand Strategy e Business Innovation, ha portato a un “primo grande nucleo, contenente oltre 50 appartamenti e spazi comuni/pubblici, attualmente in costruzione a Shanghai. Come per Built by all, i residenti sono i co-creatori del loro spazio”.

Aggiungi un commento