Mini

L’antenata dell’attuale Mini nasce nel pieno della crisi petrolifera seguita all’occupazione del canale di Suez nel 1956. La necessità di contenere i consumi delle auto spinse sir Leonard Lord (numero uno della Morris) a commissionare al suo ingegnere più esperto il progetto di una vettura da città piccola ed efficiente, ma in grado di trasportare quattro adulti. Così, dalla matita di sir Alec Issigonis nacque il primo bozzetto (realizzato, secondo la leggenda, su un tovagliolo) di quella che sarebbe stata l’Austin Seven (o Morris Mini Minor, a seconda del marchio utilizzato per la sua commercializzazione), pronta al debutto nel 1959. Per contenere gli ingombri, l’idea geniale fu di disporre il motore in posizione trasversale, abbinato ovviamente alla trazione anteriore. All’inizio la piccola inglese fece un po’ di fatica a conquistare il pubblico, ma poi, forte anche delle doti di agilità e tenuta di strada, fu un successo. E non mancarono le versioni sportive Mini Cooper e da gara, con addirittura tre vittorie assolute nel rally di Montecarlo, né le varianti con la “coda” o famigliare (l’antenata dell’attuale Clubman). Ma è solo nel 1969 che il nome Mini diventò un marchio, mentre tra il 1965 e il 1975 l’auto fu prodotta anche in Italia, su licenza, dalla Innocenti di Lambrate. Dopo alterne vicissitudini, nel 1994 il marchio inglese passò nelle mani della BMW, che rilevò l’intero gruppo Rover, di cui la Mini faceva parte. Si può dire così iniziata l’era moderna per il marchio di Oxford, che in poco meno di venti anni ha dato vita a tre generazioni di modelli (la prima è del 2001, la seconda del 2007 e la terza del 2015) declinati in diverse varianti: dalla classica tre porte, alla versione “famigliare” Clubman, passando per la Cabrio e per le versioni crossover Countryman e Paceman. Negli anni le dimensioni sono cresciute, e le lunghezze hanno superato in molti casi la soglia dei quattro metri. Ma l’agilità resta sempre uno dei fiori all’occhiello delle “piccole” inglesi.

Novità Mini

  • Anche la Mini Cooper S è Resolute Edition

    Colore verde inglese, dettagli in bronzo e interni specifici: queste particolarità estetiche distinguono una versione speciale della Mini Cooper S, che già aveva debuttato sull'elettrica.
  • Mini Cooper SE: la Resolute Edition è più chic

    Questa edizione della Mini elettrica si distingue per le colorazioni esterne e le diverse finiture interne. Restano invariati i 184 CV di potenza e l’autonomia di 234 km.
  • Mini Special Edition: accento sui dettagli

    La Mini svela le nuove edizioni speciali che saranno disponibili per tutte le vetture della gamma Mini e che si distinguono per una specifica personalizzazione estetica.
  • Mini classica elettrica? Ci pensa la casa

    Con il programma Mini Recharged la fabbrica di Oxford propone una conversione in elettrico dell’iconica city-car nata nel 1959 dal genio di Alec Issigonis.
  • I primi 20 anni della Mini moderna

    La storia della “nuova” Mini ha inizio nel 2001 quando dalla fabbrica di Oxford usciva la prima Mini R50.
  • Mini Challenge: al via la stagione 2021

    Presentata la decima edizione del campionato monomarca Mini Challenge: sei gli appuntamenti, a partire dalla tappa di Monza dell’1 e del 2 maggio.
  • Formula E: la safety car è una Mini Cooper SE

    La Mini svela la nuova safety car della Formula E, che potrebbe anticipare una versione di serie supersportiva con motore elettrico.
  • Le Mini si aggiornano

    Leggere modifiche estetiche e una dotazione di sicurezza migliorata caratterizzano le rinnovate Mini 3, 5 Porte e Cabrio. In concessionaria da maggio 2021.
  • Mini: presto una John Cooper Works elettrica

    La casa inglese Mini diffonde le prime informazioni e le immagini della John Cooper Works con motore elettrico.

Video Mini

  • Mini Vision Urbanaut
    Con un nuovo prototipo la Mini vuole dare un'anticipazione di come saranno le auto del futuro: pulite, adatte alla città e anche agli spazi aperti ma, soprattuto, dei solittini viaggianti che si adattano alle esigenze dei passeggeri.
  • Mini Cooper SE
    Antesignana nel 1959, quando fu presentata, e per questo "mamma" di tutte le citycar moderne, la Mini segue il trend del momento e diventa elettrica. Andiamo a scoprirla al Salone di Francoforte.
  • Mini by David Brown
    Lo specialista inglese David Brown propone una Mini prima generazione rivista in varie parti, con un motore potenziato, un interno modernizzato e caratterizzato da materiali pregiati.
  • Mini: la storia dei loghi
    Lo stile diventa più semplice e mette in evidenza i due “capisaldi”: la scritta Mini e le alette laterali. Ecco in breve la storia dei loghi della marca inglese.
  • International Mini Meeting 2017
    Il raduno dedicato all’utilitaria, organizzato dal 1978, ha richiamato oltre 1.200 persone e 3.000 vetture.
  • La Mini Cooper S al Nürburgring
    Non è la Mini più potente, ma è agile e offre prestazioni ben sfruttabili: nel “misto” veloce diverte. L’abbiamo sperimentato sui saliscendi del celebre circuito tedesco.

Primi contatti Mini

Prove Mini

dagli archivi

  • Prima foto spia della plancia della Mini

    Evidenzia l’abbandono, sulla imminente terza generazione, del classico tachimetro in posizione centrale.
  • Mini John Cooper Works GP: non fatela arrabbiare

    Torna la serie limitata John Cooper Works GP, una piccola "bomba" che non disdegna l'impiego in pista: il motore da 306 CV la spinge fino a 265 km/h.
  • Arrivano le Mini Ray Line

    Presentato un nuovo pacchetto di accessori per le Mini berlina, cabrio e Clubman: l’auto si distingue per i “tocchi” fluorescenti sulla carrozzeria e il Ray Line permette di risparmiare fino al 26% rispetto al prezzo degli accessori comprati separatamente.