NEWS

Marchionne: aspettiamo giugno

06 marzo 2018

Nell’incontro con i giornalisti, il capo di FCA ha rimandato molti argomenti alla presentazione del piano industriale il prossimo primo di giugno. Ma, a proposito di Alfa, Fiat, Formula 1, ha detto che…

Marchionne: aspettiamo giugno

AVANTI CON PANDA E 500 - Nella tradizionale conferenza stampa durante il Salone dell’auto di Ginevra, Sergio Marchionne (nella foto) non ha usato giri di parole: per quanto riguarda i programmi di FCA, verranno comunicati fra pochi mesi, il prossimo primo giugno, alla presentazione del nuovo piano industriale. Tuttavia, su alcuni temi il numero uno di FCA non ha rinunciato a dire la sua, concedendo qualche anticipazione, per esempio sul futuro del marchio Fiat. In Europa segue la politica del gruppo, quindi più che i volumi di vendita, l’obiettivo è tenere sempre dei buoni margini di guadagno su ogni vettura venduta. Il marchio Fiat sarà meno presente, si darà più spazio a quelli che si possono definire dei “sotto brand”, ovvero 500 e Panda. Per quest’ultima Marchionne è soddisfatto dei risultati raggiunti ed è in cantiere la sua erede, che non è detto si limiti a un solo modello come oggi. Anche la famiglia 500 sta conoscendo un costante successo e l’offerta verrà implementata con nuovi modelli. 

LA MIGLIORE? L’INTEGRALE - “Posso dirlo perché ne ho avuta una, per me la migliore auto prodotta da FCA è la Lancia Delta Integrale”. Così ha detto Marchionne, aggiungendo che Lancia ha prestigio da vendere ma, per il momento, il marchio è commercialmente poco appetibile. Il gruppo continuerà a puntare su nomi giudicati più efficaci: primo fra tutti, Alfa Romeo. Il boss di FCA ha ammesso che il traguardo delle 400.000 unità vendute nel 2019 era ottimistico, ma c’è comunque soddisfazione per i risultati raggiunti, anche perché si sono poste solide basi per il rilancio, grazie alla validità della piattaforma della Giulia e della Stelvio. Il Biscione proporrà una seconda suv e potrebbe esserci lo spazio per un’erede della MiTo che, però, non riproporrà la formula di una mini tre porte col taglio da coupé. E ci sarà una sinergia ancora più stretta con la Maserati, che nel 2019 presenterà novità importanti. Ma, il marchio che nel gruppo ha avuto il maggiore exploit è Jeep, con un  incremento delle vendite in tutto il mondo, anche se in Cina in misura inferiore alla attese.

LA CINA NON è VICINA - Marchionne ha ammesso che la strategia per l’ingresso di FCA nel mercato cinese non ha funzionato. Servono una gamma motori differente e un modo più aderente a gusti dei cinesi per introdurre marchi come Jeep. “Ci stiamo lavorando” presegue Marchionne, “sia con le autorità locali sia con i nostri partner industriali sul posto”. Quanto all’ingresso di società cinesi con quote azionarie significative nelle case europee (come è successo di recente con Mercedes), il manager italocanadese non ha nulla in contrario, si tratta di business, a meno che questo non pregiudichi il futuro dell’azienda.

IL FUTURO DEL DIESEL - Per quanto riguarda i motori a gasolio, FCA continuerà a proporli, anche se con una gamma meno estesa, finché il mercato li richiederà. Ma è innegabile che per rispondere alle prossime normative antinquinamento gli investimenti per adeguare i diesel siano troppo elevati. Di conseguenza si seguirà la via dell’elettrificazione. “Qui al salone” aggiunge Marchionne “vedo tante proposte di auto elettriche e ibride, ma rappresentano ancora una percentuale marginale del mercato e richiedono forti investimenti. Il gruppo ha preferito prima osservare l’evolversi della situazione, per capire quale sia la direzione presa e, quindi, investire sul futuro”.  

LO SPORT - Marchionne non fa pronostici sul mondiale di Formula 1, la competizione con la Mercedes sarà serrata, ma è meno preoccupato dell’anno scorso, perché il team ha lavorato bene. Quanto ad Alfa Romeo Sauber, è un esperimento e si vedrà come va. Alfa non può sviluppare da zero una power unit in proprio, perché necessita di investimenti da capogiro, pertanto la monoposto italoelvatica utilizza quella della Ferrari. Quanto a un ingresso della Maserati in F1 con il team Haas, Marchionne conferma di averci pensato, ma aspetta di vedere come andrà l’operazione con Alfa. Invece sono a un punto fermo le discussioni con Liberty Media, la proprietaria della F1, sul futuro del Circus. Il presidente della Ferrari insiste nel dire che deve rimanere uno sport accessibile non a tutti, ma solo a chi ne ha le potenzialità. Devono rimanere differenze tecniche fra le monoposto perché è anche lì che si consuma la sfida fra le squadre. “Liberty Media” dice Marchionne “ non capisce un tubo di tecnica. Se mi chiedo tecnicamente come una monoposto affronta una curva, devo avere una risposta tecnica e non solo commerciale come desidera Liberty Media”. La filosofia di Marchionne è che la peculiarità di questo sport, che non è solo una sfida fra i piloti, ma anche fra i progettisti, deve essere salvaguardata; quindi una Ferrari deve essere distinta come tale e diversa, per dire, da una Mercedes. Senza questi presupposti, la F1 non è più interessante.





Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
6 marzo 2018 - 15:12
2
1) Mi chiedo come possa essere una nuova Mito differente da oggi. Un B-Suv? 2) Nel 2019 nuove Maserati. Bene 3) Finalmente si è sbilanciato su Lancia e da ciò che ha detto non mi sembra un capitolo chiuso, anzi. Che senso avrebbe avuto citare la Delta e parlare del prestigio del marchio altrimenti "momentaneamente" poco appetibile. Bolle qualcosa in pentola?
Ritratto di Alfiere
6 marzo 2018 - 19:26
1
Ridurre il tutto a 10milioni e 500-panda (che poi FCA produce tanto altro) è da stupidi.
Ritratto di Vincenzo1973
6 marzo 2018 - 21:35
Morini è noto per non essere una lince
Ritratto di Leonal1980
7 marzo 2018 - 09:06
4
Risposta a 4) certo se non vende quesi cessi con il margine alle stelle come fa a giustificare lo stipendio?
Ritratto di Badboyberna
7 marzo 2018 - 14:07
beh...dividi il suo stipendio per il numero di dipendenti del quale é responsabile ...visto che se lui sbaglia qualcosa...salta tutto...poi confrontalo a quanto annualmente si paga di quote sindacali... quale costa di più ?
Ritratto di Quadrumane a bordo
7 marzo 2018 - 08:40
Scordatelo. Leggiti l'intervista che trovi su quattrogomme. Il taglio è ben diverso.
Ritratto di alex_rm
6 marzo 2018 - 15:38
Per me invece di una nuova mito ci vorrebbe la nuova Giulietta che farà da base per un suv crossover delle dimensioni di X1-Q3-gla.Per Lancia non ha lasciato intendere niente di buono,ed al momento e tutto fermo.Per la futura punto forse si punterà su una 500 a 5 porte,come la mini a 5 porte.
Ritratto di GranNational87
6 marzo 2018 - 15:51
3
Sì TUTTO BELLO CERTOCERTO, MAAA LA GIULIETTA A TRAZIONE POSTERIORE???????????????
Ritratto di hulk74
6 marzo 2018 - 16:50
Sogna...
Ritratto di GranNational87
6 marzo 2018 - 16:58
3
T.T
Pagine