NEWS

Melfi, Renzi ha incontrato Marchionne

28 maggio 2015

Il premier: “Creiamo posti di lavoro, non chiacchiere. E voglio comprarmi subito un’Alfa Romeo”. Gli fa eco l’ad del gruppo FCA: “Le riforme del governo sono la ricetta giusta”.

Melfi, Renzi ha incontrato Marchionne
IN FABBRICA - Dichiarazioni al miele, sorrisi, abbracci, selfie: ecco il riassunto dell’incontro fra il premier Matteo Renzi e l’amministratore delegato del gruppo Fiat Chrysler Sergio Marchionne, a Melfi (foto qui sopra). Il presidente del Consiglio ha prima visitato l’impianto di lastratura dello stabilimento FCA, per poi passare a quello di montaggio su una Jeep Renegade rossa guidata da Marchionne. Accanto, il premier; sul sedile posteriore il presidente del gruppo FCA, John Elkann. Nella delegazione governativa c’era anche il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio.
 
SINTONIA - Il premier ha parlato con i dipendenti dell’impianto di Melfi (che nel 2015 dovrebbe produrre circa 400.000 vetture) in cui vengono assemblate la Jeep Renegade e la Fiat 500X, oltre alla Punto: “Il lavoro non si crea partecipando ai talk show. Hanno detto tutto il male possibile di noi, di Marchionne, del Jobs Act. Qui ci sono persone che hanno un posto di lavoro. Che si crea così, non a chiacchiere. Ci sono le condizioni per cui l’Italia torni a correre e con Marchionne e Elkann abbiamo visto una realtà che non è teorica, ma pratica, concreta. Qui c’è gente che ha voglia di lavorare e che pensa che Melfi non possa essere una cattedrale nel deserto ma un luogo di grande investimento”. “Molto probabilmente”, ha risposto Marchionne, “ci saranno altre 1.000 assunzioni nel comprensorio di Melfi. Ora siamo a 12.000 persone. Questo è uno stabilimento che funziona, è un’ottima storia. Nei nostri lavoratori c’è un entusiasmo che è eccezionale. Le riforme del governo Renzi la ricetta giusta? Assolutamente sì, si sta sbloccando un sistema ingessato da anni. Gli errori li fanno tutti ma l’importante è andare avanti”. Ma Renzi ha anche chiesto novità sul futuro dello stabilimento di Cassino in cui dovrebbe partire la produzione di un nuovo modello dell’Alfa Romeo. “Aspettiamo buone notizie per Cassino, io non vedo l’ora di potermi comprare un’Alfa Romeo”.
 
SINDACATO E FUSIONE - L’ad della FCA ha poi sostenuto il premier anche nella polemica sul sindacato unico: “La mia idea è personale e ha a che fare con la gestione dell'auto. Sia in America sia in Germania c'è un sindacato unico dell'auto. E non mi sembra che gli Stati Uniti possano essere definiti un Paese totalitario”. In quante a ipotetiche alleanze del gruppo FCA, Marchionne non ha voluto confermare di aver inviato messaggi ai vertici della General Motors per proporre fusioni, ma si è dichiarato convinto che entro il 2018 una maxifusione ci sarà: “O lo facciamo noi o il sistema si renderà conto che ci sono modi per migliorare la gestione di questi business”.

 



Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
28 maggio 2015 - 18:13
4
se Renzi vuole una AlfaRomeo ci sono già disponibili MiTo, Giulietta in pronta consegna e 4C su ordinazione...non penso gli manchino le possibilità economiche per acquistarle già domani ed incentivare in prima persona le produzioni italiane.
Ritratto di ARgtv
28 maggio 2015 - 18:53
decisamente migliore delle tedesche in tutti i punti di vista che si era detto sgassatissimo....
Ritratto di IloveDR
28 maggio 2015 - 19:05
4
ma Renzi non mi sembra un collezionista o un appassionato di auto...appartiene alla NewGeneretion appassionata di SmartPhone, Twitter, Facebook, CandyCrushSaga...l'ordine del giorno gli diceva che doveva esaltare il Maglioncino, e l'ha fatto...il suggeritore gli comunica tramite Whatsapp...
Ritratto di osmica
28 maggio 2015 - 19:18
Quella con la lavagna nera e i gessetti...
Ritratto di ARgtv
28 maggio 2015 - 18:49
basta 1 sindacato e non 10-20 sindacati che non sono nemmeno d'accordo tra loro su una questione....
Ritratto di SINISTRO
29 maggio 2015 - 11:36
3
Il sindacato (unico) viene coinvolto nella gestione dell'azienda, anche in qualità di socio/azionista, così come avvenuto per la vicenda Chrysler. Da noi una cosa del genere è ancora pura teoria, al massimo si verifica una partecipazione diretta dei lavoratori agli utili.
Ritratto di jodel_ricola_rulez
1 giugno 2015 - 00:57
http://www.mitbestimmung.it/tag/cogestione/ Peccato che nel nostro paese i nostri "illuminati" industrialiotti preferiscono rimanere nel loro bel feudalesimo industriale fatto dai soliti "cumenda" padri e padroni che preferiscono fare i ducetti del quartierino e toccare il culo alle operaie, piuttosto che evolvere.. poi non appena escono fuori dai confini nazionali vengono regolarmente schiaffeggiati, abbindolati e sopraffatti come dei pirla dalla concorrenza .. Concorrenza composta nella gran parte dei casi da scaltre e preparate dirigenze delle gigantesche conglomerate tedesche e francesi...
Ritratto di jodel_ricola_rulez
1 giugno 2015 - 06:34
industrialiotti= industrialotti
Ritratto di osmica
28 maggio 2015 - 19:16
Tanto di tali auto blu ne ha ancora tante...
Ritratto di osmica
28 maggio 2015 - 19:20
Tutti i tre soggetti in primo piano hanno un'espressione stupenda
Pagine