NEWS

Mercedes 190: la prima “C” compie 35 anni

28 novembre 2017

La berlina della Mercedes capostipite delle Classe C è stata un clamoroso successo: dal 1982 al 1993 ne furono prodotte 1,9 milioni.

Mercedes 190: la prima “C” compie 35 anni

LA PRIMA “PICCOLA” - Gli anni fra il 1975 e il 1999 sono ricordati come un periodo molto fortunato e ricco di soddisfazioni per la Mercedes che, sotto la guida stilistica del designer italiano Bruno Sacco, realizzò molte vetture divenute dei classici senza tempo. Fra le auto di quegli anni  c’erano il prototipo C111, tre diverse edizioni dell’ammiraglia Classe S e la spider SL. Il modello di maggiore successo fra quelli disegnati da Sacco rimane comunque la Mercedes 190, una macchina inedita per la Stella, che mai in precedenza aveva realizzato una berlina così compatta (era lunga 442 cm): ai tempi infatti nel listino della casa tedesca c’erano la media W123 (antesignana della Classe E), l’ammiraglia S e la SL. La Mercedes 190 venne mostrata in anteprima l’8 dicembre 1982 e quindi compirà 35 anni fra pochi giorni, motivo per cui l’azienda tedesca oggi vuole celebrarla.

INNOVATIVA E AFFIDABILE - La genesi della Mercedes 190 risale già agli Anni 70, quando la casa tedesca inizia a raccogliere le idee per un modello più compatto della W123. Un cambiamento di questa portata era motivato da questioni economiche (a causa della crisi petrolifera) e da questioni strettamente commerciali, perché molti clienti sentivano l’esigenza di una Mercedes più piccolo e meno impegnativo delle grandi berline. Le valutazioni durano qualche anno e portano alla nascita di una berlina più aerodinamica (e quindi efficiente) delle altre Mercedes in vendita all’epoca, dotata di inedite sospensioni posteriori multilink a cinque bracci e con nuovi accorgimenti per migliorare la sicurezza di bordo. La Mercedes 190 dimostrò inoltre un livello di affidabilità tipico delle Mercedes: nel 1983 tre esemplari percorsero in circuito 25.000 km, 40.000 km e 50.000 km senza soste.

UN’AUTO DI SUCCESSO - I motori disponibili nel 1982 per la Mercedes 190 erano due quattro cilindri a benzina di 2.0 litri: quello alimentato a carburatori erogava 90 CV, quello a iniezione diretta 122 (190 E). Un anno dopo l’arrivo negli autosaloni venne aggiunto il 2.0 diesel della 190 D (72 CV), mentre nel 1986 debuttò il benzina a sei cilindri di 2.6 litri (166 CV) e un anno dopo fu il turno del diesel a cinque cilindri 2.5 da 122 CV. La berlina tedesca ottenne grandi successi anche nel mondo delle competizioni, dove regalò due titoli costruttori alla Mercedes (1991 e 1992) e un titolo piloti a Klaus Ludwig (1992) nel campionato turismo tedesco, il celebre DTM (foto qui sopra), grazie alle varianti ad alte prestazioni 190 Evo e Evo II: il loro motore a sei cilindri di 2.5 litri arrivò a sviluppare fino a 235 CV. La Mercedes 190 è stata venduta in quasi 1,9 milioni di esemplari e ha ceduto il testimone nel 1993, quando è stata mandata in “pensione” dalla prima Mercedes Classe C.

Mercedes 190
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
16
2
1
0
0
VOTO MEDIO
4,8
4.789475
19
Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
28 novembre 2017 - 18:27
La mercedes negli anni ha perso quella esclusività di un tempo, un tempo le mercedes erano auto innovative, lussuose e con optional esclusivi e costose insomma non per tutti,secondo me dovevano rimanere con dei prodotti di nicchia invece si è arrivati a produrre la classe A monovolume come toccare il fondo, oggi se la gioca in ogni segmento ma le vere mercedes di un tempo non esistono più.
Ritratto di alexlato2010
28 novembre 2017 - 18:29
Non posso che concordare. Le VERE Mercedes ormai non esistono più
Ritratto di LOL25
28 novembre 2017 - 18:50
Non sono d'accordo, ricordiamoci che Mercedes produce da sempre anche veicoli commerciali di ogni tipo e non mi sembra che questo abbia mai tolto al marchio la sua esclusività
Ritratto di lucios
28 novembre 2017 - 21:26
4
Mio padre ha una splendida 250 turbodiesel del 92. Lentissima ma con una linea e qualità costruttiva impareggiabile.
Ritratto di Agl75
28 novembre 2017 - 23:03
Non sono d’accordo. Secondo me Mercedes è tuttora un top brand con soluzioni eccellenti e una comodità di guida fantastica. Ovviamente sui segmenti alti, più consoni alle sue corde storiche.
Ritratto di AMG
29 novembre 2017 - 19:00
Assolutamente d'accordo. Dopotutto Mercedes propone tutt'oggi soluzioni esclusive e costose. E' ancora perfettamente Mercedes nei prodotti solo che siamo in un'altra epoca. Il cambio automatico al volante, il freno di stazionamento a sx come leva, l'aircap e l'airscarf per le cabrio, il sistema di infotainment mono-schermo enorme, le versioni AMG sempre esuberanti e "ignoranti" nella potenza. Non è cambiato granché, e non è nemmeno detta la frase "ora c'è di meno da inventare".
Ritratto di Prrrrr
29 novembre 2017 - 14:57
Claus90 Non conosci come andarono i"fatti", la Leggenda narra che Mercedes LA PRESE MALE, quando in VW proposero la fantomatica Phaeton. Fu questa l'occasione che spinse Mercedes ad entrare nel segmento "A", dalla serie, ma come io non produco Polo e Golf per non pestarti i piedi, e te mi fai la Phaeton? Poi la realtà probabilmente è un altra, quella dove ormai "l'esclusività" ti porta al fallimento, Mercedes deve ampliare (cosa che ha fatto) il più possibile... i tempi cambiano.
Ritratto di grande_punto
28 novembre 2017 - 18:56
3
Un mio cognato la ha uguale uguale a quella in foto! Ancora va come un orologio svizzero, la tiene come un gioiello e a volte la tira fuori. Che bei tempi...
Ritratto di Illuca
28 novembre 2017 - 20:08
me la.ricordo ancora andai con mio padre in mercedes a Milano a ritirarla verdina con 5 marcia optional.... fantastica é ancora nostra...
Ritratto di mirko.10
28 novembre 2017 - 20:16
2
Linea compatta, elegante e spigolosa. Gli interni erano solidi ed il cruscotto,con quella palpebra che si sviluppava sino al centro del gruppo bocchette e manopole aerazione, era scenicamente importante. Tutto concentrato e fatto bene....ne ero innamorato....che tempi.
Pagine