NEWS

Mercedes, ecco l'automatico a 9 marce

22 marzo 2014

Surdimensionamento per sopportare fino a 1.000 Nm di coppia e materiali leggeri per contenere il peso. Senza dimenticare l'efficienza e il comfort di marcia.

Mercedes, ecco l'automatico a 9 marce
SVILUPPO INTERNO - L'evoluzione delle trasmissioni automatiche passa (anche) per l'incremento del numero di rapporti: chi ripesca dall'abisso della memoria il Powerglide a 2 marce della prima Corvette, è meglio che sappia che al giorno d'oggi bisogna contarne fino a 7 in più. La tendenza è confermata anche dalla Mercedes, che ha dotato il proprio 9G-Tronic, come suggerisce la sigla, di ben nove rapporti. È l'unica alternativa con tali caratteristiche alla trasmissione ZF 9HP che equipaggia auto tra loro eterogenee, dalla Range Rover Evoque alla Jeep Cherokee fino alla Dodge Dart.
 
 
OBIETTIVO EFFICIENZA - Disponibile sulla E350 BlueTEC (foto qui sotto), il cambio Mercedes 9G-Tronic promette consumi prossimi ai 20 km/litro, migliorando al contempo la fluidità e il comfort di funzionamento del 7G-Tronic, del quale costituisce l'evoluzione. Dal punto di vista tecnico, spicca la presenza del convertitore di coppia: una soluzione convenzionale, controbilanciata da una costruzione visivamente compatta e impreziosita dal comando diretto per innesti più veloci. La rapportatura permette di viaggiare a 120 km/h con il motore poco sopra il minimo: 1.350 giri dichiarati.
 
 
C'E' ANCHE IL MAGNESIO - I materiali costruttivi sono alluminio, lega di magnesio e materiale sintetico per la scatola di convertitore e cambio, nonché per la coppa dell'olio; internamente, i planetari sono quattro. La pompa dell'olio è sdoppiata (una meccanica e una elettrica, abbinata al sistema Stop&Start), e tre sensori rilevano il regime di rotazione dei componenti. La coppia massima gestibile è di ben 1.000 Nm, il che lascia presupporre l'impiego su altre vetture del Gruppo ben più prestanti della E350. E lascia presagire anche un surdimensionamento dei componenti: per dare l'idea, l'albero di trasmissione primario è lungo 55 cm.




Aggiungi un commento
Ritratto di M93
22 marzo 2014 - 12:29
Sulla carta sembra un'ottima trasmissione automatica, ancor di più rispetto alla precedente 7G tronic. Mercedes rimane uno dei pochi marchi che sviluppa cambi automatici "in casa".
Ritratto di Merigo
22 marzo 2014 - 12:44
1
Sarò distratto e imbranato ma con le due auto che ho avuto con cambio manuale a 6 marce (una A4 e una Croma entrambe 1,9 TDI) mi è capitato più volte di non sapere in che marcia fossi ed erano solo 6 marce ed entrambi motori con coppia da trattore. Se mi dovesse mai di capitare una 9 marce manuale, rinuncerei a priori!
Ritratto di nanoferoce
8 aprile 2020 - 17:31
tranquilllo non li faranno manuali, non ha molto senso...
Ritratto di Arcadia
22 marzo 2014 - 14:05
Resi superati dai moderni CVT come quelli sportivi da poco presentati da Nissan,detto XTRONIC CVT (prima applicazione sulla Nuova Qashqai mi sembra) e da Subaru per la nuova WRX 2014, con essi hai un numero infinito di rapporti e un confort superiore nella guida in auto, perdipiu' come affidabilità non c'è paragone perché sono concettualmente molto piu' semplici di questi cambi tedeschi. La Williams anni fa stava per debuttare con un formidabile CVT in F1 il quale non era valido ma validissimo! Tant'è che venne proibito seduta stante dalla FIA, perchè alla Williams avevano progettato degli algoritmi di gestione così validi, accoppiati ad un'elettronica fenomenale (il know-how Williams in materia era, all'epoca, clamoroso in tutte le sue applicazioni), e il timore che facessero ancora di più il vuoto era concretissimo. Io l'ho provato in città e sui tornanti di montagna con un Auris Hybrid prima serie e va letteralmente da dio, mai un incertezza, ti manda spedito come un missile con la progressione degna di una potente auto elettrica.
Ritratto di marian123
22 marzo 2014 - 14:39
superati dai moderni CVT ahaha. Lo dici solo perché è la trasmissione che monta toyota, vero?
Ritratto di PariTheBest93
22 marzo 2014 - 15:09
3
Mentre quella CVT Honda scommetto fa cagare :) Dai Marian lascia in pace Maxtone/arcadia che ignora che quei pochi componenti di cui è fatto il CVT sono pure fragili...
Ritratto di Arcadia
22 marzo 2014 - 20:48
Considera che su 7 milioni di Toyota ibride che lo montano ZERO LAMENTELE HANNO RIGUARDATO IL CVT. Che poi il CVT di Toyota non è neppure un vero CVT perché sull'ibrido non c'è un vero e proprio cvt ma un meccanismo a "cascata elicocicloidale"). In ogni caso facendo un giro sui vari forum a proposito di questo cambio c'è da dire che si trovano pareri altamente contrastanti e addirittura agli antipodi tra chi lo odia e chi lo trova il miglior cambio mai provato perchè - citando - "una volta provato non torni indietro". Di sicuro posso dire che lo preferisco nettamente a un cessissimo DSG. Il CVT è il "cambio perfetto" in quanto equivale ad avere un numero infinito di marce. Inoltre è più leggero e molto meno complicato di un automatico da 6-7 o 9 rapporti garantendo al contempo confort migliore. La sua brutta fama deriva dalla scarsa efficienza dei primi modelli (che avevano una cinghia in gomma, il che riduceva anche la massima coppia trasferibile) dovuta agli attriti generati dalla cinghia stessa. La sua presunta "inferiorità" dunque viene da difficoltà tecnico-realizzative, non è di principio, quindi può essere superata, ed è quello che i giappo stanno cercando di fare. Se Nissan e Subaru ci sono riusciti davvero(e sembra di si leggendo le review della nuova Subi WRX) stanno davanti agli altri, non dietro. Quanto ai doppia frizione ( che a rigore non sono nemmeno cambi automatici ma meccanici elettroattuati ) sono uno dei possibili tipi di automatico che, a dispetto del gran rumore di marketing che ci si è fatto sopra non sono affatto i più diffusi (e per fortuna vista la loro estrema fragilità).
Ritratto di marian123
22 marzo 2014 - 21:16
ovvio che magari piace ai tassisti che girano in città per la fluidità di marcia ma i pregi finiscono li perché come velocità di reazione è molto scadente. In poche parole il paragone con un doppio frizione o un automatico come lo zf 8 marce oppure questo 9 marce fa ridere.
Ritratto di Arcadia
23 marzo 2014 - 11:50
Cito testualmente una comparativa da loro effettuata qualche tempo fa tra l'Audi Q7 3.0 TDI Clean Diesel e la Lexus RX450h: "nelle partenze da fermo,la RX accellera con uno scatto superiore all'Audi,rallentata dal ritardo di risposta del turbo e dallo slittamento del convertitore di coppia. Questa situazione si ripete in ripresa: mentre la Q7 inserisce le sue marce con una lieve indecisione, il cambio continuo della Lexus ha gia'preso l'iniziativa. Il V6 e il motore elettrico si azionano senza esitazione anche in fase di kick down.Questo binomio agisce in maniera piu'raffinata e fluida rispetto al TDI Audi e consumando anche meno". E questo è stato scritto, ci tengo a sottolinearlo, su un giornale tedesco.
Ritratto di PariTheBest93
23 marzo 2014 - 15:12
3
Cosi si intitola un articolo recente della nostrana Quattroruote, paragrafo CVT: questi cambi, sono molto apprezzati dai giapponesi poiché si sposa bene con il loro stile di vita tranquillo. Le moderne generazioni di CVT possono sopportare anche potenza e coppia elevate hanno ridotto "effetto trascinamento" e rumorosità da scooter, ma mostrano sempre i loro limiti nella guida sportiva. Basta leggere le prove delle riviste specializzate che criticano il CVT nella guida più impegnata, proprio perché risponde con poca prontezza. Per il discorso Willams a quei tempi c'era il cambio manuale sulle F1, grazie il cazzo che un automatico taglia i tempi di cambiata per un risparmio di 1,5'' a giro (mediamente), ma questa soluzione aveva il problema che non esisteva una cinghia che non poteva reggerre a lungo ben 850cv... http://www.auto123.com/en/news/f1-technique-williams-tested-a-cvt-transmission-back-in-1993-video?artid=137686 ... Per il discorso affidabilità, non ho detto che sono inaffidabili, ma solo che le poche componenti di cui sono composti, possono comunque essere soggetti a rotture...
Pagine