NEWS

Mercedes EQC: inizia la produzione

06 maggio 2019

La prima suv elettrica della Mercedes si prepara per giugno 2019, quando saranno consegnati i primi esemplari.

Mercedes EQC: inizia la produzione

DUE MOTORI - La Mercedes annuncia l’inizio della produzione della Mercedes EQC, la sua prima suv elettrica, dopo i ritardi dei mesi scorsi che ne avevano rallentato la catena di montaggio. La Mercedes EQC dispone di una batteria agli ioni da 80 kWh (pesa 650 kg), che alimenta due motori, uno per ciascun asse delle ruote per complessivi 402 CV. Secondo la casa, i motori elettrici permettono alla suv di scattare da 0 a 100 km/h in circa 5 secondi (la velocità massima è limitata a 180 km/h). La Mercedes EQC ha un sistema per la ricarica rapida casalinga da 7,4 kWh, che ricarica la batteria in circa 10 ore. Con il pieno veloce, a 110 kW, in 40 minuti si ha l'80% di ricarica. L’autonomia dichiarata dell’auto è di 445-471 km nel ciclo NEDC. 

DA GIUGNO A OTTOBRE - A partire dalla fine di giugno 2019 saranno consegnate le prime Mercedes EQC 400 4MATIC Edition 1886 (qui per saperne di più), versione in edizione limitata che costa 84.930 euro, oggetto del primo lotto di produzione. Il lancio commerciale vero e proprio avverrà nel mese di ottobre 2019 con l’arrivo nelle concessionarie delle versioni di serie. I prezzi della EQC partono da 71.281 euro per la base che è già ordinabile.

PRODUZIONE GLOBALE - La Mercedes EQC è prodotta nello stabilimento di Brema, talmente flessibile da consentire l’assemblaggio sulla stessa linea delle Classe C e GLC. Questo perché i punti di attacco delle componenti principali sono gli stessi. Oltre a Brema, attraverso la joint venture Beijing Benz Automotive (BBAC), la EQC verrà prodotta anche in Cina già nel corso di quest’anno. È poi prevista la produzione della suv elettrica anche a Rastatt e Sindelfingen, in Germania, Tuscaloosa, negli USA, e Hambach, in Francia.

Mercedes EQC
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
26
12
8
14
39
VOTO MEDIO
2,7
2.71717
99


Aggiungi un commento
Ritratto di deutsch
6 maggio 2019 - 19:31
4
gutta cavat lapidem, un'altra goccia nel mare di benzina e diesel. Piano piano si allarga l'offerta anche se prevalentemente sulle premium di alta gamma .... ma non solo vedi 208 ect
Ritratto di deutsch
6 maggio 2019 - 19:32
4
Critici consolatevi questa non attingerá alle vostre tasse visto che i prezzi sono fuori dal bonus
Ritratto di Gwent
6 maggio 2019 - 20:26
2
85.000€ per un auto che fa i 180 e sulle autostrade tedesche verrà sverniciata da una Dacia Duster a nafta. Questo naturalmente imho e con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Il_Pirata
6 maggio 2019 - 21:21
Ormai anche Volvo ha annunciato che le sue auto non supereranno i 180Km/h. Per salvare la Terra dovremo rinunciare al gusto della guida ed al rombo del motore. Così vivremo tutti depressi su un pianeta pulito.....
Ritratto di deutsch
6 maggio 2019 - 22:47
4
Sta iniziando a prendere piede questo limiti a 180. Me ne farò una ragione se dovesse diffondersi tanto è sempre almeno 50 in piu di quando vado io al massimo .... e del limite di velocità italico
Ritratto di Gwent
7 maggio 2019 - 01:01
2
In Giappone è in vigore da trent'anni: La NSX, la Supra A80 Twin Turbo e le stesse Skyline li sono sempre state autolimitate a 180, persino le Skyline in dotazione alle forze dell'ordine hanno questa limitazione. Forse è per questo che Lexus con nonchalance ha autolimitato l'ES 300h a 180 così come l'RX 450h, l'NX e l'UX. Anche la RC 300h è bloccata, a 190 in questo caso, mentre con l'IS 300h sono stati un po' più generosi (200 km/h). Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di ForzaItalia
7 maggio 2019 - 08:25
No è che lexus proprio impegnandosi non ci arriva nemmeno... è ben diverso eheheh
Ritratto di Fr4ncesco
6 maggio 2019 - 21:30
2
Ha il gran vantaggio di sembrare un'auto normale, peccato per la scritta EQC in blu; tutti questi dettagli ricordano le scritte "Turbo" sui primi modelli sovralimentati anni "80-90.
Ritratto di Dr.Torque
7 maggio 2019 - 09:19
"turbo", "catalyst", "4x4" ed ora "e-qualcosa" tutte tecnologie che agli albori devono essere strombazzate con relativo badge e che fanno solo sorridere a distanza di un paio di anni. Sembra che questa buffa abitudine sia ancora in voga e, a mio parere, costituisce uno degli elementi più fastidiosi delle attuali auto elettriche.
Ritratto di otttoz
6 maggio 2019 - 21:47
così si evita di pagare 1,8 miliardi alla Tesla per i “crediti verdi”...
Pagine