NEWS

Quarant'anni fa il primo Abs

22 agosto 2018

Il sistema di anti-bloccaggio dei freni è stato presentato il 22 agosto 1978: la prima a montarlo fu la Mercedes Classe S alla fine di quell'anno.

Quarant'anni fa il primo Abs

VITE SALVATE - Il 22 agosto 1978 la stampa fu invitata dalla Mercedes al centro prove di Untertürkheim, dove nei successivi tre giorni avrebbe assistito alla presentazione di un dispositivo fondamentale per la sicurezza delle automobili: la casa tedesca mostrò ai presenti il funzionamento del sistema di anti-bloccaggio delle ruote in frenata, l'Abs, una dotazione obbligatoria dal 2004 in Europa sulle auto nuove che evita il bloccaggio delle ruote nelle frenate più intense e fa sì che l'auto non “scivoli” con le ruote bloccate, a vantaggio degli spazi d'arresto (inferiori) e della direzionalità nei rallentamenti più bruschi. Il concetto alla base del sistema di anti-bloccaggio delle ruote può essere fatto risalire agli Anni 50, ma la presentazione della Mercedes di quarant'anni fa è considerata il momento in cui l'Abs venne dichiarato pronto per l'inizio delle vendite. La prima vettura ad utilizzarlo fu la Mercedes Classe S, che lo ricevette come optional alla fine di quell'anno.


Nelle immagini dell'epoca la Mercedes mostrava la differenza di comportamento tra due vetture uguali, con e senza Abs.

VERIFICA LA ROTAZIONE - L'Abs funziona grazie a sensori posti in ogni ruota, che trasmettono ad una centralina elettronica il numero di giri compiuti dalle ruote. Se rotazione nel corso di una brusca frenata si arresta significa che una ruota è bloccata: il pneumatico di conseguenza non fa attrito con il terreno ma slitta, causando un peggioramento degli spazi d'arresto e compromettendo la direzionalità dell'auto. In queste condizioni la centralina comanda la pompa idraulica dei freni e diminuisce la forza frenante sulla ruota bloccata, aiutando così il pneumatico a far presa nuovamente sul terreno, il tutto in frazioni di secondo. Grazie all'Abs è possibile premere il pedale del freno a tutta forza nelle frenate d'emergenza, perché saranno i sensori a reagire in occasione di slittamenti. La Mercedes depositò un brevetto per un sistema simile già nel 1953, ma prima ancora esistevano tecnologie del genere nel campo dell'aviazione, impossibili da riutilizzare perché l'Abs destinato alle auto doveva essere più raffinato e preciso: a differenza che sugli aerei deve funzionare anche con le ruote sterzate e su fondi stradali non ottimali.

15 ANNI DI SVILUPPO - La Mercedes tornò a lavorarci dal 1963, quando le tecnologiche erano più mature, ma dovette aspettare fino al 1970 per dare una prima dimostrazione del suo funzionamento. L'Abs venne ulteriormente affinato negli otto anni successivi e fu ordinabile a partire da fine 1978, quando sulla berlina di lusso Classe S poteva essere ordinato alla cifra di 2217 marchi. Due anni dopo si poteva avere a richiesta su tutte le Mercedes, che iniziò a offrirlo di serie su tutti i modelli a partire da ottobre 1992. I sensori dell'Abs sono stati utilizzati più di recente per altri sistemi di sicurezza, come ad esempio il controllo elettronico di stabilità e il regolatore di velocità adattivo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
22 agosto 2018 - 19:22
Bravi in Mercedes, stupenda la Mercedes S del 1973 design di Paul Bracq e poi Bruno Sacco in quegli anni e tecnologia già avanti per la sicurezza. In realtà l'ABS non fu il primo sistema anti bloccaggio, esisteva già il Dunlop Maxaret elettromeccanico derivato da quello in uso negli aerei, adottato dalla stratosferica Jensen Interceptor FF del 1966, auto oggi piuttosto dimenticata, che secondo me invece è tra le 100 auto (forse 10 anche) più grandi della storia.
Ritratto di Prrrrr
22 agosto 2018 - 20:03
La Classe S ha da sempre presentato e montato sistemi che poi sono diventati di uso "comune", ma lo hanno fatto Anni e Anni prima... ricordo il Motor Show del 99' dove le Classe S montavano gli schermi dietro i poggiatesta (1999), oggi si possono vedere in tantissimi modelli. Questi sono solo esempi x far capire che la Casa ha sempre precorso i Tempi, in questo caso l'ABS ma ha veramente innovato molto come anche Volvo, Citroen (sopratutto riguardo la sicurezza e non solo).
Ritratto di Giuliopedrali
22 agosto 2018 - 20:49
Be non solo Mercedes era innovativa ma tante marche, ora i cinesi, comunque interessante invece che i primi studi seri di sicurezza passiva iniziarono nell'immediato dopoguerra con Bela Bareny, ingegnere ungherese in Mercedes, capì che un auto era sicura se aveva l'assorbimento d'urto cioè non doveva essere uniformemente rigida. Comunque le prime auto piuttosto sicure in quegli anni pionieristici erano anche le Volvo (in realtà ancora meglio le SAAB), Austin, Alfa Romeo, Bristol, Studebaker e Rover. Poi dagli anni 70 quasi tutti i costruttori si occuparono di sicurezza.
Ritratto di Claus90
22 agosto 2018 - 22:12
La mercedes è sempre stata ambasciatrice di grande tecnologia sui suoi modelli di alta gamma che poi negli anni si sono sdoganate sulle auto di tutti i giorni, oggi questa sua particolarità è quasi svanita. Anni fa le Mercedes erano auto lussuose ricche di tecnologia e optional oggi non lo sono più in quanto sono accessibili a tutti e non per pochi.
Ritratto di Giuliopedrali
22 agosto 2018 - 22:25
Semplicemente una volta "Una Mercedes era costruita come una Mercedes" e lo notavi da ogni particolare.
Ritratto di voodoonet
24 agosto 2018 - 08:09
1
https://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_anti_bloccaggio
Ritratto di honda forever
22 agosto 2018 - 22:40
Quanti botti evitati!
Ritratto di bellaguida
23 agosto 2018 - 09:27
Mercedes the best or nothing
Ritratto di IloveDR
23 agosto 2018 - 12:05
4
e pensare che 40 anni fa i fiattari dicevano che un vero guidatore di stirpe italica non aveva bisogno di questi marchingegni germanici, perché l'italico guidatore aveva un ABS naturale nel piede destro...oggi lo abbiamo di serie su tutte le auto e le moto...sempre la solita presunzione di superiorità che col tempo si trasforma in arretratezza cronica...
Ritratto di Giuliopedrali
23 agosto 2018 - 12:47
Comunque Anche le auto italiane sono state molto innovative, oggi... E Mercedes oggi non è altro che un costruttore premium di qualità tra tanti, una volta: le riconoscevi dall'odore...
Pagine