NEWS

Nuova ondata di piste ciclabili: e la sicurezza stradale?

Pubblicato 17 settembre 2020

Città italiane invase dalle piste ciclabili. L’obiettivo dei comuni è migliorare la sicurezza stradale degli utenti deboli: chi va in bici o sui monopattini elettrici. Ma è davvero così? Il nostro test a Milano dice che, dietro le buone intenzioni, si nascondono guai seri.

Nuova ondata di piste ciclabili: e la sicurezza stradale?

ALLARME ROSSO - Nuova ondata di piste ciclabili in Italia: tutto lecito, grazie ai vari decreti che si susseguono e che consentono ai comuni di avere ampio margine di potere in materia di micromobilità urbana. A trainare il boom dei monopattini di proprietà (un milione circa) e a noleggio (decine di migliaia) è Milano. L’obiettivo del sindaco Sala e dei comuni è migliorare la sicurezza stradale degli utenti deboli: chi va in bici o sui monopattini elettrici. Ma c’è un ma. Ormai gli incidenti che coinvolgono i monopattini elettrici non si contano più, in tutto il Paese. All’ombra della Madonnina, solo negli ultimi due giorni, un incidente gravissimo (monopattinista in coma) e un altro in cui un 27enne straniero ha riportato un trauma cranico. Tanto che lo stesso Sala adesso frena: ha appena annunciato che, per ora, il numero di tavolette a noleggio (6000) non cresce. E che una dozzina di steward delle società di noleggio monitoreranno i comportamenti illeciti dei monopattinisti.

VIDEO-DENUNCIA - Il fatto è che adesso il problema è di difficile soluzione, come dimostra il nostro test a Milano (guarda il video qui sotto): dietro le buone intenzioni dei sindaci e degli assessori ai Trasporti, si nascondono guai seri. Anzitutto, le nuove piste ciclabili non sono per nulla protette: d’improvviso, presentano criticità pesanti. In generale, lo spazio nelle carreggiate è esiguo: questo non consente una pacifica convivenza fra i vari veicoli. In più, si moltiplicano le infrazioni da parte di tutti gli utenti. Non ultimo, mancano i controlli da parte di vigili in carne e ossa nelle zone più delicate.

VIDEO




Aggiungi un commento
Ritratto di Vincenzo1973
17 settembre 2020 - 18:42
ben vengano le piste ciclabili, ma il punto e' che questi monopattini poco o nulla c'entrano con esse. corro regolarmente in una pista ciclabile (aperta a persone e bici), ultimamente sono spuntati molti monopattini. il problema e' che chi li guida di solito e' assorto con cuffiette e pensieri suoi e non presta attenzione a nulla. mi hanno sfrecciato a pochi cm (se solo mi spostavo leggermente, non vedendoli arrivare da dietro, l'urto sarebbe stato inevitabile. sarebbe necessario anche usassero il caschetto perlomeno
Ritratto di otttoz
18 settembre 2020 - 08:48
giusto! targhino,casco e assicurazione per i monopattini!
Ritratto di xmatte
18 settembre 2020 - 12:07
Stando al video, la maggior parte dei problemi di chi va in monopattino ( e in bicicletta ) deriva da comportamenti errati (e criminali) di scooter, automobili, furgoni, camion.
Ritratto di Oxygenerator
18 settembre 2020 - 12:57
@ otttoz Giusto. Io aggiungerei le manette e l’arresto immediato nel caso di velocità superiore ai 3 km.
Ritratto di Vincenzo1973
18 settembre 2020 - 13:32
non voglio estremizzare. sono uno strumento valido per diminuire il traffico. da me molti ragazzi (perlopiu giovanissimi) li usano. ci vanno al mare ed in giro con gli amici. vanno usati con piu attenzione dai ragazzi. tutto qui
Ritratto di katayama
17 settembre 2020 - 18:53
Per la micromobilità la soluzione più sicura sono ancora le Adidas.
Ritratto di rv
17 settembre 2020 - 19:45
Giustissimo
Ritratto di flavio84
17 settembre 2020 - 21:13
:D
Ritratto di otttoz
18 settembre 2020 - 08:46
meglio gli ADAS che evitano gli investimenti
Ritratto di katayama
18 settembre 2020 - 10:24
Io, pur con gli ADAS, quando ne ho uno davanti alla mia auto non sono per niente sereno. Se mi finisce steso a terra per via d'una buchetta, rovina la vita ad entrambi. Non ha specchietti e quindi non mi vede, se si volta è pure peggio, non può segnalare il cambio di direzione perché il trabiccolo è già instabile quando condotto a due mani. Da un lato l'effetto giroscopico ne aumenta la stabilità e la direzionalità dall'altro quelle ruote vanno bene solo su certe pavimentazioni (a differenza dalle bici che hanno ben altri diametri). In quei frangenti, purtroppo, credo non ci sia ADAS che tenga...
Pagine