Nissan Serena e-Power: elettrica sì, ma ad autonomia estesa

26 ottobre 2017

In attesa che le batterie consentano autonomie superiori la Nissan monta sul alcune elettriche un motore termico che agisce da generatore.

Nissan Serena e-Power: elettrica sì, ma ad autonomia estesa

LA RICARICA È A BORDO - Debutta al Salone di Tokyo 2017 la Nissan Serena con l’e-Power, la tecnologia per le auto elettriche che consente di estendere l’autonomia, introdotta nel 2016 dal marchio giapponese sulla Note. Una soluzione già adottata da altri costruttori, come la BMW per la i3 Range Extender, che ha il pregio di assicurare bassi consumi ed emissioni, avere costi contenuti e autonomie in linea con le vetture tradizionali. La Serena e-Power è, di fatto, un’auto elettrica (motore e batterie sono simili a quelle della Leaf) al quale è aggiunto un motore a benzina con la funzione di generatore, ossia privo di trazione sulle ruote, ma pensato soltanto per produrre energia al fine di ricaricare le batterie. Una tecnologia che consente di utilizzare batterie più piccole, con conseguenti vantaggi in termini di costi e peso, e di eliminare l’ansia da rifornimento tipica delle vetture elettriche pure. 

CONSUMI IN CALO DEL 35% - Per capire i reali vantaggi della tecnologia e-Power della Nissan bisognerebbe analizzare le caratteristiche tecniche che, però, non sono state diffuse. La convenienza, comunque, dovrebbe essere consistente considerato che la più efficiente delle Note a benzina in listino, la 1.2 DIG-S, è accreditata di un consumo medio di 4,1 litri ogni 100 km contro i 2,7 stimati per la Nissan Note e-Power (-35%). Un risultato, quest’ultimo, che potrebbe essere ancora più contenuto se ci fosse la possibilità di ricaricare le batterie anche presso una colonnina, opzione che non sembra prevista sulla nuova Nissan Serena e-Power. 

A PRIMAVERA IN GIAPPONE - La Nissan Serena e-Power mantiene inalterate le qualità di versatilità e spaziosità dell’abitacolo delle “sorelle” tradizionali, ma aggiunge alcune doti tipiche della trazione elettrica, quale l’accelerazione più potente e reattiva e la maggiore silenziosità. La versione ad autonomia estesa è equipaggiata con il ProPilot, il sistema di guida autonoma su corsia singola in autostrada, e si distingue per alcuni accorgimenti estetici: le finiture blu sulla calandra, le luci posteriori a Led e i cerchi in alluminio con design aerodinamico. Stesse finiture blu sono presenti sui tessuti delle poltrone della fila posteriore. La Serena e-Power sarà commercializzata in Giappone dalla primavera del 2018, mentre non si conosce il suo destino per un eventuale sbarco in Europa.

Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
26 ottobre 2017 - 19:06
Una volta veniva venduto anche in Italia, ce l'aveva il padre di un mio amico. Certo che questo attuale con queste forme giapponesi sarebbe improponibile da noi altri.
Ritratto di silgiolo
27 ottobre 2017 - 11:30
Improponibile? E' sempre una questione di prezzo
Ritratto di maximepierre077
29 ottobre 2017 - 06:00
3
Mi chiedo come si possa scrivere un articolo più nullo e farcito di affermazioni superficiali: cito: "....eliminare l’ansia da rifornimento tipica delle vetture elettriche pure...."; ma che ansia! se un'auto elettrica è studiata per essere tale non hai nessuna ansia, magari con questa se hai pochi kW di batterie, ma generalizzarlo è come dire che le auto elettriche dando ansia perché se sempre lì che devi ricaricare le batterie: ma che scemata! "....se ci fosse la possibilità di ricaricare le batterie anche presso una colonnina, opzione che non sembra prevista sulla nuova Nissan Serena e-Power...." Ma come?!?!? Ho capito bene un'auto elettrica che si ricarica solo con un motore a combustione a bordo senza possibilità di ricaricarla alle colonnine: ma cosa ü uno scherzo oppure un errore dell'articolo: ma fatemi il piacere ed informatevi!