NEWS

Noble M500: un nuovo capitolo

13 luglio 2018

La piccola factory inglese Noble ha presentato un nuovo modello: la M500 ha un motore V6 da circa 550 CV.

Noble M500: un nuovo capitolo

IL MOTORE È DELLA FORD - La Noble M600 risale al 2010 ed è un modello con pochi eguali nel panorama attuale delle supersportive, perché ha il cambio manuale e non ha né il sistema antibloccaggio dei freni né il controllo elettronico della stabilità. Per guidarla serve avere un bel “manico”, considerando che il motore V8 biturbo eroga ben 650 CV. Per chi volesse una supercar meno estrema e più al passo con i tempi, il costruttore inglese ha presentato la Noble M500, la seconda vettura del suo listino, svelata al Goodwood Festival of Speed 2018. La nuova M500 è dotata di un motore Ford Ecoboost V6 3.6, lo stesso della Ford F-150, rivisto per erogare circa 550 CV e abbinato ad un cambio doppia frizione. La trazione è sulle ruote posteriori.

LINEE PIÙ MODERNE - La Noble M500 è bassa e ben proporzionata, come si addice ad una supercar, con un muso appuntito e forme sinuose. Appare molto curata dal punto di vista aerodinamico soprattutto nella parte posteriore dove troviamo discrete aperture nella carrozzeria per far fluire l’aria senza l’uso di antiestetici spoiler. La Noble non ha svelato per ora molti particolari sull'auto, ma si sa che la carrozzeria è in fibra di vetro e il peso dovrebbe aggirarsi intorno ai 1.250 kg. Il prezzo della Noble M500 sarà certamente inferiore rispetto ai 340.000 euro che la piccola factory inglese richiede per la M600. Dalle prime informazioni la M500 non sarà in vendita prima della fine del 2019.

Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
13 luglio 2018 - 13:11
Be la Noble difettava nel design troppo da kit car anni 90, ora sembra più contemporanea.
Ritratto di LOL25
13 luglio 2018 - 22:38
A me personalmente la linea delle kit car inglesi anni '90 piace un sacco, però de gustibus
Ritratto di Fr4ncesco
13 luglio 2018 - 13:39
Quella V8 è radicale, una supercar fatta con i canoni di altri tempi e ciò la rende praticamente unica. Con questa sembra che vogliano espandersi nel mercato delle supercar più in voga con un modello moderno e più semplice da gestire. Un'auto più trasversale diciamo.
Ritratto di tramsi
13 luglio 2018 - 16:14
Perché un appassionato dovrebbe prendere quando esiste una McLaren 720S?
Ritratto di Giuliopedrali
13 luglio 2018 - 16:23
Avendone da buttare: collezione.
Ritratto di flavio84
13 luglio 2018 - 17:19
Io la trovo elegante
Ritratto di alex_rm
14 luglio 2018 - 09:12
Cifre spropositate,considerando che a quei prezzi ci si può comprare Lambo Aventador,Ferrari,McLaren ecc.Forse qualche collezionista potrebbe comprarla. Su una supercar come minimo ci deve essere un V8
Ritratto di Giuliopedrali
14 luglio 2018 - 15:59
A quei livelli uno cerca non le prestazioni o la tecnologia, ma più l'esclusività. Comunque i marchi e i modelli, dalle super utilitarie per i paesi che si stanno motorizzando adesso a queste si stanno moltiplicando. Il 2020 è affascinante per la storia dell'auto quanto gli anni 60...
Ritratto di Agl75
14 luglio 2018 - 23:06
Io mi ritrovo fuori dal coro. Non ci trovo un granché di interessante: linea già viste e riproposte, soluzioni tecniche che di innovativo hanno poco. Qui di esclusività c’è poco. Personalmente, avendo il garage di 4 ettari mezzi vuoti, mi orienterei su una bella Lambo con tutte le finiture super personalizzate o, come già detto sopra, un gran McLaren.
Ritratto di verdebiancorosso
16 luglio 2018 - 19:34
mi sembra che i piccoli costruttori inglesi abbiano perso la bussola proponendo a prezzi doppi o tripli vetture con contenuti tecnici inferiori ai costruttori consacrati di super cars. Le macchine in kit che hanno fatto la fortuna di alcuni fino agli anni 70 credo che siano il loro bacino commerciale naturale. Il colpo per loro mortale potrebbero essere le operazioni di allestimenti speciali ed a richiesta di tutti i top, in una lista di nomi ormai vastissima