Peugeot Rifter: la famiglia è completa

23 febbraio 2018

Il nuovo multispazio Peugeot Rifter a 5 o 7 posti è il terzo componente del progetto che comprende anche Citroën Berlingo e Opel Combo.

Peugeot Rifter: la famiglia è completa

STILE DI MEZZO - Parente stretta di Citroën Berlingo e Opel Combo, la Peugeot Rifter è basata su una meccanica condivisa e ha linee simili alle “sorelle: cambiano la mascherina, i fari ed i paraurti. I tre costruttori rientrano infatti nello stesso gruppo industriale (la PSA) e offrono tre diverse interpretazioni dello stesso multispazio, che viene esposto in anteprima al Salone dell’automobile di Ginevra (8-18 marzo) in variante a 5 o 7 per il trasporto di passeggeri ma verrà offerto anche per usi professionali, dotato cioè di un ampio bagagliaio privo del divanetto. La Peugeot si è ispirata alle suv 3008 e 5008 e ha scelto dettagli ormai tipici della sua ultima generazione di vetture.

DUE LUNGHEZZE - La casa del Leone è intervenuta molto più in profondità sugli interni della Peugeot Rifter, che ha voluto personalizzare secondo la sua filosofia progettuale già vista sugli altri modelli della gamma, grazie al volante piccolo e ribassato e agli strumenti posti più in alto. La casa francese chiama questa soluzione i-Cockpit: a suo avviso dovrebbe migliorare la leggibilità dei quadranti, visto che si trovano più alto e quindi non costringono il guidatore ad abbassare lo sguardo rispetto alla strada. Lo schermo tattile del sistema multimediale è di 8” ad effetto tablet, cioè separato rispetto al mobiletto centrale. La Peugeot Rifter 2018 si potrà ordinare anche nella versione dal look sportivo GT Line e in due varianti di carrozzeria, che sulle Berlingo e Combo misurano 440 e 475 cm: è probabile che anche la Rifter avrà le stesse misure. I motori dovrebbero essere il benzina 1.2 e il diesel 1.5.

PER GLI AVVENTUROSI - Nel corso della rassegna svizzera verrà mostrata anche la proposta di stile Peugeot Rifter 4x4 Concept (qui sopra), rivolta agli amanti delle escursioni, grazie alle quattro ruote motrici (per ora non previste sulla Rifter) e al ricco allestimento: sul tetto c’è anche una tenda richiudibile. La Rifter 4x4 ha un look più “avventuroso”, l’assetto rialzato di 8 cm e pneumatici adatti anche al fuoristrada, secondo quanto annunciato dalla Peugeot, che ha scelto il motore a gasolio 1.5 da 130 CV. Il sistema di trazione integrale è stato messo a punto dalla D’Angelo, un’azienda francese specializzata in questo settore.

VIDEO
loading.......
Peugeot Rifter
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
16
16
10
2
3
VOTO MEDIO
3,9
3.851065
47
Aggiungi un commento
Ritratto di dottorstrange
23 febbraio 2018 - 10:09
Il nuovo Berlingo è carino. Ma Opel e questo Peugeot non mi sembrano venuti molto bene...se Tavares vuole espandersi nei light commercial vehicles deve fare di meglio
Ritratto di TurboCobra11
23 febbraio 2018 - 10:37
Per la Plancia, che è uguale per tutti, ha chiaramente deciso lo stile la Citroen. Comunque due messi male che comprano un'altra messa male, la Opel, in più con stili che sono a mio parere in peggioramento rispetto a qualche anno fa, sinceramente non comprerei nemmeno un azione Psa, per carità potrebbe riprendersi, ma nei prossimi anni è obbligata a rifare tutti i modelli Opel, perchè entro il 2024 deve abbandonare completamente telai e tecnologia GM, e secondo me se le economie di scala non vanno come sperato e le vendite nemmeno, Psa potrebbe sparire o ridimensionarsi nel giro di 10 anni. Io non ci credo nella ripresa di Psa.
Ritratto di MaurizioSbrana
23 febbraio 2018 - 11:13
1
Direi che ne hai sparate almeno un paio... la plancia su questo segue lo stile i-cockpit delle ultime Peugeot. Poi, per quanto si possa pensare che sono messi male, secondo me hanno tutti gli elementi per rilanciarsi alla grande. Di fatto la nuova c3 e la 3008 stanno assumendo quote di vendita di tutto rispetto nei loro settori. Poi non potranno piacere come linee, ma qualitativamente sono valide. E infatti le vendite gli danno ragione... secondo me psa è comunque molto più in salute di fca che campa sui ricavi del mercati del terzo mondo e delle vendite di jeep, senza le quali sarebbe in crisi nera...
Ritratto di dottorstrange
23 febbraio 2018 - 19:07
Ti sbagli, PSA è totalmente dipendente dall'Europa (il che è un grosso rischio), FCA è molto meglio ripartita su 3 fronti (Europa, Latinoamerica e soprattutto USA). Inoltre, i margini USA sono più alti di quelli europei in media. La criticità per entrambe sta nell'Asia. Ma mentre PSA malgrado un terzo della proprietà sia cinese non ha saputo sfondare, FCA con Jeep sta trovando un buon canale di ingresso a quanto pare. Per cui no: la tua analisi lascia a desiderare per vari motivi. Anche se mi sembra troppo pessimista anche l'analisi di PSA svolta sopra e credo che ce la faranno a integrare Opel ed a riprendersi, magari alleandosi con un altro produttore asiatico.
Ritratto di MaurizioSbrana
23 febbraio 2018 - 23:44
1
Essere totalmente dipendente dall’europa non so fino a che punto sia un grosso rischio, soprattutto se in europa si investe e si mettono sul mercato prodotti che vengono poi premiati dai numeri di vendita... so che molti apprezzano l’attuale dirigenza fca, ma sinceramente trovo stupido lasciare dominare io segmento B dalla polo e dalla c3, quest’ultima fra l’altro un ottimo prodotto, oppure trovo sciagurato voler contrappore la tipo alla 308, sul resto della gamma poi non commento per non scendere nell’imbarazzante. Poi sinceramente apprezzo molto come psa abbia tirato fuori in nemmeno 1 anno di proprietà prodotti come grandland x e crossland x dalle costole di prodotti già in casa quindi con basso impatto nei costi di sviluppo... magari non faranno numeri eclatanti, ma sempre meglio che far morire un marchio (leggi lancia...) o limitarsi a delocalizzare la produzione interna nazionale...
Ritratto di Francesco_93
23 febbraio 2018 - 12:08
c'erano una volta prima il 807 e poi il 5008...con l'avvento dei suv questi sono gli eredi delle vecchie monovolume
Ritratto di maxpickup73
23 febbraio 2018 - 12:33
veramente bello. chissà dal vivo quanto rende. quanto costa?
Ritratto di francesco.87
23 febbraio 2018 - 12:43
in linea col family feeling senza stravolgere una tuo cmq destianta a famiglia e lavoro, ottimo! dentro sono riuscitissime e tutte e 3 si differenziano cmq nel cruscotto, ognuno simile a quello delle altre vetture del proprio marchio
Ritratto di stefbule
23 febbraio 2018 - 12:47
11
Tra le 3 cugine è sicuramente il più bello, l'hanno svecchiato di brutto, tanto che quasi mi piace anche fuori. Non è auto da sbarbati ovviamente, ma per chi guarda alla praticità e alla famiglia, con prezzo-qualità giusto. Che dire poi degli interni e della manopola del cambio automatico, troppo bella. E' anche da queste cose che si capisce chi non sta fermo ma va avanti con soluzioni innovative....
Ritratto di IloveDR
23 febbraio 2018 - 13:11
4
è vero, bisognerebbe scegliere le Aziende che nonostante le difficoltà del periodo continuano a proporre Nuove Auto più evolute esteticamente ed in sicurezza
Pagine