NEWS

Pininfarina: a Ginevra con Fittipaldi EF7 e H600

8 marzo 2017

L’azienda torinese ha realizzato due prototipi dal carattere molto diverso: la sportiva Fittipaldi EF7 e la berlina H600.

Pininfarina: a Ginevra con Fittipaldi EF7 e H600

L’ex pilota brasiliano Emerson Fittipaldi ha chiesto alla Pininfarina di realizzare la coupé ad alte prestazioni Fittipaldi EF7 Vision Gran Turismo, sportiva costruita in numero limitato rivolta a collezionisti facoltosi: la coupé, secondo quanto annunciato, promette una dinamica su strada non troppo lontana dalle automobili da competizione. La EF7 è presente al Salone di Ginevra insieme alla berlina ibrida H600, costruita dalla Pininfarina con la società Hybrid Kinetic Group, di Hong Kong, che grazie al prototipo conta di farsi conoscere anche in Europa: l’azienda è specializzata in batterie e motori elettrici, ma il suo nome è poco conosciuto al di fuori dall’Asia.

FITTIPALDI EF7 - L’intento del pilota brasiliano (due volte iridato in Formula 1) era di costruire un’automobile vicina a quelle da corsa in termini di guidabilità e reazioni. Per questo motivo Fittipaldi, tramite la sua casa automobilistica, la Fittipaldi Motors, ha optato per il telaio in fibra di carbonio e per un motore V8 privo della sovralimentazione, più vicino a quelli da corsa in fatto di allungo e risposta ai comandi dell’acceleratore. La EF7 (foto qui sopra) ha linee ispirate ai prototipi da gara, soluzioni aerodinamiche molto evolute (a partire dalle feritoie sul cofano anteriore) e può essere personalizzata in molti dettagli, dalla vernice esterna fino alla posizione del logo. La Fittipaldi EF7 è stata disegnata dalla Pininfarina e sviluppata dall’azienda tedesca HWA, che gestisce per conto della Mercedes le vetture nel campionato turismo tedesco. In questo caso la HWA si è occupata della parte tecnica, lavorando sul cambio, sulle sospensioni e sull’impianto frenante. La EF7 si potrà guidare anche nel videogioco Gran Turismo.

HYBRID KINETIC H600 - La Pininfarina ha curato anche lo stile della berlina H600 (qui sopra), ammiraglia lunga 520 cm molto curata sotto il profilo tecnico ed estetico. La carrozzeria ha tratti levigati, il tetto ricorda quello di una coupé e l’assenza del montante centrale facilita l’ingresso a bordo, grazie al sistema di apertura delle portiere ad armadio. Le luci a led sono di aspetto minimale. La Pininfarina H600 ha un abitacolo per quattro e materiali di qualità elevata, a partire dal cuoio per i sedili, mentre lo schermo del sistema multimediale è collocato in senso trasversale e appare sospeso dal cruscotto. La principale caratteristica della H600 sta però nel sistema di alimentazione, dove un generatore alimentato da una turbina fornisce corrente quando le batterie sono scariche: la berlina funziona di norma come un’elettrica tradizionale, perché il sistema a turbina ha funzione solo di generatore. La potenza complessiva è di 816 CV e per lo 0-100 km/h bastano 2,9 secondi, a fronte di un peso nell’ordine dei 1.900 chili.

Aggiungi un commento
Ritratto di C200
8 marzo 2017 - 16:25
La berlina è fortemente ispirata alla stupenda aston lagonda taraf.
Ritratto di ReCosworth
8 marzo 2017 - 16:33
Invece la EF7 ha qualcosa della P1 Gtr, persino i cerchi in lega sono quasi uguali. Molto bella.
Ritratto di Luzo
8 marzo 2017 - 20:39
Tutto molto interessante. Però una domanda nasce spontanea: alle volte discutendo anche qui si è letto e scritto - faccio un esempio - che il tal costruttore non dovrebbe azzardarsi a dire che il proprio prodotto è premium, e non perché il prodotto non lo sia ma perché la fama o la ì pseudo tecnologia' in suo possesso non sono all'altezza, per non parlare dei fondi necessari ecc ecc: e in casi comequesti Fittipaldi o chi per lui di quali tecnologie dispone per poter far una ipersportiva leggerissima , con una certa cura aerodinamica ecc ecc ?
Ritratto di puccipaolo
8 marzo 2017 - 22:12
4
Evidente prova per sondare la prossima Maserati Quattroporte. Calandra, colore, proporzioni e dimensioni fino agli interni con l'orologio analogico al centro plancia. Serve per sondare le reazioni della gente mettendo soluzioni esasperate di quelle che troveremo nella prossima Quattroporte. Bella comunque. Certo gli interni da prototipo andranno rivisti soprattutto per un discorso di sicurezza. Con una frenata brusca ti procuri una lesione !!!