Le novità della Pirelli al Salone di Ginevra 2019

06 marzo 2019

La casa di pneumatici Pirelli è protagonista alla rassegna ginevrina con quattro novità assolute.

Le novità della Pirelli al Salone di Ginevra 2019

NON SOLO AUTO AL SALONE - Sono a 360 gradi le novità portate dalla Pirelli al Salone dell’auto di Ginevra. C’è la novità in materia di pneumatici, quella in tema di app funzionali all’automobile, poi la marcatura delle gomme e per ultimi gli pneumatici colorati. Tutte proposte che puntano a soddisfare la domanda di efficienza e funzionalità proveniente dagli automobilisti.

D’INVERNO COME D’ESTATE - La novità in materia di pneumatici è la nuova versione invernale della linea Pirelli P Zero, quella destinata alle alte prestazioni. Finora le condizioni di neve e ghiaccio erano un limite netto alle possibilità di avere alle ruote gomme dalla filosofia delle P Zero. Ora con le innovative P Zero Winter anche questa realtà è superata e gli automobilisti che guidano auto sportive e di prestigio hanno a disposizione anche d’inverno gomme che per soluzione tecniche, mescola e disegno del battistrada, riescono a dare la qualità di comportamento della linea P Zero con lo stesso livello di sicurezza e di controllo.

PER CHI GUIDA SPORTIVO - Pirelli propone poi la app Track Adrenaline che utilizzando l’intelligenza elettronica offre un’assistenza di informazioni articolata a chi scende in pista per cercare le massime prestazioni. Il programma Track Adrenaline è stato messo a punto dalla divisione Pirelli Technologie per i gentleman driver e i professionisti a cui offre ad ogni giuro una messe di informazioni utili per migliorarsi. Grazie a una apposita centralina facilmente installabile sulla vettura e all’abbinamento con le gomme Pirelli P Zero R (che all’interno dispongono di appositi sensori) chi è al volante ha a disposizione tutte le funzioni utili nella guida sportiva: cronometraggio, monitoraggio della pressione delle gomme, rilevamenti telematici, avvertenze su quando è opportuno scaldare gli pneumatici, quando le loro condizioni sono ottimali e si può spingere al massimo e quando è il momento di rientrare ai box.

PROPOSTA DEDICATA PER LE ELETTRICHE - New entry nella gamma Pirelli è la marchiatura “Elect” pensata per le auto elettriche e ibride plug in. La nuova possibilità di scelta offre anzitutto le caratteristiche comportamentali adatte a vetture che esprimono elevate doti di coppia, come sono appunto le vetture elettriche, capaci di grandi accelerazioni. Oltre a ciò manifestano una bassa resistenza al rotolamento che si traduce in grande autonomia e minore rumorosità.

PER RUOTE PERSONALIZZATE - Infine, a Ginevra la Pirelli presenta le prime gomme con i fianchi colorati omologate dalle case automobilistiche. In questo modo questa particolare soluzione di personalizzazione potrà essere disponibile anche in primo equipaggiamento. Primo modello a offrire questa possibilità sarà l’Aston Martin DBS per la quale saranno disponibili le gomme P Zero Color Edition. Intanto sono in corso le procedure per l’omologazione anche da parte di altri costruttori.



Aggiungi un commento
Ritratto di preda
7 marzo 2019 - 08:31
La mia opinione conta meno di zero, ma io ogni auto nuova con montate le pirelli, ho fatto dei gran testacoda. Certamente x le vetture sportive saranno anche buone, ma x noi comuni mortali, le definisco gomme che tengono quando sono nuove e poi diventano quattro vetri
Ritratto di Rikolas
7 marzo 2019 - 08:45
Non sono buone nemmeno per auto sportive, nonostante il costo esagerato e il nome altisonante. Esperienza negativa sia su 500 Abarth (che esce di serie con le 205/40 R17 PZero Nero) che con Giulietta QV (messe una volta per via di un forte sconto, misura 225/40 R18 sempre PZero Nero). Appena scaldate scivolano anche su asfalto asciutto, tendenza al sottosterzo accentuata nella guida sportiva, consumo rapidissimo delle spallette, in appena 10000km sono già alla frutta e dopo appena 6/7000km si ha un netto decadimento delle prestazioni. Sono passato alla Michelin Pilot 3 sul cinquino e 4 sulla Giulietta (non le 4S che mi riserv o di provare in futuro), un altro pianeta: costano quasi la stessa cifra delle PZero ma davvero si viaggia in un latro modo, a freddo la frenata allunga un pochino ma appena entrano in temepartura sono letteralmente incollate all'asfalto. Ottima stabilità in qualsiasi situazione, proverò la durata ma per ora mi trovo bene. Per le invernali anche qui esprimo riserve sulla linea Winter Sottozero: costano un botto e hanno codici di velcità ridicoli, essedo gomme per auto sportive non capisco perchè ad esempio per il cinquino vengono vendue con un codice "H" (appena 210 km/h), quando sul libretto si specifica W e V (270/240). Idem per la Giulietta QV, sempre codici al di sotto delle velcità massime del veicolo, contrariamente a tutte le gomme concorrenti invernali che al garantiscono invece codici di velocità ben superiori. Pirelli con me ha chiuso, tanto non è neanche più italiana (proprietà cinese), quindi non ci perdiamo nulla.
Ritratto di Ivan92
7 marzo 2019 - 14:44
8
Mai avuto un modello Pirelli sull'auto, ma ti assicuro che sulla moto le Pirelli Diablo Supercorsa sono spettacolari. I problemi che hai elencato forse non dipendono solo dalle gomme, ma anche dall'auto e dal conducente. Comunque che gomme invernali consigli nella misura 225/40 R19 (anteriori) e 255/35 R19 (posteriori) con il codice di velocità di almeno W (270 km/h) o Y (300 km/h). Le uniche decenti che trovo sono le Michelin Pilot Alpin PA4 e le Pirelli Winter 270 Sottozero S2 (mai provate nessuna delle due), tutte le altre hanno la V (240 km/h). Per l'anno prossimo prenderei di nuovo le Continental WinterContact TS 860 S con le quali mi sono sempre trovato benissimo, però anche loro si fermano alla V (240 km/h).
Ritratto di Rikolas
7 marzo 2019 - 16:10
Sulle moto non so, non ho esprienza, ma sulle auto molti lamentano i difetti da me elencati. Le auto che ho citato sono molto diverse da loro, una a passo corto con ponte torcente, l'altra con sospensioni indipendenti a passo medio lungo, eppure il comportamento è lo stesso. Con le Michelin Pilot la situazione è cambiata notevolmente, auto incollata a terra, sottosterzo praticamente scomparso, stabilità ottima, sono gomme di un altro livello, e non ho ancora messo le 4S che si avvicinano molto alle Cup della Michelin. Per le invernali il problema è che per il cinquino non c'è scelta, o Pirelli Sottozero 3 (con codice H!!) oppure Nexen Winguard Sport 2, discrete ma non al top. Continental magari , sono le migliori, ma ahimè sui cerchi R17 205/40 non esistono. Per la Giulietta si, quindi proverò.
Ritratto di Teo72
7 marzo 2019 - 16:35
"I problemi che hai elencato forse non dipendono solo dalle gomme, ma anche dall'auto e dal conducente." Ivan92, hai completamente ragione! Considerare auto sportive due utilitarie Fiat rimarchiate non è propriamente corretto... Le gomme Pirelli hanno il maggior numero di primi equipaggiamenti su costruttori prestige (Ferrari, McLaren, Lamborghini, Porsche, BMW, Etc..). più di tutti i suoi competitor messi assieme. per essere un primo equipaggiamento devi passare selezioni e test fatti coi piloti collaudatori delle case... che forse hanno più idea di come si valutano le prestazioni di un pneumatico di chi forse ha girato in pista 2 volte nella vita! giusto per dare un'idea se compri una McLaren (quella si auto sportiva) la riceverai SOLO gommata Pirelli!
Ritratto di Rikolas
7 marzo 2019 - 16:59
Ma hai letto cosa ho scritto sopra? Come mai con le Michelin non succede ciò che accade con le Pirelli? Cos'e le auto si trasformano? Inoltre facci sapere quale supercar guidi, dato che le mie sono delle solo "utilitarie" di cui da "appena" 240cv con motore della 4C... non vorrei giusto capire. Sei per caso Vettel?
Ritratto di Teo71
7 marzo 2019 - 17:19
Ho una Giulia Quadrifoglio gommata Pirelli.
Ritratto di Teo72
7 marzo 2019 - 17:26
non sono Vettel, e guido una tranquilla station wagon 4x4 automatica con 150 CV e addirittura rispetto i limiti di velocità... in pista ci vado spesso e guido anche auto con ben oltre il doppio dei cavalli della Giulietta, che è, e rimane, un'utilitaria fiat ricarrozzata! Autobild come credibilità conta come novella 2000! io non riporto mie "sensazioni" ma dati: BMW compra parecchie centinaia di migliaia di gomme Pirelli ogni anno per le sue macchine più performanti... il resto sono chicchiere! porgo distinti saluti e mi ritiro dalla discussione!
Ritratto di Rikolas
7 marzo 2019 - 17:05
Dimenticavo: dalle prove ufficiali di Autobild mettendo a confronto Michelin Pilot 4S e Pirelli PZero Nero, le secondo le escono con le ossa rotte: prove su auto molto performanti, M3/M4 ... o neanche quelle sono sufficientemente sportive?
Ritratto di Teo71
7 marzo 2019 - 17:21
Dimostri solo la tua ignoranza con questi commenti. Sulla BMW M3 ci vanno le Pirelli PZero Corsa. Le PZero Nero sono sottodimensionate.
Pagine