NEWS

Pirelli: il calendario dei 150 anni

Pubblicato 30 novembre 2021

Dopo lo stop a causa della pandemia, torna l’iconico calendario per il 2022 firmato da Bryan Adams. Un’edizione che celebra anche i 150 anni della Pirelli.

Pirelli: il calendario dei 150 anni

SI GIOCAVA “IN CASA” -  Si è svolta ieri sera a Milano, all’Hangar Bicocca, a pochi passi dal quartier generale della Pirelli, la presentazione della 48esima edizione dello storico calendario: in tanti anni ha visto impegnati i fotografi più celebri del mondo, che hanno immortalato personaggi, se possibile, ancora più noti. Per il 2022 a cimentarsi con obiettivi e set fotografici (fra Los Angeles e Capri) è stato il cantautore canadese Bryan Adams che, a quanto pare, ha talento non solo nella musica.

ON THE ROAD - È questo lo slogan del calendario Pirelli 2022: “on the road”, un fil rouge fra l’attività di chi progetta e realizza pneumatici e la vita dei musicisti protagonisti degli scatti del cantautore, da sempre impegnati in tournee e set cinematografici in giro per il mondo. A posare per le pagine patinate che ci accompagneranno nei prossimi mesi sono nomi del calibro di Cher, Grimes, Jennifer Hudson, Normani, Rita Ora, Bohan Phoenix, Iggy Pop, Saweetie, St. Vincent e Kali Uchis. Bryan Adams ha anche voluto comparire personalmente, nel mese di dicembre, mentre per quello di novembre la protagonista è la sua chitarra.

GRANDE ASSENTE - Purtroppo il cantante canadese, che per l’occasione ha anche realizzato un nuovo singolo che sarà incluso nel prossimo album (potete ascoltarlo sul sito del calendario, pirellicalendar.pirelli.com), non ha potuto partecipare alla serata di presentazione, a causa del covid che lo ha colpito proprio mentre era in viaggio dagli Stati Uniti a Milano e che lo ha costretto in isolamento in hotel. Bryan Adams ci ha però tenuto a collegarsi con il palco, dialogando con il ceo della Pirelli, Marco Tronchetti Provera, e con la conduttrice della serata, Victoria Cabello. In questa occasione è stato anche presentato il logo della Pirelli che ne celebra l’importante anniversario nel settore dei pneumatici (qui sotto): 150 anni… on the road.

VIDEO




Aggiungi un commento
Ritratto di fastidio
30 novembre 2021 - 13:23
6
Mah..io lo preferivo come cantante :o)
Ritratto di giocchan
30 novembre 2021 - 14:29
Il calendario Pirelli è sempre stato un punto d'arrivo per i migliori fotografi del mondo: HerbRitts, HelmutNewton, Peter Lindbergh, Mario Testino, Annie Leibovitz, Terrry Richardson... ora volete farmi credere che Bryan Adams è "nella top 10" dei migliori fotografi del mondo???
Ritratto di Dr.Torque
30 novembre 2021 - 15:42
Ci possono anche provare ma le immagini dimostrano il contrario. Bravino per carità ma non certo da calendario Pirelli.
Ritratto di bravehearth
30 novembre 2021 - 16:32
concordo. la foto migliore è quella nella gallery in cui compare lui. Ed evidentemente l'ha fatta qualcun altro :))))))
Ritratto di giulio 2021
30 novembre 2021 - 17:19
Nudo : nonononooo !
Ritratto di Oxygenerator
30 novembre 2021 - 20:50
Ma il calendario Pirelli che ricordo io era pieno di donne nude. Han cambiato stile ?
Ritratto di Voltaren
30 novembre 2021 - 21:12
Quest'edizione è così, si chiama "On The Road" e racconta la vita in tour degli artisti, tra alberghi e autostrade, pomeriggi in piscina e camerini. Niente modelle, dunque. D'altronde, il successo è adattarsi allo spirito dei tempi, quando non a precorrerlo, e già da qualche anno il Calendario ha abbandonato la bellezza plastica e, tutto sommato, stereotipata e gli ideali estetici irrealistici e irraggiungibili per aprirsi alla diversità e all'inclusione.
Ritratto di giulio 2021
30 novembre 2021 - 21:27
Che tristezza.
Ritratto di Voltaren
30 novembre 2021 - 21:34
Triste il suo commento. Le donne nude può guardarle altrove
Ritratto di Oxygenerator
30 novembre 2021 - 23:08
Vero. Ma era la cifra stilistica del calendario, almeno fino a quando mi è capitato di vederlo. Lo riconoscevo per quel motivo li. Vedendo queste foto, non avrei mai detto : ahh ma è un calendario Pirelli, perchè non l’avrei riconosciuto al primo colpo d’occhio.
Pagine