NEWS

Pirelli: il nuovo simulatore

Pubblicato 13 febbraio 2020

Inaugurato il simulatore per lo sviluppo dei pneumatici che consente tempi ridotti del 30%.

Pirelli: il nuovo simulatore

MEGLIO E PIÙ RAPIDAMENTE - La Pirelli ha inaugurato presso il suo stabilimento milanese della Bicocca un nuovo simulatore statico che consentirà di ridurre sensibilmente i tempi di sviluppo dei pneumatici. Più nel dettaglio il simulatore si trova nel centro di ricerca e sviluppo milanese e consentirà tra l’altro di rafforzare la collaborazione con le case automobilistiche che potranno disporre di una grandissima quantità di dati in tempo reale. Secondo quanto dichiara la Pirelli, con questa tecnologia si riduce di circa il 30% il tempo medio per lo sviluppo di nuovi pneumatici sia per uso stradale sia per le competizioni,  grazie all’utilizzo di veri e propri prototipi virtuali. Sempre rispetto ai precedenti sistemi di progettazione, questo simulatore si potranno installare i più svariati modelli di vettura e riprodurre qualsiasi condizione di guida, agevolando perciò anche le stesse case costruttrici che potranno perciò realizzare nuovi modelli perfettamente compatibili con i prodotti della Pirelli.

ORIGINI SPORITIVE - La simulazione nel campo dei pneumatici ha origini “sportive”, in quanto viene utilizzata da 10 anni per la progettazione e il test dei pneumatici da Formula 1, oltre che per altre categorie. Il simulatore della Pirelli è prodotto dall’azienda specializzata VI-grade ed è composto da uno schermo cilindrico con un’estensione di 210° e diametro di 7,5 m per riprodurre visivamente i diversi circuiti e le varie condizioni di guida. Il collaudatore, seduto su un vero sedile con volante e pedaliera, si trova perciò “immerso” in una realtà virtuale che riproduce fedelmente qualsiasi variazione o imprevisto che possono verificarsi alla guida. Va detto infine che la simulazione nel campo della progettazione delle gomme ha origini “sportive”, in quanto viene utilizzata da 10 anni per la progettazione e il test dei pneumatici da Formula 1, oltre che per altre categorie.



Aggiungi un commento
Ritratto di OB2016
14 febbraio 2020 - 07:06
Simulatore statico: cioè non come i soliti con la cabina di guida attiva, vedi il sito di VI-Grade, mi chiedo a cosa servirà se il pilota non un feedback attivo del comportamento stradale dell’auto.
Ritratto di Giulio Menzo
15 febbraio 2020 - 15:20
Vedremo se sarà davvero utile...