NEWS

Porsche Mission E: eccola su strada

4 ottobre 2017

La berlina elettrica, attesa nel 2018, avrà prestazioni di riferimento e un sistema per velocizzare la ricarica delle batterie.

Porsche Mission E: eccola su strada

LINEE INCONFONDIBILI - La presenza dei terminali di scarico non deve tradire, perché il nuovo modello a cui la Porsche sta lavorando in questo periodo è una berlina elettrica ad alte prestazioni, ispirata alla vettura laboratorio Porsche Mission E, mostrata nel 2015 e attesa nei concessionari quasi certamente entro il prossimo anno. Un esemplare di prova della berlina tedesca è stato fotografato da Auto Motor un Sport nei pressi del centro di ricerca e sviluppo a Weissach (Germania), “vestito” con una carrozzeria molto simile a quella che troveremo sull’auto in vendita: la Mission E richiama il prototipo e appare molto sportiva, in particolare dietro, dove l’alettone a forma di becco e gli archi passaruota molto sagomati richiamano la 911. L’auto in vendita sarà priva dei terminali di scarico, superflui quando il motore è elettrico.

DUE MOTORI - La Porsche Mission E sarà una concorrente diretta della Tesla Model S ed è un modello fondamentale per la casa tedesca, che mai ha realizzato un’auto elettrica pura per il mercato di massa. L’auto porterà quindi all’esordio un lungo elenco di innovazioni. Una di queste sarà la base meccanica J1, specifica per modelli a zero emissioni ma diversa rispetto a quella che l’Audi utilizzerà per il crossover e-tron: il pavimento sarà ribassato e di conseguenza il baricentro si troverà più vicino a terra, stando alle indiscrezioni, quindi il comportamento su strada tipico di una Porsche non verrà compromesso. La berlina avrà batterie agli ioni di litio e due motori, in grado di sviluppare circa 600 CV e di garantire un’accelerazione 0-100 km/h in meno di 4 secondi. Le percorrenze saranno nell’ordine dei 500 chilometri, ma i tecnici della Porsche hanno quasi ultimato un sistema di ricarica ultra-rapida delle batterie: l’80% si potrà ricaricare in 15 minuti, grazie all’impianto elettrico di bordo a 800V sviluppato insieme alla Hitachi.

Aggiungi un commento
Ritratto di Claus90
4 ottobre 2017 - 21:12
Assomiglia vagamente una tesla karma
Ritratto di AMG
5 ottobre 2017 - 00:11
Fisker?
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
6 ottobre 2017 - 23:24
Già Fiker Karma già fallita, nel 2012, ed ora ripresa da un ricco cinese è gia uscito lil nuovo modello?
Ritratto di The Krieg
4 ottobre 2017 - 21:18
Sembrerebbe bella.
Ritratto di twinturbo
4 ottobre 2017 - 23:22
Puntualizzare che il baricentro resterà basso mi sembra superfluo, con le batterie (presumendo come Tesla) a fare da "pavimento" del telaio sarà un vantaggio automatico. Il discorso da invece eventualmente approfondire sarebbe il peso finale previsto
Ritratto di hulk74
4 ottobre 2017 - 23:59
Io sono ottimista, ma credo saranno pronte quando sarà disponibile la nuova generazione di batterie ("ioni solidi")
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
6 ottobre 2017 - 23:09
("ioni solidi") (?????) hahahahahaha co'è? ennesimo frutto dell'igegneri tentonica! Hhahahahahah!
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
6 ottobre 2017 - 23:25
"dell'igegneria"
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
6 ottobre 2017 - 23:25
a ridaie "dell'ingegneria"
Ritratto di Ercole1994
5 ottobre 2017 - 08:01
Secondo me, doveva essere così la Panamera: bassa e filante, senza per forza essere un berlinone sproporzionato. Per me, promette bene su tutti i fronti questa Mission-E.
Pagine