NEWS

PSA: il primo semestre 2020 è in utile

di Paolo Alberto Fina
Pubblicato 28 luglio 2020

Il fatturato si è ridotto del 34,5%, e le vendite si sono quasi dimezzate, ma il Groupe PSA ha guadagnato 517 milioni lordi.

PSA: il primo semestre 2020 è in utile

BATOSTA - Composta dai marchi Citroën, DS, Opel e Peugeot, oltre che dalla divisione finanziaria Banque PSA Finance e dal produttore di parti Faurecia, la francese Groupe PSA è il secondo costruttore europeo in termini di consegne. Oggi ha pubblicato il bilancio economico del primo semestre 2020, gravemente influenzato dagli effetti della pandemia, come fa intendere il calo del fatturato: è diminuito a 25,12 miliardi di euro, il 34,5% in meno rispetto a gennaio-giugno 2019. La divisione automobilistica ha fruttato 19,59 miliardi, il 35,5% in meno, mentre il giro d’affari della Faurecia, che si occupa della componentistica, si è ridotto del 31,2% a 6,17 miliardi.  

IN UTILE - L’amministratore delegato della PSA, Carlos Tavares (nella foto qui sopra), può comunque vedere il bicchiere mezzo pieno, perché il gruppo è ugualmente riuscito a generare profitti: saranno pochi i rivali a fare altrettanto, considerato il tracollo subito dal mercato dell’auto mondiale. La divisione automobilistica ha chiuso il semestre con un margine operativo lordo di 731 milioni di euro, il 72,% rispetto ai 2,657 miliardi di gennaio-giugno 2019; ne deriva un margine del 3,7% per auto venduta, ottimo per un gruppo senza marchi di lusso ad altissima redditività (era dell’8,7% a giugno 2019). La Faurecia invece è stata in perdita di 159 milioni, contro l’utile di 634 milioni del primo semestre del 2019. La PSA, alla luce di questi risultati, ha chiuso il semestre con 517 milioni di margine operativo lordo. 

CRISI NERA IN CINA - Il Groupe PSA è riuscito a generare profitto nonostante il crollo delle vendite, diminuite del 45,7%: erano 1,903 milioni a giugno 2019, sono state 1,033 milioni a giugno 2020. Il mercato principale è stato quello europeo, con 885.000 immatricolazioni, il 47,3% in meno rispetto al primo semestre del 2019, davanti al Medio Oriente e all’Africa: qui la PSA ha venduto 71.000 auto, il medesimo numero di quelle immatricolate un anno fa. In Cina le vendite sono passate da 60.000 a 22.000, per un calo del 62,4%, un’inezia per un gruppo così ambizioso. In America Latina la contrazione è stata pari al 46,4%, a 37.000 unità.





Aggiungi un commento
Ritratto di BioHazard
28 luglio 2020 - 12:11
Non vendono una s*ga fuori dall'Europa
Ritratto di Ferrari V12 6-5L
28 luglio 2020 - 15:36
È per quello che si fondono con FCA, FCA va forte in America tutta (nord e sud in particolare), mentre PSA va forte in Europa. Devono trovare il modo di andare forte in Asia, però visto le macchine più vendute la devono aprire una fabbrica anche là e farle strane, visto che sembra che quelle strane (almeno per noi Europei) là vendano molto.
Ritratto di DajeAo
28 luglio 2020 - 16:28
Vedremo i nuovi modelli che usciranno dalla fusione Stellantis (Psa-Fca), per me faranno grandi cose o almeno spero :)
Ritratto di otttoz
28 luglio 2020 - 16:43
Mentono
Ritratto di Cilindrata
29 luglio 2020 - 00:31
Un grande gruppo malato, che sforna auto poco attraenti e affidabili, comprate per lo più dalla classe medio-bassa europea.
Ritratto di Cilindrata
29 luglio 2020 - 00:31
Un grande gruppo malato, che sforna auto poco attraenti e affidabili, comprate per lo più dalla classe medio-bassa europea.
Ritratto di Gianpietro59999
29 luglio 2020 - 06:40
Ma se Peugeot ha presentato alcune tra le auto più belle di questi ultimi anni.. quali sarebbero le auto attraenti?
Ritratto di Flynn
30 luglio 2020 - 08:33
Molto belle davvero. Peccato si ostinino a montarci i frullini
Ritratto di Fantomas72
29 luglio 2020 - 15:39
In un recente studio su 900 aziende internazionali è emersa tutta la fragilità dell’automotive. Con 192 miliardi di dollari di debito, Volkswagen si colloca al primo posto tra le aziende più indebitate del mondo. Daimler è la terza azienda più indebitata al mondo con 151 miliardi di dollari di debito. Non molto indietro c’è Toyota con 138 miliardi di dollari di debiti, Ford con 122 miliardi di dollari e BMW con 114 miliardi di dollari... Le Peugeot piacciono parecchio .., mentre alcune premium vedi per esempio le BMW , sono piuttosto poco attraenti..!!
Ritratto di Hydrogen4all
29 luglio 2020 - 12:03
Quando in un bilancio calano le revenue e l EBIT rimane positivo c e solo un modo 1- licenziare 2- cassa 3- ritardare investimenti e pagamenti Non si creano soldi dal nulla