NEWS

Raesr Tachyon Speed: supercar elettrica senza compromessi

14 novembre 2017

Bassa, lunga e molto leggera, la Tachyon Speed ha sei motori elettrici per complessivi 1.250 CV.

Raesr Tachyon Speed: supercar elettrica senza compromessi

È QUESTO IL FUTURO? - Sono in molti a ritenere che le supersportive del futuro avranno uno o più motori elettrici, con i quali far dimenticare agli appassionati la sinfonia e l’erogazione brutale dei grandi V8 e V12 aspirati. I modelli con queste caratteristiche devono ancora imporsi sul mercato, ma ciò non significa che le proposte siano assenti. L’ultima ad arrivare in ordine di tempo è la Tachyon Speed, una coupé ad altissime prestazioni realizzata dal piccolo costruttore californiano Raesr (da pronunciarsi racer), che attraverso questo modello di stile vuole prefigurare come saranno le coupé elettriche del futuro. La Tachyon Speed impiega 6 motori a batterie e sviluppa più di 1.250 CV, stando al costruttore, che promette un’accelerazione da 0 a 96 km/h in meno di 3 secondi e una velocità massima di 385 km/h.

L’AERODINAMICA SOPRA TUTTO - La Tachyon Speed ha una carrozzeria bassa e modellata dal vento, che la Raesr ha disegnato senza badare a compromessi: la lunghezza generosa (495 cm) e l’altezza di soli 103 cm fanno sembrare l’auto piantata a terra. Le grandi aperture migliorano il passaggio dell’aria e schiacciano la carrozzeria verso il suolo, facendo aumentare la reattività ai comandi dell’acceleratore. Il guidatore può scegliere due diverse configurazioni del pacchetto aerodinamico: quella più blanda genera 182 kg di spinta a terra a 240 km/h, stando alla Raesr, mentre quella più estrema produce oltre 450 kg. Personalizzabile dal guidatore è anche l’altezza da terra. Il costruttore non ha fornito molte informazioni sulla batteria, ma secondo i primi dati è in grado di assicurare percorrenze in città superiori a 240 km.

MATERIALI RICERCATI - L’azienda californiana ha riservato invece ben altre cure alla parte meccanica, nel tentativo di migliorare la risposta ai comandi e l’efficacia di guida in pista. La Raesr Tachyon Speed ha il telaio in cromo molibdeno e la struttura interna in kevlar, materiali utilizzati in virtù della loro leggerezza: l’azienda dichiara un peso a secco di 1.340 kg, molto contenuto per un modello con queste dimensioni e caratteristiche. Sulle reazioni al volante incidono anche il controllo di trazione regolabile, le quattro ruote motrici e il sistema torque vectoring, che trasmette la potenza alle ruote in curva riducendo le perdite di aderenza. La Raesr sta raccogliendo le prenotazioni per l’auto, ma il prezzo al momento non è stato annunciato.

Aggiungi un commento
Ritratto di Fr4ncesco
14 novembre 2017 - 14:05
6 motori e 1250CV per non raggiungere nemmeno i 400 mentre la Agera con un solo e preistorico V8 e 100CV in meno supera i 450kmh. Comunque notevole che nonostante il tutto pesi solo 1340kg quando auto tecnicamente simili se va bene ne pesano almeno 1500.
Ritratto di francesco.87
14 novembre 2017 - 17:24
gli elettrici non possono raggiungere velocità proibitive, penso però che questa ora come ora dia la polvere a tutte almeno fino ai 350
Ritratto di Rikolas
14 novembre 2017 - 18:25
Supercar elettrica = RIDICOLO! Può avere anche un milione di cavalli e andar più veloce di uno Shuttle, sempre uno schifo di macchinina elettrica rimane, ma che senso ha? Senza sound, senza la minima emozione legata al piacere di ascoltare la MUSICA di un V12! Rimpiango le VERE supercar di un tempo, altro che queste automobiline telecomandate per bauscia agli apericena... tristezza infinita, come ammazzare il mondo delle auto sportive.
Ritratto di Clementina Milingo
14 novembre 2017 - 22:37
sei solo un vecchio che vive nel passato. meriteresti di rinunciare a tutto quello che offre il progresso: acqua calda, aria condizionata, e il viagra su tutto.
Ritratto di Leonal1980
15 novembre 2017 - 00:12
Ahaha Bella! Vero! Concordo!
Ritratto di snake76
15 novembre 2017 - 13:36
Sicuramente Rikolas parla da appassionato e io da appassionato concordo con lui. Detto questo, Clementina, trovo il tuo commento oltremodo offensivo, "e il viagra su tutto" poi te lo potevi anche risparmiare, cioè praticamente gli stai dando dell'impotente. Ognuno è libero di dire ciò che vuole, e se il futuro è questo lo decideranno le politiche green e di conseguenza il mercato, ma insultare così è un pochino esagerato, non trovi?
Ritratto di snake76
15 novembre 2017 - 13:38
Poi proprio tu che sul tuo profilo c'è scritto al volate di una Maserati GranTurismo che è tutto tranne che elettrica, da che pulpito viene la predica.....
Ritratto di querelle61
15 novembre 2017 - 11:03
Non sono d'accordo: una "supercar" deve prima di tutto avere prestazioni "super" e questa mi pare le abbia, in accelerazione nemmeno il piu evoluto e sofisticato motore termico può o potrà mai reggere il confronto con un elettrico, che ti dà tutta la coppia fin dal regime minimo. Ed in quanto al sound....sicuramente si troverà un modo per simulare quello più gradito al conducente, visto che già esistono sistemi del genere, tipo ad esempio quello delle Maserati per simulare sui modelli diesel il sound di V8 o V12 sportivo. E visto che questi "mostri" hanno prezzi "da supercar".
Ritratto di v8sound
15 novembre 2017 - 13:40
Peccato che i fatti la smentiscano: supercar tipo Aventador e Porsche 911 GT2 RS hanno accelerazioni 0-100 simili con potenze del 40% in meno rispetto a questa EV. Se prendiamo a riferimento il tempo sul giro al ring, il record attuale è di una EV, vero, tuttavia a seguire troviamo una serie di endotermiche con metà della cavalleria a disposizione. Questi sono fatti, le sue, con tutto il rispetto, i soliti luoghi comuni dei pro elettrico. Che l'elettrico sulla carta abbia dei vantaggi in termini di coppia disponibile da subito è innegabile, forse le sfugge che hanno inventato i cambi proprio per ovviare a questo "limite" dei motori termici. Riguardo al sound, la sua opinione non merita neanche risposta. Mi limito a constatare che seguendo il suo ragionamento, si potrebbe fare a meno di produrre le supercar e sostituirle con dei simulatori, tanto... "già esistono sistemi del genere".