NEWS

Rca: nel 2010 abbiamo speso in media il 18% in più

23 febbraio 2011

Il calcolo lo ha fatto l’AIBA, l’associazione dei broker. Gli automobilisti italiani nel 2010 hanno pagato di più, nonostante il miglioramento dei conti per le compagnie. La colpa? Dei falsi incidenti e delle assicurazioni-fantasma.

UN QUARTO IN PIÙ - Secondo le stime dell’AIBA, l’associazione degli intermediari di prodotti assicurativi (i cosiddetti broker), l’anno scorso gli automobilisti italiani hanno pagato in media il 18% in più per la loro assicurazione Rca. Come tradizione, chi vive al sud ha sostenuto un esborso maggiore (per esempio +31% a Napoli) mentre per chi vive nel centro e nel nord Italia l’aumento è stato un po’ meno oneroso (+14,4% a Roma e +9,9% a Milano). Il Sole 24 Ore di oggi, oltre a riportare queste cifre, pubblica anche un’analisi di Francesco Paparella, presidente dell’AIBA, che parla di aumenti “nonostante l’evidente miglioramento degli indicatori tecnici del comparto” (ovvero il rapporto fra sinistri e premi e quello fra spese di gestione e premi).

COLPA DEI FURBETTI
- Sempre secondo Paparella, i rincari sono dovuti ad alcune disfunzioni del settore, a partire dal “proliferare delle compagnie fantasma, per passare alle società commissariate e al sempre fiorente mercato dei falsi sinistri”. La soluzione al caro-assicurazione, comunque, non pare esistere: sempre secondo l’AIBA le recenti “compagnie dirette” (quelle che operano solo online) sono rincarate più di quelle tradizionali (+21,4% in media le prime, contro il +17,9% delle seconde), assottigliando così la loro convenienza.

Aggiungi un commento
Ritratto di Khein
23 febbraio 2011 - 17:25
CRIMINALI. E boccalone chi crede alla storia fantastica "Dei falsi incidenti e delle assicurazioni-fantasma". E' vero che esiste come fenomeno, ma a giustificarlo per l'aumento medio quasi del 20% sul territorio nazionale è da folli.
Ritratto di Nano86
23 febbraio 2011 - 17:25
Non capisco perchè noi dobbiamo pagare perchè loro non riescono a tutelarsi. I upermercati pagano fior di soldoni per dei corpi di vigilanza privati, i negozi per telecamere a circuio chiuso e sistemi d'allarme e antitaccheggio, le banche poi non ne parliamo. Soltanto perchè le assicurazione vivono in un sistema di mercato schifosamente privilegiato, vale a dire, un portafoglio clienti garantito (un'auto= un'assicurazione), prezzi pressochè a cartello, contratti a silenzio assenso, e, a quanto pare, nessun clamiere dei prezzi (e il famoso mister prezzi cosa fa, dorme a spese dei contribuenti?), non vedo perchè non debbano tutelarsi, ricorrere maggiormente ai periti,mettere una clausula che vieti il pagamento di infortuni di poco conto come il colpo di frusta (mia madre, dopo un'operazione di ernia cervicale, nella quale le hanno sostituito 2 vertebre con una protesi, ha lavorato tranquillamente col collare, non vedo perchè non lo possa fare uno con un colpo di frusta), aprire indagini contro i falsi sinistri. Ma forse fa comodo continuare apiangersi addosso e far pagare di più gli automobilisti, che tanto non hanno alternative. E se la prendono in quel posto due volte,perchè coi continui rincari il fenomeno dei finti tagliandi è in crescita.
Ritratto di meandme
23 febbraio 2011 - 17:44
questi prendono tutte le truffe fatte in campania lazio calabria puglia sicilia .......danno una bella mescolata al calderone..... e presentano il conto ......
Ritratto di Mister Grr
23 febbraio 2011 - 17:49
il tuo operato è ottimo finora. Ooooh.
Ritratto di rafficiè
24 febbraio 2011 - 15:11
ma sai chi è veramente mister prezzo???? adesso ti spiego come funziona: Fanno ogni mese un'estrazione in Parlamento e regalano una calzamaglia blu ad il politico estratto. Questo personaggio viene nominato "Mister PRezzo del Mese" (titolo nobiliare molto ambito che da diritto ad una doppia pensione), e a quel punto comincia a volare per l'italia (con ALitalia businees class pagata da noi) per scovare le ingiustizie che girano nel nostro paese. Così Dopo aver appurato che in italia le zucchine sono cresciute del 300%, le RCA dell'250% e le autostrade dell'80% negli ultimi 3 anni, stende una relazione finale dei soldi che sono finiti in più nelle tasche dei politici proprio grazie a questi aumenti. e così che funziona Mister Prezzo Giusto.....
Ritratto di SHAOLIN QUAN
23 febbraio 2011 - 23:36
In questo Paese se fai uno scontrino in meno ti chiudono l'esercizio,se paghi una multa ti contestano pure la notifica(non buttate mai le buste!),se superi di 11 km/h limiti di 30,fioccano sanzioni ma..se fai una truffa alle assicurazioni....booh,nn succede niente?Mi chiedo,ma se in Campania ci sono falsi incidenti,le Assicurazioni come fanno a sapere che sono falsi?E se sanno che sono falsi perche'nn intervengono?E lo Stato cosa fa?Si ok e'un libero mercato,ma se un privato(le Assicurazioni,per intentenderci)dichiara che ci sono truffe,perche'non le denuncia e perche'lo Stato non controlla?Possibile che si controllino solo le cretinerie?Controllano a me se supero di 2 km/h i limiti...ma per piacere!!!
Ritratto di Nano86
27 febbraio 2011 - 10:59
Come ho scritto nel mio itervento, contestare una truffa richiede soldi, tempo, e noie per entrare in causa; e non c'è la certezza di vincere. E' molto più semplice e comodo rifarsi su tutti aumentando il premio. Tanto, il mercato delle assicurazioni ha la clientela garantita dallo Stato, dunque un introito certo e sicuro. Conta che la maggior parte dele polizze ha anche il tacito rinnovo o silenzio assenso, quindi, se prima di 30 giorni dalla scadenza non dichiari di voler annullare il cotratto, ti arrva a casa la busta con la fattura da pagare. Hanno messo il preventivatore, ma in realtà, ho provato, i preventivi reali sono ben diversi da quelli del comparatore dell'isvap. E, confrontati per bene, si vede palesemente che i prezzi sono a cartello, come prima della liberalizzazione. E' come fa lo stato per le tasse, se qualcuno non paga, non si indaga di lui, ma si spalma la sua parte su chi è onesto e paga.
Ritratto di gabryf
24 febbraio 2011 - 00:54
non so se qualcuno ha mai visto "bug's life" lungometraggio d'animazione, beh in questo film inizialmente c'e una colonia di formiche che sottostà alla "tirannia" di un gruppo cavallette che sottragono loro il cibo del raccolto... non ve la faccio lunga,cmq alla fine le formiche si ribellano perché capiscono che unite sono loro le più forti e scacciano le cavallette. E' quello che succederà prima o poi con questa maledetta benzina!non capiscono che dipendono da noi,ma ricordatevi magnati del petrolio,cosí come vi abbiamo fatto arricchire,cosí vi faremo cadere in miseria!!la ruota gira per tutti!!!
Ritratto di gabryf
24 febbraio 2011 - 00:54
non so se qualcuno ha mai visto "bug's life" lungometraggio d'animazione, beh in questo film inizialmente c'e una colonia di formiche che sottostà alla "tirannia" di un gruppo cavallette che sottragono loro il cibo del raccolto... non ve la faccio lunga,cmq alla fine le formiche si ribellano perché capiscono che unite sono loro le più forti e scacciano le cavallette. E' quello che succederà prima o poi con questa maledetta benzina!non capiscono che dipendono da noi,ma ricordatevi magnati del petrolio,cosí come vi abbiamo fatto arricchire,cosí vi faremo cadere in miseria!!la ruota gira per tutti!!!
Ritratto di gabryf
24 febbraio 2011 - 00:54
non so se qualcuno ha mai visto "bug's life" lungometraggio d'animazione, beh in questo film inizialmente c'e una colonia di formiche che sottostà alla "tirannia" di un gruppo cavallette che sottragono loro il cibo del raccolto... non ve la faccio lunga,cmq alla fine le formiche si ribellano perché capiscono che unite sono loro le più forti e scacciano le cavallette. E' quello che succederà prima o poi con questa maledetta benzina!non capiscono che dipendono da noi,ma ricordatevi magnati del petrolio,cosí come vi abbiamo fatto arricchire,cosí vi faremo cadere in miseria!!la ruota gira per tutti!!!
Pagine